Busto Arsizio. Arrestati due ragazzi per rapina e aggressione avvenuta sul treno Milano-Malpensa

0
248

BUSTO ARSIZIO, 12 ottobre 2022-La Polizia di Stato di Busto Arsizio ha arrestato i due autori di una efferata rapina commessa lo scorso mese di giugno sulla banchina della stazione ferroviaria Busto Arsizio Nord.
Ai due, stranieri (un colombiano e un turco) poco più che ventenni residenti in città, gli Agenti del Commissariato di via Foscolo  hanno notificato un’Ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip e richiesta dalla Procura della Repubblica di Busto Arsizio.

I fatti risalgono alla mattinata del 25 giugno scorso, quando una Volante era intervenuta in stazione chiamata da due giovani che, doloranti, avevano spiegato ai poliziotti di essere stati appena picchiati e rapinati.
Mentre erano in viaggio sul treno proveniente da Milano e diretto a Malpensa, arrivati all’altezza di Busto Arsizio erano stati avvisati da un altro passeggero che un ragazzo, approfittando del fatto che uno di loro si era addormentato, aveva rubato il suo cellulare.

I due amici avevano chiesto al presunto ladro di restituire l’apparecchio ma quello, negando di averlo rubato, era sceso dal treno con altri ragazzi e ragazze in sua compagnia. Il derubato e il suo amico erano a loro volta scesi dal treno continuando a chiedere
la restituzione dell’I-phone anche  perché, avendolo chiamato e fatto suonare, avevano ormai la certezza che l’apparecchio fosse nelle tasche del colombiano. A quel punto è scattata la  reazione del ladro e di uno dei suoi amici, il turco appunto, che si sono scagliati contro i due malcapitati con pugni e calci continuando a colpirli  anche quando, avendo avuto la peggio, erano caduti a terra; non paghi, i malfattori si erano anche impossessati dell’orologio e degli occhiali da sole  del proprietario del cellulare e avevano tentato di appropriarsi del telefonino del suo amico. La violenza
usata nella rapina veniva poi documentata dai  referti del Pronto Soccorso dove alle due vittime venivano riscontrate rispettivamente la frattura delle ossa del naso e contusioni e abrasioni in varie parti del corpo.

Gli investigatori del Commissariato hanno subito avviato le indagini per identificare i responsabili, ai quali sono riusciti a dare un nome grazie alle immagini registrate dalle telecamere della zona e alla conoscenza del territorio; i due infatti sono soggetti già noti ai poliziotti, che in più occasioni li hanno identificati, denunciati e arrestati per fatti analoghi e ai quali, ieri pomeriggio, hanno presentato l’Ordinanza di custodia in carcere per rapina aggravata e lesioni.

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui