La denuncia di Coldiretti: ”Gli alimenti a tema mafioso venduti all’estero sono inaccettabili”

0
678

VARESE, 25 dicembre 2022-Coldiretti, La più grande associazione di agricoltori italiana, sta conducendo una battaglia contro l’uso “scandaloso” di termini mafiosi per vendere una varietà di prodotti alimentari e bevande in tutto il mondo, dal whisky Cosa Nostra alla salsa di pomodoro Chilli Mafia.

Coldiretti ha intrapreso un’indagine approfondita e ha anche scoperto che quasi 300 ristoranti fuori dall’Italia hanno nomi a tema mafioso, tra cui El Padrino in Spagna, Don Corleone in Finlandia, Burger Mafia in Germania, Falafel Mafia negli Stati Uniti e Nasi Goreng Mafia in Indonesia.

Alessandro Apolito, direttore di filiale di Coldiretti, ha detto che la scoperta più

Bottiglie di whisky a forma di mitra

scioccante è stata una bottiglia di whisky a forma di mitra prodotta in Scozia e chiamata ‘Cosa Nostra Shot’.

“È scandaloso pensare che qualcuno possa comprare qualcosa del genere, anche solo per scherzo”, ha detto Apolito. “Per noi scherzare su cose così serie come la mafia è inaccettabile”.

Ha affermato che il marketing a tema mafioso non solo ha causato danni incredibili all’immagine e ai prodotti genuini dell’Italia, ma è stato estremamente offensivo nei confronti di italiani innocenti che sono morti o hanno sofferto per mano delle famigerate organizzazioni criminali del paese.

Coldiretti ha tenuto una mostra a dicembre nella città di Palermo in Sicilia, dove ha avuto origine l’organizzazione mafiosa di Cosa Nostra, di alcuni prodotti alimentari e bevande raccolti da tutto il mondo, tra cui Chilli Mafia, una salsa prodotta nel Regno Unito, Mafia Coffee e Il Padrino vino.

“Continuare ad associare l’Italia a questi stereotipi e criminalità mafiosi è estremamente dannoso per l’immagine del Paese”, ha affermato. “Ma la questione più significativa è che si tratta di un reato alle vittime della mafia poiché centinaia di persone innocenti sono state uccise dalla mafia o subiscono la sua criminalità. A Palermo, in particolare, c’era un forte senso di indignazione per questo assurdo marketing. Ci sono milioni di siciliani che sono onesti e rispettano le leggi ma che sono vittime di questa piaga criminale”.

La Coldiretti ha anche scoperto che molti dei prodotti, trovati sugli scaffali dei supermercati e dei piccoli negozi di tutto il mondo o venduti online, erano scaduti.

“Molto spesso usano una bandiera italiana su un prodotto scaduto”, ha detto Apolito. “Questi prodotti non solo tolgono spazio sugli scaffali ai prodotti genuini italiani, ma rappresentano un costo economico enorme per la nostra industria alimentare”.

La Spagna è risultata ospitare il maggior numero (63) di ristoranti e bar a tema mafioso, seguita da Ucraina, Brasile, Indonesia, Russia, India, Giappone, Polonia e Stati Uniti.

Sebbene esistano accordi UE per salvaguardare i prodotti secondo le norme DOP (denominazione di origine protetta) – ad esempio copie di tali prodotti possono essere rimosse dagli scaffali dei supermercati – non ci sono misure per prevenire espedienti di marketing come ristoranti o cibo a tema mafioso.

“Non si può usare ed evocare il nome della criminalità organizzata a fini di marketing”, ha detto Ettore Prandini, presidente di Coldiretti. “C’è un danno economico per il nostro settore agroalimentare, ma anche un danno per le vittime della malavita. Dobbiamo raggiungere un accordo a livello europeo per garantire che ciò non possa più accadere”. (tradotto da theguardian.com)

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui