domenica, Febbraio 25, 2024
spot_img
HomeSpettacoli e CulturaRecensioni musicaliUn Mare di Suoni. Contaminazioni sonore dal Mediterraneo: quattro concerto al Volvo...

Un Mare di Suoni. Contaminazioni sonore dal Mediterraneo: quattro concerto al Volvo Studio di Milano

MILANO, 31 gennaio 2024-Al Volvo Studio Milano si parte di nuovo verso la scoperta delle musiche dal Mediterraneo. La terza edizione di Mare Di Suoni torna a focalizzarsi sulle storie e le leggende di popoli e culture che continuano ad influenzarsi e contaminarsi a vicenda.

Sarà un viaggio alla scoperta di luoghi e musiche che non trovano confini, ma che viaggiano in piena libertà con l’obiettivo di mescolarsi con le nuove realtà che incontrano. Partiremo dall’Italia che incontra l’Argentina con le musiche del trio Servillo-Girotto-Mangalavite, per spostarci verso altre terre come l’Africa, l’Albania e l’Andalusia. Da secoli il Mediterraneo è il luogo di contaminazioni e fusioni, e continua ad esserlo grazie alla curiosità e vivacità artistica dei suoi abitanti.

Quattro appuntamenti fra febbraio ed aprile alla scoperta delle nuove sonorità del Mediterraneo.

Servillo – Girotto – Mangalavite | 29 febbraio ore 19.30

Capita a volte di trovarsi dall’altro capo del mondo e di incontrare inaspettatamente qualcosa che ci appartiene e che forse avevamo dimenticato. Questo è successo, si direbbe, a Girotto, Servillo e Mangalavite, in particolare quando i due argentini hanno riconosciuto nell’incontro una possibilità di ritorno alla propria cultura condotto senza retorica, ma giocando in prima persona la scommessa di scrivere canzoni “nuove”. Canzoni “antiche” si direbbe viceversa per Servillo, che può frequentare così paesaggi classici del fare musica popolare senza il rischio della ridondanza e della citazione. La musica è per fortuna un “fatto” direbbero loro tre assieme, e tutta questa premessa ha un trio infine che la vuole dimostrare, e per questo si spera un “buon ascolto”.

Ballaké Sissoko & Redi Hasa | 7 marzo ore 19.30

Dopo il successo di “Djourou”, il virtuoso maliano ritorna per un intimo faccia a faccia con la sua kora – semplice e maestoso. Non c’è dubbio che la musica di Ballaké Sissoko debba la sua ricchezza alle sue innate e consumate capacità di ascolto, oltre che alle lunghe conservazioni di cui non si stanca mai con il proprio strumento. Durante questi strani e paradossali “dialoghi in solitaria”, Ballake “fa parlare” la sua kora e reagisce alle emozioni che suscita in lui, lasciando volare fantasia e dita verso paesaggi magnifici e sconosciuti allo stesso tempo. In occasione di Mare di Suoni, l’artista maliano si unirà in duo con il violoncellista albanese Redi Hasa. Quest’ultimo vanta nella sua carriera importanti e proficue collaborazioni come Ludovico Einaudi, Maria Marzotta e Robert Plant. Come solista, ha pubblicato nel 2020 il suo primo album dal titolo “The Stolen Cello” che ha ricevuto plauso della critica non solo per la bravura tecnica, ma anche per il delicato ed intimo ritratto che Redi Hasa è riuscito a dipingere sulla sua terra d’origine e sulle vicende del suo passato.

Amparo Sanchez | 4 aprile ore 19.30

Amparo Sánchez è senza dubbio una delle voci e personalità di spicco della scena musicale alternativa spagnola. Negli ultimi anni, la cantante nata e residente a Granada si è concentrata principalmente sulla sua band Amparanoia, ma dal 2024 in poi Amparo con il suo tour “Ritual Sonoro” si rimetterà in viaggio suonando dal vivo canzoni e lavori dai suoi diversi album solisti. Album che forniscono sempre una visione molto personale dell’anima e delle emozioni della cantante andalusa. il repertorio solista di Amparo Sánchez è così versatile e eterogeneo che un suo concerto di oggi è sempre diverso da quello di ieri.

OUM | 11 aprile ore 19.30

Marocchina di origine sahariana, Oum colpisce immediatamente per la sua straordinaria combinazione di potenza e sensibilità. Con la sua voce sensuale esplora la diversità della musica marocchina che fonde con il soul e i ritmi Gnawa e Hassani. Ispirata dalla musica del suo paese natale ma anche dalla musica dell’intero continente africano e dal jazz, rivela una personalità commovente, sincera e impegnata che sviluppa un mondo musicale sottile in cui echeggiano le sue origini sahariane.

PRENOTAZIONI ATTIVE

VOLVO STUDIO MILANO
Viale della Liberazione angolo Via Melchiorre Gioia
Ingresso su prenotazione con consumazione obbligatoria da 12€

 

 

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular