Il Premio Carlo Speroni a Marta Amouhin Amanì: premiazioni mercoledì a Olgiate Olona

0
288
Marta Amouhin Amanì

BUSTO ARSIZIO, 18 novembre 2022-Il Premio Carlo Speroni taglia il traguardo dei 50 anni.

Nato nel 1972 per volontà degli eredi della famiglia del grande atleta del passato (il Carloeu) nell’ambito dell’attività associativa del Panathlon Club Varese, nel 1993, sotto la presidenza di Claudio Grillo, ne è stato acquisito il patrocinio dal Panathlon Club La Malpensa, quest’anno guidato da Giovanni Castiglioni.

Nella serata di mercoledì 23 novembre al ristorante Idea Verde di Olgiate Olona, verrà così celebrato il riconoscimento che da mezzo secolo vuole incoraggiare con una borsa di studio una giovane speranza dell’atletica tricolore nel nome della leggenda bustocca di mezzofondo, maratona e corsa campestre, 3 volte atleta olimpico, 12 volte campione nazionale e 5 volte record italiano. Come ricordato dal nipote (omonimo) Carlo, Carlo Speroni detiene ancora oggi il record di più giovane atleta di una maratona olimpica: aveva appena 17 anni quando prese parte alla maratona delle Olimpiadi di Stoccolma del 1912. A lui è intitolato lo stadio della città di Busto.

Per l’edizione del cinquantesimo è stata designata vincitrice Marta Amouhin Amanì, 18enne atleta villacortesina tesserata per il CUS Pro Patria Milano, medaglia di bronzo nel salto lungo ai recenti Campionati Mondiali Under 20 di Bali e campionessa Italiana assoluta indoor, titolo conquistato a febbraio ad Ancona dove ha battuto la figlia d’arte e stella emergente dell’atletica italiana Larissa Iapichino.

“L’Amministrazione è lieta di valorizzare e promuovere questo premio proprio in occasione del 50esimo dell’evento – ha osservato oggi in occasione della presentazione l’assessore allo sport Maurizio Artusa –  Marta Amouhin Amanì è un’ atleta eccellente del salto in alto legata a Busto dal fatto che frequenta una scuola eccellente della città, il liceo Tosi. Il suo nome, come quello dei premiati delle scorse edizioni, è stato segnalato dal presidente del Comitato Regionale Lombardo della Fidal Giovanni Mauri, e questo è indice di una scelta davvero significativa”.

“Credo che la vera promozione dello sport parta dalla storia dei personaggi: è importante farli conoscere perché con il loro esempio possono invogliare le nuove generazioni a fare sport e  trasmettere valori come quelli di fare squadra, fare rete, dare vita a un progetto e condividerlo con gli altri” ha commentato Laura Rogora, presidente del Consiglio Comunale e panatleta.

A seguire i premiati del terzo millennio selezionati nell’ultimo lustro in partenariato con il Presidente del Comitato Regionale Lombardo di FIDAL Giovanni Mauri:      

2000 Andrea Ceron – 800 metri

2001 Martina Gavaz – prove multiple

2002 Elena Vanessa Salvetti – salto triplo

2003 Davide Crosta – prove multiple

 

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui