1

Al micro museo di Cadero sabato presentazione del libro ‘La prima Gioconda di Leonardo, più giovane e più bella’

MACCAGNO, 29 luglio 2022-Nel borgo di Cadero, frazione di Maccagno sul lago Maggior domani, sabato 30 luglio alle ore 19, ci sarà la presentazione nazionale del libro di Silvano Vinceti  ‘La prima Gioconda di Leonardo, più giovane e più bella’, edito da Armando Editore.
A Cadero sono nati i Fratelli Lancillotti responsabile del furto della Gioconda avvenuta a Parigi nel 1911. 
Il saggio di Vinceti è il risultato di una lunga e articolata ricerca che attesta il ritrovamento della prima Gioconda di Leonardo: più giovane rispetto a quella del Louvre e con due colonne laterali assenti nella più famosa .
La presentazione avverrà presso il micro-museo Cadero , museo della Gioconda in Val Veddasca.



Tonalestate, torna l’attesa kermesse culturale con workshop, concerti e vernissage artistici

PASSO DEL TONALE, 25 luglio 2022-Dal 6 all’8 agosto 2022 tra Passo del Tonale, Ponte di Legno (BS) e Vermiglio (TN), torna il congresso culturale internazionale Tonalestate.
Quest’anno, dopo due edizioni che si sono svolte “in linea” attraverso messaggi e interventi postati sul sito internet, il convegno ritorna con un nuovo format, quello di una Summer University.
Il tema scelto per questa 23° edizione è quello della gratuità, il cui titolo “Veni Vidi … Gratis” invita a riflettere, ascoltare, vedere e ripensare la logica con cui si muovono le nostre società, che sia nell’ambito della cultura, dell’economia, della politica o dei rapporti
interpersonali. A questa logica dominante del dare per ricevere una ricompensa, Tonalestate propone quell’atteggiamento che è al fondo ricercato da tutti, quello del dono gratuito.
Le giornate, nonostante aggiustamenti dell’ultimo minuto, saranno così organizzate: la mattinata è dedicata a lezioni magistrali, il pomeriggio a workshop tematici e conversazioni con i relatori, le serate prevedono concerti e vernissages artistici.

Per informazioni




Incontro con lo storico Franco Cardini mercoledí al Castello di Masnago

VARESE, 19 luglio 2022-Franco Cardini, storico di fama internazionale, sarà a Varese mercoledì 20 luglio 2022 alle ore 18.15  al Castello di Masnago. L’incontro è organizzato dal Comune di Varese in collaborazione con l’Istituto di Studi Superiori dell’Insubria «Gerolamo Cardano», e sarà l’occasione per presentare il libro Ucraina 2022. La Storia in pericolo (Edizioni La Vela, 2022).
Il volume a cura di Franco Cardini, Fabio Mini e Marina Montesano, raccoglie molte impegnate nel fare chiarezza e offrire riflessioni sulla guerra in Ucraina. 
Interverranno durante l’incontro:
il sindaco Davide Galimberti
l’assessore alla Cultura Enzo Laforgia
Renzo Dionigi, Professore emerito di Chirurgia presso l’Università degli Studi dell’Insubria
Vincenzo Salvatore, Professore di Diritto Internazionale presso l’Università degli Studi dell’Insubria



Beatrice e Diana, due bambine lombarde allo Zecchino d’Oro 2022

VARESE, 19 luglio 2022-Anche due piccole rappresentanti della Lombardia parteciperanno all’edizione dello Zecchino d’Oro 2022, in onda a novembre su Rai 1, con la direzione artistica di Carlo Conti.

Beatrice, di 4 anni, di San Fermo della Battaglia (CO) canterà “Ci vuole pazienza” scritta da Carmine Spera, Flavio Careddu e Valerio Baggio insieme a Elia, di 9 anni, di Parma.

Diana di 6 anni, di Monza canterà “Zanzara” scritta da Luca Angelosanti e Francesco Morettini, insieme a Francesco, di 5 anni, di Genova e Olga, di6 anni, di Paola (CS).

 Beatrice e Diana sono due dei 17 piccoli solisti– che interpreteranno le 14 canzoni in gara – scelti tra 3536 bambini che da tutta Italia hanno inviato le proprie video-esibizioni sulla piattaforma dedicata ai Casting di Zecchino o hanno fatto sentire la loro voce dal vivo, presentandosi alle tappe organizzate da Zecchino in diverse città d’Italia. La fase finale dei casting si è svolta in presenza: una festa in Antoniano in compagnia della musica!

Con i piccoli interpreti della nuova edizione sale a 1084 il numero dei bambini che hanno partecipato come solisti allo Zecchino d’Oro dalla prima edizione del 1959 ad oggi, di cui 108provenienti dalla Lombardia.

I brani selezionati, scelti tra 550 proposte arrivate in Antoniano a seguito del bando autori, strizzano l’occhio a diverse tematiche sempre più comuni tra i bambini. Così il desiderio di diventare grandi in fretta si contrappone a quello di giocare e godersi i momenti insieme al proprio papà e tematiche sociali e attuali, come la bellezza della diversità e la preoccupazione ambientale, diventano ancor più reali se ad esserne portavoce sono i più piccoli. A prestare la loro arte per scrivere le canzoni che i 17 interpreti porteranno sul palco di Rai1 – accanto a autori storici di Zecchino d’oro – Checco Zalone, Enrico Ruggeri, Deborah Iurato, Virginio, Cesareo di Elio e le storie tese con Filippo Pax Pascuzzi, Margherita Vicario ed Eugenio Cesaro degli Eugenio in Via di Gioia.

I brani saranno raccolti in una compilation firmata Sony Music Entertainment, con la direzione musicale di Lucio Fabbri, e verranno distribuiti nel corso dei prossimi mesi anche sulle piattaforme digitali.

I 17 interpreti, insieme al Coro dell’Antoniano, saranno anche i portavoce di “Operazione Pane”, il progetto solidale dell’Antoniano di Bologna che supporta 17 mense francescane che garantiscono un pasto caldo, ma anche ascolto e conforto, alle migliaia di persone e famiglie in difficoltà in tutta Italia. In particolare, quest’anno Operazione Pane è stata da subito al fianco della popolazione Ucraina per offrire aiuto e supporto con interventi nel Paese, ai confini e in Italia, dove dall’inizio della guerra continuano ad arrivare migliaia di persone.

 




Tra Sacro e Sacro Monte: Federica Rossellini racconta il suo Studio Hildegard Von Bingen

VARESE, 16 luglio 2022-Dopo il tutto esaurito dei primi due giovedì di Tra Sacro e Sacro Monte, Federica Rosellini racconta il suo Studio Hildegard Von Bingen, la benedettina tedesca tra le personalità più poliedriche e complesse del Medioevo.
Giovedì 21 luglio, alla XIV cappella del Sacro Monte, una delle più interessanti artiste della nuova generazione, per la prima volta al festival, ci accompagna con la sua voce in questo studio su Hildegarda nato proprio per questa edizione.
Nata nell’estate del 1098 a Bermersheim vor der Hohe nel cuore del Sacro Romano Impero, posta in un tempo segnato dall’incombere di nubi sempre più buie – scismi, antipapi, imperatori, eresie, crociate – la Sibilla del Reno ha nel suo nome il dono solenne della forza: Hildegard, “colei che protegge combattendo”.
Mistica, teologa, guaritrice, naturalista, cosmologa, gemmologa, poetessa, drammaturga, musicista. Hildegard scrive il Liber Scivias nel 1141, all’età di 42 anni e sette mesi, raccogliendo in quelle pagine le visioni che la abitano fin dai primi anni della sua infanzia: una nuova Storia del Mondo, per la prima volta scritta da una donna, Antico e Nuovo Testamento, una nuova Apocalisse, 26 Visioni dalla Creazione del Cosmo alla Caduta di Adamo, dalla venuta del Figlio all’enorme Verme Nero su cui balla una folla posseduta, in festa, dal corpo di una Chiesa divenuta Gigantessa al racconto della Fine dei Tempi.
Il Liber Scivias è però l’unico in cui la scrittura si spinge oltre la parola per diventare immagine, attraverso le miniature, create sotto la supervisione di Hildegard, che accompagnano l’opera. “Grida, dunque, e scrivi così”: queste le parole della “voce che viene dal Cielo” che chiudono la prefazione dello Scivias.
Parole che, come fiamme, scendono dentro il quadrato spoglio di una stanza monacale, avvolgono il volto di Hildegard e la battezzano allo stesso tempo nuovo Mosè e roveto ardente, Parola e Creatura, Fiume e Incendio. “Grida, dunque, e scrivi”.

TRA SACRO E SACRO MONTE VA IN CITTÀ
Cinque appuntamenti per Karakorum teatro a Tra Sacro e Sacro Monte.
Sabato 16 luglio, alle 19 e alle 21 è il Giorno Zero ad Avigno. Gli spettacoli di periferia fanno tappa nel Campetto da Basket del rione varesino, nel parco pubblico di Via Oriani.
È giusto avere un’idea per cui morire? Quale memoria ha senso preservare, proteggere, curare, e quale invece è giusto perdere? Fa bene avere un’utopia? Giorno Zero // la resistenza che verrà non è la prima proietta il pubblico nel “Giorno Zero”, un giorno immaginario di catastrofe, in cui ci si scopre orfani di un sistema di regole e valori, in cui ci si trova davanti – incombente e magnifica – la pagina bianca del futuro.

Attraverso audionarrazione, sound design e gioco, la performance porta il pubblico – raccolto in uno spazio urbano e munito di radiocuffie – a misurarsi con l’eredità della Resistenza italiana, osservata nel suo essere movimento frammentario, variegato, socialmente sperimentale, con un focus sulle sue componenti femminili e non combattenti.
Domenica 17 Luglio, alle 11, 18.30 e 20, prende vita Anche io non sono mia nella piazzetta del Monastero in cima a Santa Maria del Monte. Lo spettacolo itinerante di Francesca Garolla con Anahì Traversi e l’editing audio Antonello Ruzzini diventa un’esperienza condivisa, una passeggiata all’interno del borgo del Sacro Monte, e, al contempo, un’esperienza vissuta ciascuno per sé, grazie al fatto che ogni spettatore avrà la possibilità di ascoltare in cuffia, concentrato sull’unicità del proprio sentire. Un focus che si concentra sull’intrico di vie ombreggiate che compongono il borgo, dove alla fine del 1400, due donne, due monache, le prime due romite, Beata Caterina e Beata Giuliana, fondarono quella che è, ancora oggi, una comunità, ma anche e soprattutto un luogo pervaso da una impalpabile energia.

TRA SACRO E SACRO MONTE IN SANTUARIO
Il Tempo della cura farà parlare i monumenti. Martedì 19 luglio alle 21 nel Santuario Santa Maria del Monte, Betty Colombo propone una lettura scenica unica, ad ingresso libero fino a esaurimento posti. Il campanile della Basilica di San Vittore, Varese, racconta la sua storia “a casa” di suo fratello, il campanile del Santuario. Un testo che racconta in prima persona il restauro perchè dare un’anima e una voce ai monumenti ce li rende prossimi, li trasforma in compagni di viaggio, cambia lo sguardo che rivolgiamo loro. Raccontare la “malattia” del campanile permette di parlare del disagio dei “vecchi” di fronte alla necessità di cure di cui spesso non avvertono l’esigenza. Quando gli “acciacchi” sembrano poca cosa è più importante rivendicare il proprio buono stato di salute anche a dispetto dell’evidenza. Accettare la malattia è già un pezzo della cura.

TRA SACRO E SACRO MONTE A VILLA PANZA
Il bene FAI ospita Federica Fracassi per Opere in scena a Villa e Collezione Panza.
Mercoledì 20 luglio l’attrice, reduce dal successo come interprete di “Amen” di Recalcati al festival, torna a Varese per mettere in dialogo il proprio estro artistico con alcuni dei lavori della collezione di villa Panza. Fracassi regalerà una voce a Cement Bench for Hillside di Meg Webster, Lunette di James Turell, Varese Corridor di Dan Flavin e all’ Immagine di antenato, figura femminile seduta con bambino in grambo, Arte Bambara, regione di Bouguni, Mali. Sarà anche possibile visitare la collezione permanente e la mostra “Giorgio Colombo. Fotografie dalla Collezione Panza”. Per info, biglietti e prenotazioni: www.villapanza.it.

INFORMAZIONI UTILI
I biglietti del giovedì sono in vendita a 12 euro: online su www.trasacroesacromonte.it, alla biglietteria del Multisala Impero di Varese e presso la Casa Museo Pogliaghi la sera degli spettacoli dalle 19.30.
Per raggiungere il Sacro Monte, e ritorno, è importante utilizzare i mezzi pubblici senza sovraccaricare di traffico il borgo. Il servizio navetta gratuito messo a disposizione dal Comune di Varese parte dalla zona dello stadio – piazzale Gramsci/Valverde -, ogni mezz’ora dalle 19.30 alle 20.30 con arrivo a piazzale Pogliaghi. Il rientro sarà 23.10 – 23.15 – 23.20. Gli orari e le fermate intermedie del bus sono disponibili sul sito www.trasacroesacromonte.it.




Estate Varesina. Un altro weekend di eventi, tra i Giardini Estensi, Villa Toeplitz, Schiranna e centro città

VARESE, 15 luglio 2022-Anche questo fine settimana sono diversi i momenti dedicati a musica, teatro e cultura in città. Torna il Varese Gospel & Soul, che sarà venerdì 15, sabato 16 e domenica 17 luglio ai Giardini Estensi e nelle piazze del centro.

Venerdì 15 appuntamento alla Schiranna con lo street food di Sapori e Musica del mondo; sabato 16 e domenica 17 ci sarà la manifestazione Tra Sacro e Sacro Monte in vari punti della città; domenica 17 alle 10.30 un incontro ai Giardini Estensi con Varese Estense Festival Menotti, mentre alle 17.30 appuntamento a Villa Toeplitz con Radici al futuro.

Da non perdere anche gli eventi durante la settimana, come il cinema all’aperto di Esterno Notte nella cornice dei Giardini Estensi, spettacoli per bambini e altri appuntamenti.




LongLake Festival: a Lugano va in scena l’attesissimo Buskers Festival 

LUGANO, 11 luglio 2022-Pochi giorni ci separano dall’inizio del LongLake Festival Lugano, che dal 13 al 31 luglio proporrà tre settimane di eventi da vivere all’aperto, con grandi protagonisti e affascinanti interpreti tra musica, letteratura, teatro, incontri, spettacoli e installazioni d’arte urbana.

Ad inaugurare questa dodicesima edizione sarà l’attesissimo Buskers Festival che ritorna con un’altra esplosiva edizione sotto il segno “Samba Edition”. Da mercoledì 13 a domenica 17 luglio, oltre cinquanta artisti di strada da tutto il mondo si susseguiranno tra spettacoli teatrali e di cabaret, concerti musicali e performance artistiche sulle varie postazioni distribuite sul lungolago, da Piazza Manzoni fino a Punta Foce.

Ricordiamo inoltre che da oggi e fino al 15 luglio Antoine Déprez e Ursula

I sondila

Bucher realizzeranno, nell’ambito di LongLake Urban Art Festival, un murales in Via Foce a Lugano (accanto allo Studio Foce, lato fiume Cassarate) volto a far riflettere il pubblico circa la percezione ambivalente che permane nei confronti della natura.

Non mancheranno anche le proposte per la famiglia con il Family Festival e la sua ricca offerta di eventi e laboratori per i più piccini.




Nonostante la calura estiva successo per il Festival della Canzone Dialettale Ticinese e Lombarda a Vacallo

VACALLO, 11 luglio 2022-Nonostante gli oltre trenta gradi all’ombra del pomeriggio di domenica 10 luglio, più di un centinaio di irriducibili appassionati della canzone dialettale, hanno assistito sotto il cocente sole estivo alla prima edizione del Festival della Canzone Dialettale Ticinese e Lombarda a Vacallo, nel Canton Ticino.

La calura non ha certo attenuato le ovazioni che il pubblico ha elargito con entusiasmo a tutti i concorrenti. I diversi stili musicali che si sono susseguiti sul palco, hanno dato l’ennesima dimostrazione che i dialetti della lingua lombarda non potranno mai essere relegati a un solo genere. Con testi romantici o dai contenuti satirici, alcuni autobiografici e altri legati a storie locali di tempi non troppo recenti, abbinati ai diversi generi musicali che vanno dalla canzonetta d’osteria al blues ricercato, passando da un classico swing tipico dei vecchi pianobar fino al brano rock piuttosto che alla melodia pop dal retrogusto un po’ vintage, autori, compositori e interpreti hanno dimostrato con i fatti, sul palco, che la canzone dialettale ticinese e lombarda ha ben poco da invidiare ai brani scritti in lingua franca.
Dopo poco più di trenta minuti di consultazione, la giuria ha assegnato il primo posto al lodrinese Kico Gregori con il suo brano “La Television” da egli stesso composto. A seguire, con una meritatissima seconda posizione, Tabaccobruciato (al secolo Giorgio Angelo Cazzola) che ha scritto e interpretato “Al blues del Randa in Panda”, un brano scritto in dialetto dell’Oltrepò Pavese. Terzo posto al cantautore brianzolo Gianfranco Balestrini con “E adess sont chì”. Al termine della consultazione, i giurati hanno deciso all’unanimità di assegnare una menzione particolare a “Me car Milàn” di Valentino Mancino e Aurelio Barzaghi, interpretata magistralmente dal passionale milanese Valentino Mancino.
La risottata offerta dal Comune di Vacallo al termine delle premiazioni, si è subito trasformata in una sorta di “terzo tempo” per Artisti e pubblico che capitanati dall’ottantacinquenne Kico Gregori accompagnato dal suo valente armonicista Gecky Muttoni, tra un piatto e l’altro hanno praticamente continuato a cantare di tutto.




A Gazzada Teatro per famiglie insieme a Martin Stigol di Progetto Zattera

GAZZADA SCHIANNO, 9 luglio 2022-Per due martedì di fila, il 12 e 19 luglio, dalle 16.45 alle 18.30 negli spazi della biblioteca di Gazzada Schianno si terrà un breve corso di teatro per bambini e adulti. Un incontro ludico con il proprio genitore, o con il proprio figlio attraverso la comunicazione non verbale e la gestualità delle regole teatrali.
Un laboratorio che, partendo dal gioco e dall’improvvisazione, stimola i genitori ed i bambini a muoversi insieme, mano nella mano, all’interno di racconti famigliari o casuali sogni nascosti nell’armadio o viaggi nella fantasia dell’attore, sperimentando nuove forme di relazione e gioco.
Il laboratorio “Teatro insieme” sarà condotto da Martin Stigol di Progetto Zattera
Teatro in collaborazione con la biblioteca e con il contributo della Fondazione Comunitaria del Varesotto. La partecipazione ai laboratori sarà libera e senza necessità di prenotazione.
Il 19 luglio, inoltre, alle 20.30 nel parco di Villa De Strens in via Matteotti 13/A andrà in
scena “Carezza per un gigante”, un concerto – spettacolo con musiche suonate dal vivo
dal Corpo Musicale Santa Cecilia di Barasso che accompagnerà i racconti di Martin Stigol, tratti dai mondi fantastici di Bruno Munari, Gianni Rodari e Mario Lodi.
I racconti, rielaborati da Martin Stigol, avranno come protagonista il mondo fantastico
dell’infanzia, per dare forma ad una singolare narrazione multicolore di fantastici personaggi nati dalla carezza di un gigante.

Lo spettacolo, allestito anche grazie al contributo di Fondazione Comunitaria del Varesotto, non prevede un biglietto di ingresso ma sarà l’occasione per raccogliere offerte spontanee da destinare ad una associazione del territorio che saprà garantire servizi di qualità, alla propria utenza, con l’emozione di far parte di una rete di servizi culturali che metteranno al centro la propria professionalità e competenza.
Per informazioni: biblioteca@comune.gazzada-schianno.va.it




Navette gratuite per spettacoli teatrali al Sacro Monte di Varese: linee e orari

VARESE, 6 luglio 2022-Prosegue il servizio gratuito per raggiungere il borgo del Sacro Monte, che sarà attivo anche in occasione degli spettacoli in programma per la rassegna “Tra Sacro e Sacro Monte”. La navetta gratuita, messa a disposizione dal Comune di Varese, darà cosi la possibilità al pubblico di raggiungere il borgo in modo sostenibile in occasione delle serate della manifestazione del 7, 14, 21, e 28 luglio 2022.

La navetta speciale per raggiungere la rassegna Tra Sacro e Sacro Monte partirà dal Palasport (via Manin angolo via Valverde) per raggiungere piazzale Pogliaghi, con sosta nelle fermate di S.Ambrogio in piazza Milite Ignoto, in via Virgilio, via Quintino Sella (bivio Velate) e Prima Cappella (piazzale Montanari).

Dal 2 giugno all’11 settembre inoltre, prosegue il servizio di navetta che sarà attivo tutti i fine settimana, sabato e domenica, e i giorni festivi, compreso il 15 agosto. Sarà quindi possibile raggiungere il borgo di Santa Maria del Monte in modo sostenibile e gratuito, con la prima corsa alle 10.10 e l’ultima alle 18.40. In questo caso la navetta parte dallo stadio (via Borghi/piazzale De Gasperi).

Gli orari della navetta gratuita per “Tra Sacro e Sacro Monte”:

Palasport (Manin/Valverde): 19:30, 20:00, 20:30

S. Ambrogio (Milite Ignoto)19:33, 20:03, 20:33

Virgilio, 26 (Prealpi) 19:34, 20:04, 20:34

Quintino Sella, 30 (Adige) 19:37, 20:07, 20:37

Prima Cappella Montanari 19:39, 20:09, 20:39

Piazzale Pogliaghi 19:47, 20:17, 20:47

Piazzale Pogliaghi 23:10, 23:15, 23:20

Prima Cappella Montanari 23:18, 23:23, 23:28

Quintino Sella, 30 (Adige) 23:20, 23:25, 23:30

Virgilio, 26 (Prealpi ) 23:23, 23:28, 23:33

S. Ambrogio (Milite Ignoto) 23:24, 23:29, 23:34

Palasport (Manin/Valverde) 23:27, 23:32, 23:37