sabato, Aprile 13, 2024
HomeCronache nazionaliTrending NowPer la Festa delle Donne a Varese non solo mimose ma anche...

Per la Festa delle Donne a Varese non solo mimose ma anche rose e primule

VARESE, 7 marzo 2024 – Non solo mimose. Anche in provincia di Varese, per la ricorrenza dell’8 marzo regalano fiori e c’è chi opta per scelte meno tradizionali. È quanto emerge da una rilevazione di Coldiretti tra i florovivaisti associati.

Sebbene la mimosa rimanga la preferita nella stragrande maggioranza dei casi – precisa Coldiretti Varese – c’è anche una minoranza che predilige “variazioni sul tema”: dalle rose alle primule, dalle calle alle margherite, dagli anemoni ai primi tulipani fino a viole e girasoli.

Se in generale – prosegue l’organizzazione agricola provinciale – si cerca di rimanere sulle tonalità del giallo, per le rose il colore preferito è il rosso, mentre per gli anemoni si scelgono diverse colorazioni.

Secondo una rilevazione on line della Coldiretti oltre quattro consumatori su 10 (44%) regaleranno una mimosa o un fiore in occasione dell’8 marzo, con una netta maggioranza rispetto a quanti preferiranno dolci o cioccolatini (14%), mentre un 42% non donerà nulla.

Complessivamente sono circa 1,5 milioni di chili le mimose, l’equivalente di 15 milioni di mazzetti da 100 grammi l’uno, che saranno destinate in Italia al mercato interno in occasione della festa che ricorda la forza e il ruolo femminile nel mondo. I prezzi  vanno dai 5 ai 10 euro per i rametti più piccoli, per salire fino ai 20 euro e oltre per i mazzi più grandi o per le piante in vaso.

Per evitare di cadere nelle trappole del mercato e non alimentare l’abusivismo è meglio evitare venditori improvvisati e preferire l’acquisto, se possibile, direttamente dai produttori, ricordando che acquistando fiori italiani si sostengono le imprese, l’occupazione, il territorio.

Per conservare al meglio i rametti di mimosa con i loro fiori gialli – consiglia Coldiretti Varese – è bene tagliare quanto prima gli steli, che devono rimanere per due ore in acqua pulita e inacidita con due gocce di limone. Vanno quindi collocati in penombra e mantenuti in ambiente fresco e umido perché – afferma la Coldiretti – la mimosa rilascia molta acqua attraverso la traspirazione e bisogna evitare che la perdita di liquidi faccia seccare rapidamente il fiore.

Quest’anno – conclude la Coldiretti – la produzione nazionale di mimosa è stata fortemente condizionata dalle bizze del tempo: a un inverno bollente, che ha portato a una fioritura già nella prima metà di gennaio, si è sommata l’ultima ondata di maltempo che ha causato problemi alle piante tardive, anche se complessivamente la produzione è stata su livelli soddisfacenti. A tutto ciò si aggiunge l’esplosione dei costi di produzione che pesa sui bilanci aziendali.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular