Area ex Aermacchi Varese: la Giunta ha approvato il progetto finale comprendente parco pubblico e piscina olimpionica

0
882
Un ingresso area ex Aermacchi

VARESE, 3 agosto 2023-Ultimo passaggio importante per l’approvazione definitiva del progetto di riqualificazione del compendio della ex Aermacchi: è stato completato oggi il secondo e ultimo passaggio da parte della Giunta di Palazzo Estense con l’approvazione definitiva del piano di riqualificazione e rigenerazione dell’intera area ex industriale. 

Dopo il parere della Sopraintendenza, con l’indicazione per il recupero degli edifici sotto tutela per la storia industriale della città, e l’adozione del progetto da parte dell’amministrazione nel mese di maggio, con l’approvazione definitiva di oggi ha inizio una nuova fase che consentirà l’avvio del cantiere da parte della proprietà.

“Si dà il via a un piano che permetterà finalmente di riqualificare un’area industriale da bonificare e in stato di abbandono da decenni – spiega l’assessore ai Lavori pubblici Andrea Civati – per restituire alla città uno spazio di oltre 40 mila metri quadrati, con la creazione di un nuovo parco urbano, nuovi percorsi urbani per pedoni e ciclisti, la valorizzazione della storia del luogo con il recupero di manufatti di interesse storico, la creazione di spazi sociali, sportivi e commerciali: un’operazione complessa che costituirà un ottimo esempio di recupero innovativo di aree dismesse”.

“Un’area che consentirà l’insediamento di nuove aree sportive d’eccellenza – dice l’assessore allo Sport Stefano Malerba –  con un grande centro sportivo, a partire dalla piscina olimpionica di 50 metri, una palestra, aree sportive all’aperto e un grande parco urbano affacciato su via Crispi”.

“Un intervento atteso da tempo da tutto il quartiere e dalla città, un concreto esempio di rigenerazione urbana, con un ampio spazio da decenni fatiscente e in stato di abbandono che ora potrà essere fruibile e vivibile e soprattutto consentirà un collegamento diretto tra due aree del quartiere da sempre separate dall’area industriale” – aggiunge il presidente della Commissione edilizia Domenico Marasciulo.