martedì, Aprile 23, 2024
HomeEcologia e AmbienteLago di Varese sempre più modello di riferimento ambientale per la Lombardia

Lago di Varese sempre più modello di riferimento ambientale per la Lombardia

VARESE, 4 marzo 2024– La Regione Lombardia, su proposta dell’assessore all’Ambiente e Clima, Giorgio Maione, ha approvato gli schemi di accordo di collaborazione con la Provincia di Varese, Cnr Irsa di Verbania, Comune di Biandronno, Ats Insubria e Ufficio d’ambito di Varese in attuazione del programma d’azione dell’Aqst Lago di Varese.

“Abbiamo confermato i 6,5 milioni di euro di fondi regionali per il triennio 24-26 e definito il riparto delle risorse in base ai compiti dei singoli enti. Stiamo andando spediti – ha commentato Maione – per valorizzare ulteriormente un lago che è diventato un modello europeo di risanamento. Grazie alla determinazione della Regione e di tutto il sistema territoriale si è creato un meccanismo istituzionale e di coinvolgimento delle realtà locali con dei risultati che solo qualche anno fa sembravano irraggiungibili”.

La delibera prevede il proseguimento dell’accordo in essere con la Provincia di Varese per attività di gestione dell’impianto di prelievo ipolimnico (con ulteriore stanziamento per il triennio di 360.000 euro), uno schema di accordo collaborazione con l’Istituto di Ricerca sulle Acque del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR IRSA) per il monitoraggio del lago e del fiume Bardello al fine di valutare gli effetti dell’attuazione del programma d’azione (con stanziamento di 295.000 euro), uno schema di accordo con il Comune di Biandronno per interventi funzionali all’installazione di un impianto fotovoltaico a servizio dell’impianto di prelievo ipolimnico (stanziamento di 20.000 euro), uno schema accordo con ATS Insubria per le attività di monitoraggio dello stato delle acque del lago ai fini della balneazione (stanziamento di 24.000 euro) e uno schema di accordo con l’Ufficio d’Ambito Territoriale Ottimale della provincia di Varese per gli interventi di miglioramento del reticolo fognario del bacino del lago di Varese e il monitoraggio del funzionamento dell’impianto di prelievo ipolimnico (stanziamento di 5,7 milioni).

“Abbiamo dimostrato di credere fortemente in questo progetto e tante associazioni e realtà territoriali hanno fatto richiesta di adesione all’AQST Lago di Varese anche nelle ultime settimane. Dal 2019 al 2023 – ha aggiunto Maione – la Regione ha investito 10 milioni di euro, per il 2024-26 mettiamo in campo altre risorse importanti per i quattro obiettivi primari: il miglioramento del reticolo fognario, il monitoraggio, il funzionamento dell’impianto ipolimnico e la salvaguardia della biodiversità”.

“Il risanamento e la valorizzazione delle acque del lago – ha concluso l’assessore – stanno diventando fonte di attrazione turistica e territoriale. Tutelare l’ambiente significa anche creare economia”.

 

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular