martedì, Aprile 23, 2024
HomeSpettacoli e CulturaRecensioni libri'Figli di Putin. Indagine sul nuovo fascismo russo', libro inchiesta di Ian...

‘Figli di Putin. Indagine sul nuovo fascismo russo’, libro inchiesta di Ian Garner

VARESE, 16 febbraio 2024-Negli ultimi vent’anni Vladimir Putin ha avviluppato la Russia in un’ideologia che può senz’altro essere definita come una forma di fascismo.

Attraverso un’efficace alternanza di hard e soft power, Putin ha iniettato nell’opinione pubblica del suo Paese, ormai quasi disconnessa dal resto del mondo, una miscela tossica di nazionalismo, messianesimo, machismo, oltranzismo ortodosso, sovietismo d’accatto, antinazismo di facciata (che imputa ad altri quegli stessi comportamenti che è proprio Mosca a mettere in atto), omofobia e diffidenza per l’Occidente.

Il collante usato da Putin per tenere insieme questo mosaico di brutture, e per alimentare il vittimismo dei suoi sudditi, è l’odio verso un Altro scelto à la carte, di volta in volta, in quelle terre che il Cremlino considera una periferia del proprio impero (e ora, come nel 2014, l’Altro è l’Ucraina). Soffocata l’opposizione e accompagnati all’uscita centinaia di migliaia di russi che hanno preferito l’esilio alla stagnazione e alla repressione, il regime raccoglie ora i frutti di quel lavoro di indottrinamento durato due decenni che ha creato una nuova generazione di ragazzi zelantissimi nel celebrare il violento verbo putiniano.

Questa Generazione Z, laddove la “Z” è il simbolo del bellicismo russo, è stata allevata con un metodo che mescola l’antico (i corpi paramilitari giovanili che fanno il verso ai “pionieri” del tempo che fu) con il moderno (gli influencer e i social) e il passato (una rimasticatura dell’epopea sovietica nella Seconda guerra mondiale) con il futuro (la promessa di una Russia “pura”). E ora il mondo libero deve trovare un modo per deprogrammare, da remoto, questi giovani fascisti. Per salvare la Russia, per evitare un contagio che si sta già diffondendo in altri Paesi europei e per scongiurare nuove guerre nel prossimo futuro.

IAN GARNER ha studiato presso le Università di Bristol e di Toronto e al Conservatorio statale di Pietroburgo. La sua ricerca si concentra sulla propaganda di guerra sovietica e russa. È autore di Stalingrad Lives. Stories of Combat and Survival (McGill-Queen’s University Press, Montreal 2022).

320 pagine, 22 euro, Linkiesta Books. In libreria dal 23 febbraio, ma già disponibile qui dal 16 febbraio. 

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular