1

FLAG di Carla Crosio al Salotto di Varese: una grande opera moderna suddivisa in sette eventi

VARESE, 10 giugno 2021- di ELENA MALNATI-

Sarà la mostra FLAG  dell’artista vercellese Carla Crosio a inaugurare questa sera, giovedì 10,  alle 19 al Salotto di Viale Belforte, il primo dei sette eventi settimanali dedicati a questa grande opera di arte moderna.

Organizzata dall’associazione varesina CuoriINVersi n collaborazione con il centro culturale StudioDieci di Vercelli e Comune di Varese, questo evento dall’elevato spessore artistico e culturale metterà a fuoco in maniera dettagliata FLAG, quello che rappresenta e le fitte trame che compongono questo capolavoro.

Dopo quello odierno ecco il programma degli eventi successivi, tasselli importanti per capire l’interezza e complessità di quest’opera:

Il programma

FLAG#1 | APPARTENENZA [17-06-2021]
FLAG#2 | IDENTITA’ [24-06-2021]
FLAG#3 | TRADIMENTO [01-07-2021]
FLAG#4 | IN-COERENZA [08-07-2021]
FLAG#5 | RICONOSCENZA [15-07-2021]
FLAG#6 | RESPONSABILITA’ [22-07-2021]
FLAG#7 | DOVE TIRA LA BANDIERA [29-07-2021]

Gli eventi speciali  si svolgeranno nel rispetto delle norme di sicurezza Covid19

redazione@varese7press.it




“Fellinopolis”, documentario della regista Sivlia Giulietti al Cinema Massimo di Roma

ROMA, 10 giugno 2021-Sabato 12 giugno, alle ore 21.00 il Cinema Massimo opsiterà la regista Silvia Giulietti per la presentazione del suo documentario Fellinopolis, in programmazione già da giovedì 10 giugno. Accompagnati da immagini di backstage e interviste ai più stretti collaboratori di Fellini, abbiamo la possibilità di osservare “attraverso il buco della serratura” il Maestro al lavoro e scoprire nuovi aspetti dell’uomo e del suo processo creativo.
L’appuntamento si inserisce nel quadro delle iniziative ‘Fellini 100’, di cui il Museo Nazionale del Cinema è tra gli enti promotori.

Silvia Giulietti
Fellinopolis
(Italia 2020, 80′)

Un viaggio alla scoperta del Maestro accompagnati da immagini di backstage e interviste ai suoi più stretti collaboratori. Su richiesta di Fellini, Ferruccio Castronuovo ha avuto il privilegio unico di poter girare gli Special – Backstage, che all’epoca venivano utilizzati per il lancio dei film, sui set di Casanova, La città delle donneE la nave va e Ginger e Fred, documentando e rivelando gli elementi del “grande gioco”, le invenzioni e le “bugie” del regista. In questo documentario, le eccezionali riprese di Castronuovo incontrano i ricordi dei professionisti che hanno lavorato con Fellini, tra cui i Premi Oscar Lina Wertmüller, Nicola Piovani e Dante Ferretti, mentre ci parlano del loro lavoro e della loro esperienza di vita a Fellinopolis, la città immaginaria dietro le quinte dei suoi film. Purtroppo il Backstage di Casanova è andato perso.

Acquista il tuo biglietto clicca qui




Il Circolo degli Artisti di Varese compie 100 anni: domenica grande festa al Salone Estense

VARESE, 9 giugno 2021-Il Circolo degli artisti di Varese celebra i cento anni della fondazione con una cerimonia pubblica in programma domenica prossima 13 giugno, alle 16.30 , nel Salone Estense del Palazzo comunale di via Sacco.

Con un anno di ritardo sulla ricorrenza, provocato dall’emergenza Covid, sarà presentato il volume “Cento anni di storia, arte e costume attraverso il Circolo degli artisti di Varese”, che contiene il materiale della mostra che si sarebbe dovuta tenere un anno fa nella sede dei Musei civici di Villa Mirabello e che se, come tutti ci auguriamo, riusciremo a uscire dall’emergenza pandemica, sarà allestita nella stessa sede nel 2022. A far gli onori di casa nel Salone Estense sarà il sindaco Davide Galimberti mentre spetterà a Matteo Inzaghi, direttore di Rete55,  il compito di condurre l’evento a cui parteciperanno, con il presidente del Circolo Antonio Bandirali, il presidente onorario professor avvocato Ferruccio Zuccaro e il segretario Paolo Musajo Somma di Galesano, gli amici del Circolo che, sotto la regìa di Antonio Bandirali, hanno collaborato alla stesura del volume e all’allestimento, per il momento  virtuale, della mostra. I contenuti del libro sono firmati da Chiara Ambrosoli, Alberto Bertoni, Fausto Bonoldi, Enrico Brugnoni, Daniele Cassinelli, Raphael De Vittori Reizel, Mario Chiodetti, Robertino Ghiringhelli, Matteo Inzaghi, Laura Lozito Zanzi, Maurizio Lucchi, Franco Prevosti, Silvio Raffo e Francesco Spatola.

Con l’originaria denominazione di “Amici dell’arte di Varese”, il Circolo nacque il 26 giugno del 1920, giorno in cui fu costituita l’associazione che, negli anni successivi, prese i nomi di “Cenacolo artistico” e”Raduno delle arti” per rinascere, come Circolo degli artisti, nel 1945.  Attorno al primo presidente, l’avvocato Edoardo Chiesa, e al primo segretario, il fondatore e direttore della “Cronaca Prealpina” Giovanni Bagaini, si unirono nell’impresa i maggiori pittori e scultori varesini dell’epoca, come Giuseppe Montanari, Domenico De Bernardi,  Federico Gariboldi, Innocente Salvini,  Enrico Butti, Daniele Scola, Lia Ambrosoli, Alessandro Pandolfi, Donato Gramegna e Arturo Tosi. Promotori della rinascita dopo la tragedia della Seconda guerra mondiale furono lo stesso Montanari con De Bernardi e lo scultore Angelo Frattini, a cui è intitolato il Liceo artistico varesino. Primo presidente fu l’avvocato Aldo Lozito, che potè contare sull’apporto di alcuni intellettuali di primo piano tra cui Luigi Ambrosoli, Leopoldo Giampaolo e Dante Isella.

 

 




“Atto unico” alla Fabbrica Eos di Milano da giovedì installazione di Giacomo Cossio

MILANO, 9 giugno 2021 – La galleria milanese Fabbrica Eos presenta il progetto di installazione di Giacomo Cossio “Atto unico”, a cura di Alberto Mattia Martini.

La natura risolve i problemi, l’uomo migra – è questo il pensiero alla base dell’installazione artistica di Giacomo Cossio, – l’uomo perirà e la natura si riprenderà tutto lo spazio di cui avrà bisogno. Sono affascinato e attratto da una pianta che cresce e prospera in un vaso, in uno spazio ridotto. Mi interessa la natura quando è costretta dall’uomo e dalle sue esigenze sociali, a essere decoro o riempitivo o addirittura surrogato o feticcio”.

 Da queste premesse nasce l’idea della performance/istallazione Atto unico. Utilizzando smalti murali, piante e fiori da vivaio, l’artista esprime simbolicamente l’idea della reazione della natura.

L’OPERA si compone di piante in vaso di svariate dimensioni, che per mezzo di un compressore con una lancia consente di distribuire il colore sulle piante. Il colore è smalto murale dell’azienda tedesca Biofa, che usa prodotti naturali non nocivi (con percentuali bassissime di additivo, 1 grammo per litro). Il colore utilizzato sarà rosa per evidenziare il carattere estremamente artificiale dell’azione, a cui farà contrasto la ricrescita verde delle piante.

A differenza di quanto accade solitamente in una galleria d’arte, la mostra avrà una durata di circa tre mesi: l’installazione verrà infatti compiuta dall’artista nell’arco di poche ore con un’azione apparentemente violenta per la sua rapidità di esecuzione, ma sarà visibile fino alla fine di agosto perché a dettare i tempi dell’esposizione è la natura stessa con i suoi ritmi lenti di crescita; anche l’arte e le sue esigenze organizzative, commerciali e sociopolitiche decadono nel pieno rispetto della Natura.

Una parte dell’azione performativa sarà visibile in diretta web sui canali social della galleria Fabbrica Eos.

Con la mostra Atto unico, Giacomo Cossio vuole far entrare la vita, una porzione di contemporaneità sotto forma di natura all’interno dello spazio espositivo– dichiara Alberto Mattia Martini-. Una presentazione che diviene rappresentazione del reale, appartenente al nostro naturale ordinario. Non siamo infatti al cospetto della natura impervia, lontana dal quotidiano, ma ci troviamo innanzi ad un insieme di piante contenute all’interno di vasi, ad una creazione naturale, che fa parte dell’ambiente a noi più vicino, dei luoghi nei quali viviamo, come per esempio delle nostre abitazioni. La pianta, il reale che penetra nella nostra esistenza, “si fa” arte: tuttavia essa vuole uscire dal contorno della cornice, vuole scardinare i limiti del circoscritto, della tela, a favore dell’illusione di ciò che non prevede estremità. Attraverso quest’opera, questo atto unico, Giacomo Cossio vuole sottolineare come la natura, oggi più che mai, viene circoscritta a componenti di arredo, ma nonostante ciò essa non rinuncia a sè stessa, adattandosi e trasformandosi, trovando nella sua conformazione primaria e nel luogo in cui è collocata, la risposta alla conservazione della specie”. Giacomo Cossio una volta posizionate le piante, di varie specie all’interno della galleria, interviene isolando completamente lo spazio, creando una sorta di camera stagna: quella che appunto potrebbe essere concepita come un’ermetica serra contemporanea. Ecco che il colore e la pittura entrano in scena, per un Atto unico indefinito, senza limite e spazio, dove la vernice si traduce in nuvola di pigmento, che avvolge e coinvolge le piante, donandole un’altra identità, pur non stravolgendone o compromettendone l’integrità e la vitalità.

Vernissage 10 giugno 2021 – dalle 18.30

In esposizione dal 10 giugno al 28 agosto 2021

Fabbrica Eos, Viale Pasubio (angolo via Bonnet)-Milano

 




Mani Maestre, opere di artigiani d’arte in esposizione sabato a Maccagno

MACCAGNO, 8 giugno 2021-La Pro loco di Maccagno Lago Maggiore dopo un anno di inattività riprende le attività di promozione del territorio ed ospiterà gli artigiani d’arte di Mani Maestre sabato 12 giugno dalle 17,00 alle 22,00 in piazza Unità d’Italia .

Dopo quasi 2 anni di assenza per la pandemia ritornano le esposizioni degli artigiani d’arte di Mani Maestre e lo fanno nella splendida cornice di Maccagno affacciato sul Lago Maggiore

Mani Maestre è un brand che unisce circa una ventina di artigiani delle province di Varese, Como e dell’alto milanese che, uniti da un desiderio comune, vogliono promuovere e tramandare la cultura del sapere artigianale e dei maestri d’arte.

Come ben sappiamo, il settore dell’artigianato artistico tipico e tradizionale è formato da piccole o piccolissime imprese che producono manufatti unici e di grande valore, destinati a un mercato di nicchia. L’alto valore emozionale di questi prodotti può essere colto infatti da una clientela particolarmente sensibile ai valori della tradizione e del territorio.

Proprio la simbiosi tra artigianato artistico, turismo e territorio può essere il fattore fondamentale nella costruzione di future strategie di promozione e di sviluppo del sistema turistico italiano, con particolare riferimento a politiche e progetti territoriali integrati, dopo la crisi conseguente all’emergenza Covid.

L’artigianato presenta infatti una valenza culturale, sia per la sua capacità intrinseca di tramandare un sapere pratico e archetipico, sia per ristabilire con il luogo e il territorio un rapporto storico e tradizionale.

“Maccagno con Pino e Veddasca si candida meritevolmente come luogo ideale per ospitare e realizzare l’incontro tra gli artigiani d’arte e la bellezza di un luogo che ha una vocazione turistica di alta qualità. La nostra riconoscenza per questa ripresa va al supporto che l’amministrazione comunale ha dato all’iniziativa e che insieme ad altre sia il segno di ripresa totale di tutte le attività culturali e di promozione del teritorio “ queste le parole del neo presidente della proloco Maccagno lago Maggiore Michele Todisco




Books&The City, la biblioteca sempre piú diffusa grazie alla rete milanese CSBNO

MILANO, 8 giugno 2021 – Le biblioteche civiche del nord-ovest milanese, parte della rete CSBNO Culture Socialità Biblioteche Network Operativo, presentano Books & The Cityaprono la strada a nuove interazioni con il commercio di vicinato. Il progetto parte già con l’adesione di una decina di comuni, quasi un centinaio di esercenti e circa 3mila libri dedicati e resta aperto a chiunque desideri partecipare con la propria attività. Ancora una volta la collaborazione tra realtà diverse diventa un’opportunità condivisa.

Presso i negozi aderenti sarà possibile trovare uno scaffale-vetrina adibito ai libri ma anche ai film messi a disposizione dalla biblioteca, appositamente selezionati e periodicamente rinnovati. L’obiettivo è raggiungere anche chi non frequenta usualmente la biblioteca ma può magari incontrare un libro interessante sul proprio percorso quotidiano, in coda alla cassa o mentre attende di essere servito dal panettiere. Il prestito è immediato, in loco e per tutti, anche per chi non è iscritto alla biblioteca. La procedura infatti è telefonica, veloce ed estremamente semplificata, così facile da essere illustrata sul segnalibro che si troverà all’interno di ogni libro o film a disposizione.

La collaborazione con i negozi di vicinato rappresenta un elemento di reciproco vantaggio. Se la biblioteca può così raggiungere più e nuovi utenti, i commercianti possono offrire un valore aggiunto ai propri servizi. Gli esercenti aderenti sono riconoscibili grazie ad una vetrofania che li identifica come partner di Books & The City.

“Il nostro patrimonio: non i libri ma le persone” è il motto di CSBNO e delle biblioteche del territorio, e si riconferma ancora una volta motore trainante dei nuovi progetti volti a valorizzare le potenzialità delle comunità locali e di tutti i suoi attori.

Maggiori info su https://webopac.csbno.net/




Libri Liberi, la censura ai tempi della ‘cancel culture’: nasce sito in difesa degli autori di narrativa per adulti e per bambini

VARESE, 7 giugno 2021-L’associazione ICWA, composta da più di 150 autori e autrici italiani per bambini e ragazzi, presenta il 15 giugno ore 17, all’interno della seconda edizione online della Bologna Children’s Book Fair, l’incontro Libri Liberi – La censura ai tempi della cancel culture, con esperti di editoria per bambini e censura per delineare un futuro inclusivo in cui la Letteratura resti un bene comune, un patrimonio indiscusso dell’umanità. Enza Emira Festa dialogherà con  Maria Teresa AndruettoManuela Salvi (ICWA), Sara Chiessi (AIB)

Un webinar che vuole porre l’attenzione sul tema della “cancel culture” , alla luce dei recenti eventi, sempre più frequenti e preoccupanti, di censura, pre-censura e censura culturale, spesso perpetrati in nome di una arbitraria protezione dell’infanzia o della “political correctness”.

La discussione è aperta: è giusto censurare i libri in nome di valori potenzialmente positivi? Gli attuali “roghi virtuali” in difesa dei diritti civili, dell’inclusione, della parità di genere, devono essere guardati con indulgenza o preoccupazione?

Contro le le moderne forme di censura e la “cancel culture” in generale l’associazione ha creato un sito LIBRI LIBERI https://www.libri-liberi.org/ in italiano e in inglese.

Il sito nasce prima di tutto in difesa degli autori di narrativa per adulti e per bambini e delle loro opere. Nasce dall’idea che il loro diritto a non essere messi a tacere in nome di sensibilità individuali o collettive, e delle loro opere di non poter essere oggetto di censure o repressioni di alcun tipo, sia inalienabile in un paese che voglia definirsi democratico e desideri rispettare le libertà più elementari di pensiero, opinione e parola.

In secondo luogo, il sito ribadisce il diritto dei lettori all’accesso incondizionato alla lettura, e alla libera fruizione di opere scritte nel passato e nel presente, senza pressioni né limiti ideologici o politici di alcun tipo.

Nella stessa direzione va la petizione “NOalla censura – NO to Book Banning” un’azione che chiede di appoggiare la protesta e la richiesta di intervento da parte delle istituzioni per impedire che i libri vengano rimossi o censurati in maniera eversiva ed arbitraria per mano di gruppi ideologici o politici privi di potere rappresentativo.

Vi invitiamo a partecipare all’incontro durante la BCBF Online Edition, 14 – 17 giugno 2021

Libri Liberi – La censura ai tempi della cancel culture,

Sabato 15 giugno ore 17

link dell’evento on line su piattaforma MEET JITSI

https://meet.jit.si/LIBRILIBERI-Lacensuraaitempidellacancelculture

Vi invitiamo a partecipare alla discussione inviando testimonianze, link di articoli di interesse comune, materiali utili che verranno inseriti sul sito, contattando la project manager Manuela Salvi: manuela.salvi@icwa.it

Ci potete trovare qui:

Libri Liberi (libri-liberi.org)

Home | ICWA

ICWA – Associazione Italiana Scrittori per Ragazzi | Facebook

ICWA – YouTube associazione

ICWA (@associazione.icwa) • Foto e video di Instagram




La città si anima con i The Readers, gli ambasciatori della lettura: serie di flashmob dedicati alla lettura

VARESE, 7 giugno 2021-In attesa dell’evento la Notte Bianca del lettore “… e quindi uscimmo a riveder le stelle“,  in programma ai Giardini Estensi il 12 giugno dalle 11.00 alle 24.00, prende il via il progetto The Readers, che  animerà la città per tutta la giornata odierna, con le incursioni letterarie di alcuni giovani lettori.
 
A partire dalla mattina si potranno incontrare per le strade della città di Varese gruppi di lettori che coinvolgeranno in brevi flash mob letterari alcuni cittadini: un’introduzione, la lettura di un passo significativo e l’invito a continuare la storia cercando il libro in biblioteca. Gli ambasciatori della lettura partiranno alle 11.00 dai Giardini Estensi, per poi dirigersi verso piazza San Vittore e piazza Monte Grappa. Poi è la volta di piazza Repubblica, con letture tra le bancarelle del mercato, mentre dalle 14.30 ci si sposterà alla Schiranna, magari incontrando chi è appena uscito dal centro vaccinale.
 
L’iniziativa parte dal lontano: da 
gennaio una classe del Liceo Manzoni di Varese si è impegnata in un percorso formativo sulla lettura ad alta voce con l’attore Elis Ferracini e l’animatrice Lucia Agostinelli di Cooperativa Totem. A conclusione del percorso le ragazze e i ragazzi hanno accettato la proposta di organizzare delle incursioni letterarie per la città.
 
Il progetto non ha formato solo questo gruppo di studenti ma ha lavorato su più fronti: sempre al Manzoni sono stati realizzati dei podcast con letture di fiabe in lingua; all’Istituto Einaudi un gruppo di studenti ha letto i racconti degli ospiti della Fondazione Molina realizzando dei podcast e un altro gruppo ha partecipato a un laboratorio di scrittura fiabe; un gruppo di studentesse del Classico realizzerà un’intervista online con Guido Catalano, uno degli ospiti della Notte bianca della lettura.
 
Percorsi diversi che in questo anno complesso e faticoso hanno riportato al centro dell’attenzione di questi ragazzi la passione per la lettura e per il libro. Molti di loro saranno coinvolti a conclusione di questa loro esperienza 
sabato 12 giugno.
  

The Readers, gli ambasciatori della lettura, è il progetto della Biblioteca Civica di Varese che ha per finalità la diffusione della cultura della lettura e la promozione delle attività della biblioteca anche attraverso l’ingaggio di giovani lettori. Il progetto, avviatosi lo scorso autunno, avrà conclusione a settembre 2021
 
L’iniziativa è finanziata dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali di concerto con ANCI e con il Centro per il libro e la lettura, all’interno del bando “Città che legge 2019. realizzazione di attività integrate per la promozione del libro e della lettura”.




‘In the Mood for Love’ giovedí al Cinema delle Arti di Gallarate

GALLARATE, 6 giugno 2021-Dopo l’apertura del 4 giugno con la programmazione normale, giovedì 10 giugno, alle ore 21.00 il Cinema delle Arti riprenderà da dove si era fermato il ciclo di Cineforum. Viene proiettato il film In the Mood for Love di Wong Kar-wai premiato al Festival di Cannes 2000 e che ora ritorna nelle sale in una versione restaurata.

Hong Kong, 1962. I coniugi Chow e i coniugi Chan si trasferiscono lo stesso giorno in due appartamenti contigui. Il signor Chow e la signora Chan, rientrando più frequentemente a casa, scoprono che i rispettivi consorti sono amanti. La volontà di comprendere le ragioni del tradimento li porterà a frequentarsi sempre più spesso e a condividere le sensazioni provate.

Il film sarà introdotto e commentato dal critico Gabriele Lingiardi.

Chi ha acquistato l’abbonamento del precedente ciclo di miniCineforum, interrotto a causa dell’emergenza Covid-19, presentando la tessera alla cassa può chiedere  il voucher per l’ultimo film non proiettato.

 

 

 




Torna il Teatro a scuola: debutto al Pizzigoni di Milano

MILANO, 6 giugno 2021-Il 10 giugno ritorna il teatro a scuola con il progetto TAC – TeatroAttivaCultura – ideato dall’Istituto Comprensivo Rinnovata Pizzigoni di Milano e promosso dal MiBACT (Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo) che propone di trasformare la scuola in un centro di educazione e cultura diffusa, a disposizione della cittadinanza, con una serie di incontri, laboratori, mostre e spettacoli volti a promuovere l’inclusione sociale.

 

Due appuntamenti imperdibili – alle 20 e alle 21.30 presso gli spazi della Scuola media Puecher di Milano in Via Castellino da Castello n. 9.con lo spettacolo d’improvvisazione “Le 10 cose” della compagnia teatrale La Balena.

 

La partecipazione è gratuita, prenotazione necessaria a questo link:

https://www.eventbrite.com/e/biglietti-tac-presenta-le-10-cose-compagnia-la-balena-157506077919