1

La scrittrice Monica Lanfranco ospite a Varese e Gallarate a raccontare il suo ultimo libro

VARESE, 16 settembre 2021-Breve tour promozionale con serie di presentazioni in provincia di Varese per la scrittrice Monica Lanfranco, autrice del recente ‘Voi siete in gabbia, noi siamo il mondo. PuntoG. Il femminismo al G8 di Genova (2001-2021)’ edito da VandA.

La prima tappa sarà sabato 18 settembre alle ore 11.30 in via Del Cairo per l’iniziativa un “Aperitivo con l’autrice” organizzata dall’associazione Un’Altra Storia.

Alle 17 incontro pubblico al parco comunale di Villa Guardia. La giornata si chiuderà al Circolo Cuac di Gallarate (ore 21).

Le/I giovani ventenni domandano sul G8 di Genova del 2001, vogliono sapere, vogliono capire. Hanno bisogno del racconto reale di chi c’era e di chi il G8 l’ha vissuto sulla propria pelle.

Questo libro è un racconto personale e politico non solo degli eventi, del movimento e delle istanze, ma anche di elaborazioni politiche e dei progetti femministi purtroppo occultati dai fatti di luglio del 2001, esattamente 20 anni fa. La morte, la violenza, il sangue, gli abusi, la ferita inferta alla democrazia hanno seppellito a lungo, inevitabilmente, i contenuti dello sguardo femminista di allora, che furono fortemente profetici riguardo ai pericoli dell’impatto della globalizzazione neoliberista sulle nostre vite e sul pianeta. Questo sguardo, allora premonitore, è ancora oggi limpido, attuale e più che mai necessario. È per questo che, a 20 anni da quei fatti, questa prorompente e appassionata narrazione riposiziona lo sguardo e ci offre un punto di vista più consapevole sul cambiamento generato.

“Con oltre 1500 attiviste pacifiche riunite a Genova da tutto il mondo, quei giorni di giugno 2001 […] fecero vivere […] l’illusione che l’intelligenza collettiva di donne tanto diverse come storia, età, retaggi e allo stesso tempo così in sintonia sul desiderio di trasformare il mondo potesse avere la meglio sull’ottusità della violenza.”

Voi siete in gabbia, noi siamo il mondo, gridavano in tante.




“Breve sogno eitreo di Tekle Mandar”, il nuovo libro del fotografo Pino Ninfa

VARESE, 16 settembre 2021-Il libro “Breve sogno Eritreo di Tekle Mandar” racconta di un viaggio fatto in Eritrea dal fotografo Pino Ninfa, durante il quale ha incontrato in una visita alla stazione di Asmara un ferroviere che lo ha subito incuriosito per il suo modo di fare. Stava seduto guardando i binari vuoti e oramai in disuso da molti anni. Il suo sguardo pareva correre sui binari al posto del treno, nel suo volto ogni tanto appariva una espressione collegata con la nostalgia.

Questa visione ha generato in Pino Ninfa la voglia di conoscere questo personaggio. L’incontro con Tekle Mandar, questo è il suo nome, ha generato una sorta di complicità fra lui e il fotografo. Tekle è un ferroviere che nella realtà enormemente difficile di Asmara gioca ancora con i sogni e si diverte a farli partire lungo le rotaie da dove i treni non partono più e che per aiutare la sua memoria sempre più precaria col passare degli anni, si aiuta usando i muri della città come mappe per i suoi ricordi collegandosi a particolari segni lasciati su quelle superfici.

Tekle racconta che questo abbinamento lo fa sorridere alla vita lungo le rotte dell’avventura passata e presente. Tekle diventa per Pino Ninfa una sorta di nuovo Virgilio e insieme sulle rotte di avventure si incamminano in un viaggio che li porterà fino a Massawa dove i resti della passata guerra con l’Etiopia ancora evidenti nelle case spesso danneggiate di questa città sono un monito a futura memoria contro tutte le guerre.

Pino Ninfa sviluppa progetti sul territorio nazionale e estero legati al reportage e allo spettacolo. L’interesse per la musica e per il sociale, ha fondato il senso complessivo del suo lavoro fotografico.

In ambito musicale e in particolare nel jazz, da anni ha intrapreso una ricerca rivolta a considerare come elementi importanti e significativi i luoghi dei concerti e il loro rapporto col pubblico e non solo con i musicisti sul palco. Da diverso tempo realizza delle performance su temi che vanno dalla musica al sociale in collaborazione con diversi musicisti italiani e stranieri.

L’attenzione e lo studio rivolti alla salvaguardia dell’ambiente in cui viviamo e al suo recupero, con numerose missioni nelle foreste Africane e in Amazzonia per testimoniare progetti di salvaguardia e di sviluppo delle popolazioni locali, sono parte integrante del suo lavoro.

Segue anche, in diverse parti del mondo, progetti per migliorare le condizioni di vita delle persone in difficoltà, con particolare attenzione per l’universo femminile molto spesso vittima di abusi e soprusi a ogni latitudine e ed in ogni condizione sociale. In molti paesi, dal Sudafrica al Brasile, dal Congo all’Uruguay, Pino Ninfa sviluppa progetti di coinvolgimento e formazione giovanile attraverso la fotografia, dotando i giovani partecipanti del materiale fotografico, allo scopo di restituire una speranza e magari un sorriso e a chi vive in condizioni di estremo disagio.

Molte sono infatti le ONG con cui ha condiviso i sui progetti fra cui Emergency, Amani, Cbm, Cesvi e Prosolidar.

Ha esposto in musei e luoghi prestigiosi in Italia e all’Estero.

Diverse le sue pubblicazioni fra cui l’ultima: Breve sogno Eritreo di Tekle Mandar.

Fra le altre:

Una speranza in Cambogia – Skirà Editore

Round about township – Un viaggio nelle periferie del Sudafrica – Casadei Editore

Maggiori informazioni sul sito: www.pinoninfa.it




“Incontri di Luce” con Dante Alighieri a Varese: proiezioni laser dopo il tramonto per Nature Urbane

VARESE, 15 settembre 2021-Proiezioni laser dopo il tramonto, in vari luoghi della città di Varese,  il  9, 10,  18, 19, 20, 21, 22, 23, 24, 25 settembre e a conclusione domenica 26 settembre, Giardini Estensi: installazione vivente di suono e luce Con Arpa di Luce e Onda di Luce, di Pietro Pirelli e Gianpietro Grossi:  «E quindi uscimmo a riveder le stelle», Inferno, XXXIV, 139.

Laser design a cura di Marcello e Giuseppe Zagaria. Organizzazione a cura del Comune di Varese.

“Poca favilla gran fiamma seconda”: i diversi luoghi ed edifici della città hanno ispirato la scelta di un verso di Dante che potesse stimolare ai passanti una riflessione sulla propria città, sul ruolo istituzionale di alcuni edifici e su temi di attualità come il buon governo, l’immigrazione, la giustizia….

Le proiezioni sono sintetiche e talvolta enigmatiche: vanno interpretate.

La linea del laser disegna le lettere e, solo con queste, Dante ha saputo evocare un universo complesso e immaginifico. Attraverso l’attivazione dei social del Comune e gli insegnanti delle scuole si desiderano attivare curiosità, fantasia e riflessione, volgendo lo sguardo in alto.

A conclusione, domenica 26 settembre, Palazzo Estense diventerà un grande strumento musicale: Arpa di Luce. I suoi suoni si riverbereranno in forma di onde di luce tra i rami e le foglie del parco.

Qui il programma completo https://www.natureurbane.it/wp-content/uploads/2021/09/Nature-Urbane-2021-Programma.pdf

 




Cinema, “Le 7 giornate di Bergamo” in tour: il 18 alla Fiera di Bergamo il 23 in Regione Lombardia

VARESE, 15 settembre 2021-L’immensa sala del Palabiennale alla 78^ Mostra internazionale del Cinema di Venezia ha accolto il film di Simona Ventura “Le 7 giornate di Bergamo” con uno standing ovation ed applausi finali di oltre 6 minuti.
La sala era gremita di persone commosse e colpite dal racconto degli Alpini e dalle immagini che ripercorrono i momenti bui che il nostro Paese ha vissuto dopo la prima ondata di Covid19.
Esordio di “SuperSimo” come regista, prodotto da Proger Smart Communication, Addisctive Ideas e SiVa. Tra gli autori del film, Luigi Crespi, Natascia Turato, Giovanni Terzi ed Ambrogio Crespi.
Il film inizia il suo tour con una location significativa, la Fiera di Bergamo, il luogo da dove tutto è nato, il prossimo 18 settembre ed accoglierà tutti i volontari che hanno lavorato alla creazione dell’ospedale in fiera.
A seguire con la data del 23 settembre al Palazzo della Regione Lombardia e prossimamente a Roma.



Nature Urbane, da mercoledí aperte le prenotazioni

VARESE, 14 settembre 2021-Da domani 15 settembre alle 9.00 aprono saranno aperte le prenotazioni di NATURE URBANE: è possibile prenotarsi esclusivamente on-line sul sito www.natureurbane.it.

Un festival itinerante, attraverso i parchi più belli Varese, in continuità con la poetica esplorata nella scorsa edizione, e nel rispetto delle norme sanitarie, associando le suggestioni artistiche, i contenuti scientifici e gli spunti di riflessione sulla bellezza di un ambiente e un contesto paesaggistico unico. Il festival vuole essere un’occasione preziosa per far dialogare la dimensione del cambiamento, affrontando anche gli urgenti temi del clima e della sostenibilità ambientale, alla ricerca di un equilibrio che rimetta al centro la relazione tra uomo e ambiente.

Il programma in pillole:

SABATO 18 SETTEMBRE

Parco di Villa Toeplitz Via G.B. Vico n. 46 – ALBERI 3.0, INAUGURAZIONE alle ore 17.00

Palazzo Estense Via Sacco – INCONTRI DI LUCE dalle ore 20.00 alle ore 23.00

DOMENICA 19 SETTEMBRE

Giardini Estensi Via Sacco n. 5 PASSEGGIATA FILOSOFICA ore 16.00

Parco di Villa Mirabello piazza Motta n. 4 L’ARTE CHE CREA IL PAESAGGIO ore 18.30

Palazzo Estense via Sacco n. 5 INCONTRI DI LUCE dalle ore 20.00 alle ore 23.00

Parco di Villa Mirabello piazza Motta n. 4 IL PAESE DELLE FACCE GONFIE ore 20.30

DA LUNEDÌ 20 A VENERDÌ 24 SETTEMBRE

Parco Mantegazza via Monguelfo ESSERI LIEVI 2 Residenza d’artista dalle ore 10.00 alle ore 18.00

LUNEDÌ 20 SETTEMBRE

Palazzo Estense via Sacco n. 5 INCONTRI DI LUCE dalle ore 20.00 alle ore 23.00

MARTEDÌ 21 SETTEMBRE

Santa Maria del Monte, XIV Cappella THE ORLANDO CONSORT ore 19.00

Santa Maria del Monte, Fontana del Mosè INCONTRI DI LUCE dalle ore 20.00 alle ore 23.00

MERCOLEDÌ 22 E GIOVEDÌ 23 SETTEMBRE

piazza della Reppubblica INCONTRI DI LUCE dalle ore 20.00 alle ore 23.00

SILENZIOSE TRACCE ore 20.30

VENERDÌ 24 SETTEMBRE

Tribunale di Varese, piazza Cacciatori delle Alpi INCONTRI DI LUCE dalle ore 20.00 alle ore 23.00

Ville Ponti piazza Litta n. 2 ore 20.30 Conversando con… Luca Mercalli

SABATO 25 SETTEMBRE

Parco Mantegazza via Monguelfo ESSERI LIEVI 2 ore 11.00 Inaugurazione dell’opera

Parco di Villa Baragiola via Caracciolo n. 46 ALBERI MAESTRI KIDS ore 15.00 e ore 17.00

Parco di Villa Mirabello piazza Motta n. 4 L’ARTE DEL PRENDERSI CURA ore 18.30

Tribunale di Varese, piazza Cacciatori delle Alpi INCONTRI DI LUCE dalle ore 20.00 alle ore 23.00

Parco di Villa Mirabello piazza Motta n. 4 ore 20.30 TARZAN RAGAZZO SELVAGGIO

DOMENICA 26 SETTEMBRE

Parco di Villa Baragiola via Caracciolo n. 46 ALBERI MAESTRI KIDS ore 11.00 e ore 15.00

Cortile d’onore di Palazzo Estense via Sacco n. 5 ARPA DI LUCE ore 20.30, 21.00, 21.30, 22.00

L’accesso agli eventi per i quali è prevista la prenotazione è riservato ad un numero massimo di partecipanti in relazione alle disposizioni nazionali e regionali atte a prevenire la diffusione epidemiologica da COVID-19. Ove consentito, è prevista la possibilità di aumentare la capienza nel rispetto delle norme sanitarie vigenti.

Si invita quindi il pubblico non prenotato a presentarsi comunque, in caso di bel tempo, agli eventi all’aperto.

Maggiori informazioni sui canali social ufficiali del festival. GREEN PASS obbligatorio.

Accessibilità: i luoghi in cui si svolgono gli eventi sono accessibili ai disabili e a chi si muove sulla sedia a rotelle. Si consiglia, tuttavia, la presenza di un accompagnatore.

Per informazioni: 335 7617514 dalle ore 10.00 alle ore 16.00 oppure scrivere a natureurbane@comune.varese.it




Tanta comicità, musica, divertimento per una ripartenza in leggerezza: è questa la formula del Teatro Giuditta Pasta di Saronno

SARONNO, 14 settembre 2021-È sempre una grande emozione presentare una nuova Stagione Teatrale. Quest’anno lo è ancora di più. La chiusura forzata, la pandemia e questo stato di emergenza non ancora risolto ci fanno vivere tutto con un sapore diverso.

«Siamo in guerra»: è il 17 marzo 2020, e il Presidente del Consiglio così si esprime nel momento più “caldo” dell’epidemia da Covid-19 che ha colpito il mondo.

Dal presidente statunitense, al governatore di New York, passando per il primo ministro inglese: per tutti si trattava di trovare le “armi” per “combattere” e vincere il nuovo “nemico”.

L’epidemia di COVID-19, con il suo carico di minacce e incertezze, non sfugge a tutto questo e il linguaggio scelto per raccontarla ha un ruolo cruciale nell’orientare il nostro modo di pensare e agire nell’emergenza.

Ma ora vogliamo guardare avanti, vogliamo pensare ad un futuro di pace e serenità.

Per questo motivo abbiamo scelto la GRU come immagine coordinata dei nostri materiali editoriali. La gru è da sempre un simbolo di pace. In Giappone, gli origami della gru vengono regalati per augurare salute, felicità, benessere e prosperità ad una persona cara.

È con questo augurio e con questa speranza che vogliamo aprire la Stagione 2022 del Teatro Giuditta Pasta.




“Il Dante di Dalì”: s’inaugura domani a Palazzo Pirelli la mostra delle cento tavole di Salvador Dalì per la Divina Commedia

MILANO, 13 settembre 2021– Domani 14 settembre, alle ore 12.30, presso lo spazio eventi di Palazzo Pirelli, si inaugura “Il Dante di Dalì”, la mostra delle cento tavole originali dell’artista spagnolo realizzate per un’edizione novecentesca della Divina Commedia che fu tirata in pochissime copie.

L’iniziativa è del Consiglio regionale, in collaborazione con la Kasa dei Libri, nel settecentesimo anniversario della morte di Dante, e fa parte di un palinsesto di eventi organizzato dal Consiglio in occasione delle celebrazioni dantesche in Lombardia. “Le sorprendenti illustrazioni, una per ogni Canto della Commedia, sono state realizzate da Salvador Dalì nei primi anni ’60– spiega il Presidente del Consiglio regionale – ed è per noi un modo di rendere omaggio a Dante mentre per il pubblico è un’occasione speciale, sia perché le tavole sono poco conosciute, sia per la qualità di Palazzo Pirelli come sede espositiva”.

La mostra sarà poi visitabile su prenotazione dal 15 settembre, presso lo spazio eventi del Consiglio regionale della Lombardia a Palazzo Pirelli di Milano, via Fabio Filzi, 22.

Info dalle 10.00 alle 12.30 dal lunedì al venerdì: Tel. 02/67482777
urp@consiglio.regione.lombardia.it

L’evento avverrà nel rispetto della normativa anti-Covid-19 vigente. Per l’accesso è richiesto il Green Pass (certificazione del vaccino o tampone negativo o guarigione dal Covid-19).




“Rosa in mano”: a Milano progetto espositivo di Nevine Mahmoud, Margherita Raso con Derek MF Di Fabio

MILANO,  10 settembre 2021- Con la mostra Rosa in mano di Nevine Mahmoud e Margherita Raso con Derek MF Di Fabio, dal 10 settembre al 17 dicembre 2021 la Fondazione Arnaldo Pomodoro presenta il secondo appuntamento del ciclo espositivo 2021 delle Project Room, progetto “osservatorio” dedicato ai più recenti sviluppi del panorama artistico internazionale, affidato per quest’anno alla guest curator Eva Fabbris.

L’insieme dei lavori esposti è una danza di posizioni e di contatti fisici tra presenze e assenze, tra interi e parti. Rosa in mano è una mostra in cui la scultura si offre come celebrazione della vitalità del corpo. Le opere riunite hanno una spiccata qualità tattile, finanche sensuale, che è manifesta nella scelta dei soggetti e radicata nella loro natura esecutiva.

Nel solco di figure come Niki de Saint Phalle e Alina Szapocznikow, i corpi diventano fantastici e vitali, fisicizzazioni di desiderio in cui le sensazioni si mescolano.

Nevine Mahmoud (Londra, 1988 – vive e lavora a Los Angeles) e Margherita Raso (Lecco, 1991 – vive e lavora tra Basilea e Milano) radicano entrambe la loro pratica in un corpo a corpo con materiali e tecniche: opere scolpite o soffiate per l’una, lavori a telaio meccanico o manuale per l’altra.

Il risultato consiste per Mahmoud in oggetti a sé stanti, rappresentazioni spiccatamente sensuali di parti di corpi o di elementi naturali che si presentano come forme chiuse, mondi scultorei auto-riferiti. I tessuti di Raso si danno invece come opere che non hanno una forma prefissata e stabile: superfici di grande qualità tattile e visiva che occupano gli spazi pendendo dal soffitto, aggrappandosi alle pareti, appoggiandosi su superfici trovate. Il confronto tra le due artiste si espande grazie all’intervento di Derek MF Di Fabio (Milano, 1987 – vive e lavora tra Perdaxius e Berlino). Il lavoro di Di Fabio spesso consiste in workshop; la sua attenzione poetica è spostata sulle situazioni, su come si possano ascoltare e interpretare.

L’opera di Margherita Raso è stata prodotta grazie al supporto di Clerici Tessuto & C. SpA.




Busto Arsizio, al via la decima edizione dello Street Music Festival

BUSTO ARSIZIO, 9 settembre 2021-Torna domenica 12 settembre lo Street Music Festival, assegna giunta alla decima edizione organizzata da Nuova Busto Musica e Melt Communication con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale e il sostegno del gruppo Ceriani Auto e della Fondazione Comunitaria del Varesotto.

Per tutta la giornata nelle vie del centro cittadino si alterneranno otto gruppi musicali di diverso genere (pop, soul, blues, jazz, bossa nova, swing) composti da musicisti professionisti del territorio.

Di seguito il programma dello Street Art & Music Festival 2021:

domenica 12 settembre

mattina 10.00 – 13.00

Bar Kandiskj

Telesuono Duo

(pop disco)

Bar Campi

Claudio Borroni Jazz Trio

(swing, bossa nova)

Bar Amemi

Luca Marino

(pop, cantautorale)

Piazza san Giovanni

Red&Noir

(pop, jazz)

Pomeriggio dalle 16.00 alle 19.00

 Piazza Santa Maria

Sui Generis in collaborazione con Somsart

(pop, swing)

Bar Campi

Malaluna

(tributo alla musica italiana)

Bar Amemi

Turno di Notte

(soul pop, funk)

Piazza San Giovanni

Contracustica

(pop italiano e internazionale)

 




Artisti in piazza a Castiglione Olona mettendo in mostra le loro opere: organizza il gruppo Kubeart

CASTIGLIONE OLONA, 9 settembre 2021-Non solo “Fiera del Cardinale”.  Al tradizionale “Mercatino dell’usato e dell’antiquariato”, che dal 1978 si tiene a Castiglione Olona, si aggiunge  da  domenica 19 settembre quello degli Artisti, programmato la terza domenica di ogni mese dalle 9.00 alle 19.00.

L’iniziativa patrocinata dal Comune è affidata e organizzata dal gruppo artistico Kubeart, diretto da Emiliana Longoni, che di recente hanno organizzato con successo una mostra collettiva nella piazza principale dell’antico borgo.

A esporre nell’antica piazza del paese e nelle vie adiacenti sono invitati pittori, scultori, fotografi di ogni scuola e tendenza, a ricordare come l’Italia sia terra di artisti.

Un’iniziativa dunque votata al successo, valida per richiamare collezionisti e amanti dell’arte anche da altri Paesi.