Lavoro autonomo e divario di genere: per le mamme in Italia la situazione è ancora critica

0
207

VARESE, 27 ottobre 2022-In Italia per mezzo milione di mamme che svolgono un’attività con partita Iva la situazione è ancora critica. Le lavoratrici autonome hanno maggiori possibilità di cadere in povertà. E spesso gli ostacoli si basano su stereotipi di genere”. Si è espressa così, in estrema sintesi, Melania Rizzoli, assessore regionale a Formazione e Lavoro, aprendo i lavori dell’incontro ‘Divario di Genere nelle libere professioni e nel lavoro autonomo’, il quinto ed ultimo appuntamento del ciclo ‘Zherogap’ in programma a Palazzo Lombardia. Una serie di eventi promossi e organizzati dall’Assessorato regionale, dedicato alla promozione e all’approfondimento di temi legati alla disparità di genere all’interno del mondo del lavoro.

Tutti le tappe rappresentano i punti che, uniti tra loro, danno vita a quella che viene definita ‘strategia regionale lombarda’, orientata alla promozione e all’aumento dell’occupazione femminile.

Presente anche Letizia Caccavale, presidente del Consiglio per le Pari opportunità della Lombardia.

“Le donne – ha spiegato Melania Rizzoli – incontrano ostacoli diversi, di natura economica, legislativa e sociale. Tali ostacoli si basano su stereotipi di genere che contribuiscono alla segregazione nell’istruzione, ad un minore livello di fiducia imprenditoriale e soprattutto alla difficoltà di conciliazione tra vita professionale e privata”.

“Se già le lavoratrici dipendenti soffrono la mancanza di tutele – ha concluso l’assessore con delega al lavoro – immaginiamo quante difficoltà siano costrette ad affrontare le lavoratrici autonome le libere professioniste, le quali rappresentano un ulteriore potenziale per l’economia. Difficoltà che aumentano per le donne che, oltre ad essere lavoratrici autonome, sono anche madri”.

E dunque, l’iniziativa di oggi va nella direzione indicata dall’Agenda Onu, che colloca la parità di genere come quinto obiettivo per uno sviluppo sostenibile, e degli input dell’Unione Europea, ma è soprattutto uno strumento divulgativo e di informazione.

In occasione degli incontri passati, oltre ad essere stata esposta la strategia che Regione Lombardia intende seguire a favore del lavoro femminile, sono state approfondite le ragioni per cui la donna in Italia è ancora costretta in una posizione di svantaggio lavorativo.

In Italia risultano esserci un milione e mezzo di lavoratrici autonome di cui mezzo milione sono anche madri (dati Istat). Per queste ultime la situazione risulta molto critica considerata la mancanza di ferie, malattia, tredicesima, diritto all’allattamento e con poche garanzie in tema di congedi di maternità e paternità.

Sono stati illustrati al pubblico, diviso tra presenza fisica e virtuale, dati chiave che hanno permesso di dare una fotografia completa della situazione che riguarda tutte le donne lavoratrici, dipendenti ed autonome. Uno dei dati più rilevanti emersi dalle diverse ricerche riguarda il divario di alfabetizzazione finanziaria tra uomini e donne. Un divario che ostacola la partecipazione alle attività economiche e finanziarie. Ostacolo che è aumentato dalla scarsa presenza delle donne nei ruoli decisionali delle società di investimento in capitale di rischio e che determina una mancanza di fiducia e un conseguenze deficit di finanziamento dell’impresa femminile.

Nella Risoluzione adottata il 3 maggio 2022, il Parlamento Europeo ha invitato gli Stati Membri ad intervenire con strumenti concreti considerando le lavoratrici autonome una fonte di crescita economica, in particolare nel contesto delle trasformazioni verdi e digitali. Una fonte di crescita che contribuisce a creare posti di lavoro e ridurre la disoccupazione.

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui