1

Pedalata della Befana a Gavirate con 80 corridori al via

GAVIRATE, 6 gennaio 2022-Primo appuntamento cicloturistico nel Varesotto questa mattina a Gavirate a cura di Ciclovarese, l’associazione che promuove il  ciclismo cicloturistico e giovanile nella provincia di Varese.

Sono stati 80 i pedalatori all’iniziativa del girono della Befana che hanno preso il via dalla Pasticceria Veniani di Gavirate ( foto di Giordano Azzimonti) con il vice sindaco Massimo Parola ad abbassare la bandiera a scacchi. Ad andatura cicloturistica i partecipanti hanno pedalato sulle strade che costeggiano il lago di Varese per poi fare ritorno nel centro storico gaviratese ed ammirare il “Presepe del Ciclismo”, realizzato presso lo spazio espositivo dell’Antichità Binda. Con 19 partecipanti il team Funtos Bike è risultato il più numeroso, presenti in buon numero anche i portacolori del Gruppo Sportivo Contini, Newsciclimo.com, Gruppo Sportivo Berti, Società Ciclistica Lainatese, Mazzucchelli Racing Team, Ibex Bike Run, Gruppo Sportivo  Pavarin,  Team Brontolo Bike, Gruppo Ciclistico Campo dei Fiori, oltre ai piemontesi del Gruppo Ciclistico Colli  di Coppi e a un rappresentante dell’ACSI Roma. “ Siamo soddisfatti di questo inizio dell’annata ciclistica – hanno affermato gli organizzatori – nonostante le note difficoltà il nostro intento è quello di promuovere costantemente  il ciclismo nel Varesotto. Il prossimo appuntamento sarà la Pedalata di San Valentino il 20 febbraio”.  Alla conclusione della  mattinata è stata effettuata l’estrazione delle maglie dei professionisti che non era stato possibile effettuare alla Pedala con  i Campioni dello scorso 8 dicembre.




Leggiuno terra di campioni: Gigi Riva e Silvano Contini omaggiati dall’associazione Lezedunum

LEGGIUNO, 5 gennaio 2022- I molti turisti che visitano l’Eremo di Santa Caterina del Sasso a Leggiuno hanno anche la possibilità di vedere l’omaggio che il paese sul Lago Maggiore ha voluto fare ai suoi due illustri concittadini: Gigi Riva e Silvano Contini. L’iniziativa è dell’ Associazione storico-culturale Lezedunum di Leggiuno, che promuove la riscoperta, la valorizzazione e la difesa degli aspetti storici, artistici, culturali  ed ambientali del territorio di Leggiuno  e dell’amministrazione comunale di Leggiuno tramite il suo assessorato alla cultura.

Due pannelli dal titolo “ Leggiuno Terra di Campioni”  ritraggono i due campioni in alcune fasi della loro carriera sportiva ricordano i loro principali traguardi ottenuti nello sport. Silvano Contini, che svolge la propria attività imprenditoriale e vive nelle vicinanze dal suo paese di origine, ha posato per una gradita foto ricordo della bella iniziativa.




Hockey, rinviata la partita Varese-Appiano per indisponibilitá dei giocatori ospiti

VARESE, 5 gennaio 2022-La partita Varese-Appiano in programma da calendario il giorno 6 gennaio alle ore 20.30 non verrà giocata a causa di indisposizioni della formazione dell’Appiano.

La comunicazione da parte della formazione altoatesina ci è arrivata pochissimi minuti fa, chiedendo il rinvio del match. I Mastini hanno accolto la richiesta decidendo comunque di recuperare la gara più avanti a data da destinarsi con l’intento di mantenere la regolarità del torneo, per quanto consentito.

I biglietti venduti saranno mantenuti validi per la gara di recupero, pur lasciando la possibilità al pubblico di chiedere il rimborso inviando una richiesta a mezzo email alla società Mastini all’indirizzo coop@hcvarese.org.

Auguriamo alla formazione avversaria di poter recuperare al più presto gli effettivi per poter disputare le prossime gare.




Sim Sander Vene torna a Varese: il giocatore estone rimarrá fino al termine della stagione

VARESE, 4 grnnaio 2022-Pallacanestro Varese comunica di aver raggiunto un accordo per il ritorno in biancorosso di Siim-Sander Vene, che ha firmato un contratto che lo legherà alla Openjobmetis fino al termine dell’attuale stagione sportiva. Efficace attaccante e solido difensore, per Vene si tratta della terza esperienza ai piedi del Sacro Monte dopo quelle delle stagioni 2017-2018 e 2019-2020.

Carriera
A contatto con la pallacanestro già dalla tenerissima età durante gli allenamenti di mamma Lea (giocatrice anche a livello internazionale), Vene cresce sotto la guida tecnica di papà Priit, suo allenatore a TTÜ (Tallinn University of Technology) e anch’egli cestista professionista. Il suo talento richiama subito l’interesse delle big d’Europa e, all’età di 15 anni, prende la decisione di trasferirsi allo Zalgiris nella blasonata Arvydas Sabonis School. Durante la sua decennale permanenza in Lituania viene perlopiù mandato in prestito per completare il suo percorso di crescita: Ludwigsburg (Germania), Atletas Kaunas e Prienai (Lituania) e Riga (Lettonia). Nel luglio del 2013 torna a far parte del roster dello Zalgiris con cui conquista tre titoli lituani consecutivi (4 punti, 2.8 rimbalzi in 3 stagioni) e gioca l’Eurolega fino alle Top 16 (3.1 punti e 1.6 rimbalzi di media in 45 partite). Nella stagione 2016-2017 veste la canotta del Nižnij Novgorod, squadra russa con cui colleziona 10.4 punti, 2.7 rimbalzi, 2 assist in campionato e 10.6 punti, 3.9 rimbalzi e 1.9 assist in Eurocup. L’anno successivo approda in Italia, alla Grissin Bon Reggio Emilia, squadra con la quale non riesce nemmeno ad esordire per via di un infortunio che lo tiene ai box per tutta la prima fase di campionato; ristabilitosi completamente, firma con la Openjobmetis Varese ed è protagonista assoluto della cavalcata dei biancorossi che, grazie ad un girone di ritorno da 12 vittorie, si qualificano ai playoff. Dopo l’esperienza bimestrale con il Baxi Manresa e quella ancora più breve con il Montakit Fuenlabrada, Vene (dicembre 2018) passa a Gran Canaria dove riesce a mettersi in mostra anche in Eurolega. La stagione successiva torna ancora a Varese (10.8 punti, 4.2 rimbalzi e 2.3 assist ad allacciata di scarpe), mentre nel 2020-2021 veste per l’intera stagione la canotta del Fuenlabrada.

In ambito internazionale ha vestito la canotta della sua Nazionale nella formazione U18 (12.1 punti e 5 rimbalzi in occasione del Campionato Under-18 FIBA del 2007) e della Nazionale maggiore con cui ha partecipato ad Eurobasket 2015 collezionando 10 punti, 6.4 rimbalzi e 1.6 assist. È stato inoltre eletto Giocatore Estone degli anni 2017, 2018 e 2019, riconoscimento di cui l’ex biancorosso Kangur detiene il record con 8 consecutivi.




Hockey, Varese torna da Dobbiaco con una vittoria importante

DOBBIACO (BZ) 2 gennaio 2022- Malfatti e i Mastini vincono a Dobbiaco giocando un grande match.

Nella prima sfida del nuovo anno i Mastini colgono all’overtime una vittoria importante che va a puntellare la classifica ma soprattutto dona consapevolezza e vigore. Un 2 a 1 che profuma di buono.

Il Varese recupera alcuni giocatori, tra cui Payra in difesa, per presentarsi a Dobbiaco con un roster completo, rispondendo così alle 4 linee degli Icebears.

L’inizio è equilibrato ma la prima occasione degna di nota è di Vanetti, la cui conclusione è miracolosamente parata da Burzacca in tuffo plastico. Risponde bene dalla parte opposta anche Muraro che però nulla può sulla conclusione di B. Obermair deviata dalla spalla di De Biasio in maniera decisiva. Il contrasto in balaustra è vinto dal Dobbiaco, il disco giunge al giocatore altoatesino che indirizza verso la gabbia varesina, il puck incoccia sul difensore giallonero e finisce in porta. I gialloneri accusano leggermente il colpo e faticano a rispondere agli attacchi dei padroni di casa, almeno negli istanti appena successivi. Poi i Mastini macinano gioco e l’occasione si crea con un paio di conclusioni, mentre sulla sirena è ancora il goalie altoatesino a superarsi sul tiro di M. Mazzacane.

Inizio complicato nel secondo tempo per i varesini, costretti a subire la pressione degli Icebears alla ricerca del raddoppio ma la squadra di Malfatti sa soffrire e si compatta al meglio per minimizzare i rischi. Muraro è bravo, ma lo è altrettanto il collega su M. Borghi. La partita fila via corretta e basti pensare che il primo powerplay arriva alla mezz’ora e a beneficiarne sono gli ospiti, senza però avere il successo sperato.

I padroni di casa proseguono nei loro attacchi ma le retrovie giallonere reggono. Su un ribaltamento di fronte i Mastini pervengono al pareggio: De Biasio inizia, M. Mazzacane conduce e Payra conclude in maniera vincente.

Nel terzo drittel i gialloneri entrano in pista ancor più carichi e pronti a vendere cara la pelle, stimolati da coach Malfatti con le giuste parole. I primi minuti sono tutti marchiati Varese: Tilaro ha il bastone particolarmente caldo ma non riesce a trovare la via della rete. Ci provano Bertin e Piroso, ma le conclusioni sono controllate da Burzacca. Incredibile la parata del goalie altoatesino sull’incursione di M. Borghi, il quale lo fa sedere ma non riesce a superarlo grazie al riflesso mancino del portierone. Si scaldano gli animi e a farne le spese sono sempre un giocatore per parte che si accomodano in penalty box.

I Mastini giocano un grande terzo tempo ma i tentativi di realizzazione si infrangono sul portiere avversario. Il Dobbiaco appare leggermente in debito di ossigeno ma alla fine riesce a trascinare nuovamente i gialloneri ai supplementari (proprio come all’andata).

Nel supplementare i varesini contengono nei primi istanti, poi è P. Borghi a innescare Schina che si invola verso il portiere Burzacca e infila il disco della vittoria. Malfatti raccoglie due punti importanti, non solo per la classifica. Grande merito ai giocatori che si sono messi a disposizione in questi giorni e che hanno dato tutto sul ghiaccio per tornare da Dobbiaco con il sorriso sulle labbra.

Icebears Dobbiaco – Mastini Varese     1 2  (1:0    0:1     0:0    OT 0:1)

8’04” (IB) B. Obermair (Profunser, Crepaz), 37’45” (MV) Payra (M. Mazzacane, De Biasio), 62’07” (MV) Schina (P. Borghi) OT

ICEBEARS DOBBIACO: 30 Burzacca (1 Oberkanins), 27 Rein, 28 Elliscasis, 66 Soravia, 97 Profunser, 31 Lanzinger, 19 Egarter, 98 Rizzo, 79 A. De Lorenzo Meo, 47 L. De Lorenzo Meo, 51 Schweizer, 15 A. Obermair, 20 Purdeller, 83 Mazzarini, 17 B. Obermair, 45 Taiarezze, 91 Crepaz, 68 Alverà, 13 Volgger, 88 Zandegiacomo, 3 Plankensteine. Coach: Guido Karl Lamberti Charles

MASTINI VARESE: 30 Muraro (90 Mordenti), 3 Schina, 9 A. Bertin, 22 E. Mazzacane, 79 Payra, 11 Papalillo, 44 De Biasio, 8 Fornasetti, 53 F. Salvai, 34 T. Salvai, 15 Caletti, 16 Vanetti, 23 M. Borghi, 27 M. Mazzacane, 29 Cordin, 31 Allevato, 55 Piroso, 74 Tilaro. Coach: Matteo Malfatti

 

 




Hockey, salta l’attesa sfida Varese-Como causa emergenza Covid

VARESE, 30 dicembre 2021– Non verrà disputata la partita Varese – Como  in programma questa sera, nonostante le premesse di disputa del derby lombardo ci fossero tutte, almeno sulla carta, fino al tardo pomeriggio di ieri. Nella serata è giunta una comunicazione da parte dell’Hockey Como che fa riferimento alla sospensione dell’attività sportiva della squadra lariana per problemi sanitari. A fermare allenamenti, partite e trasferte è stata la ATS locale che ha rilevato come non ci fossero le condizioni per poter portare avanti tali attività in sicurezza e nel rispetto delle normative anti covid vigenti.

Questo è motivo per non giocare la sfida in programma questa sera contro i nostri Mastini. Le società coinvolte hanno chiesto indicazioni alla FISG la quale ha il compito di emettere la comunicazione ufficiale del rinvio della partita che è stata ratificata proprio in questi minuti.

Ancora non è dato conoscere il giorno del recupero di Varese – Como anche perchè il calendario incombe. Il giorno 6 gennaio dovrebbe iniziare la seconda parte del campionato con Master Round e Qualification Round e risulta complesso poter recuperare le partite del campionato prima di questa data (il Como non ha disputato nemmeno la partita ad Alleghe del turno precedente).

I biglietti già acquistati in prevendita online verranno mantenuti validi per il recupero.

Chi volesse invece chiedere il rimborso dovrà farlo a mezzo email a coop@hcvarese.org entro le ORE 15 di OGGI (giovedì 30 dicembre) specificando le generalità, i posti assegnati e il proprio numero telefonico.

I Mastini proseguiranno la loro normale attività in vista della partita di domenica 2 gennaio contro il Dobbiaco in trasferta.




Dalla Tre Valli del Centenario alla Gran Fondo: un anno di successi per la società ciclistica Binda

VARESE, 29 dicembre 2021 – La 100° edizione della Tre Valli Varesine, la 1°edizione della Tre Valli Varesine Women e il ritorno della Gran Fondo Tre Valli Varesine questo il grande impegno organizzativo della Società Ciclistica Alfredo Binda nell’anno che si sta per concludere. Un 2021 che ha finalmente visto il grande ciclismo tornare protagonista sulle strade della provincia di Varese.

La 100° edizione della Tre Valli Varesine – Uci Pro Series ha registrato un boom di ascolti televisivi mai raggiunti prima. L’edizione del centenario, trasmessa in diretta da Rai 2 ha superato il 7% di share, confermandosi come il programma più seguito nel palinsesto giornaliero con un ascolto medio di oltre 3,5 milioni di spettatori e con picchi che hanno superato i 5 milioni. Grazie alla diretta via satellite e alle dirette sulle piattaforme web le bellezze della provincia di Varese hanno fatto il giro dei cinque continenti.

Dalla sede di Eolo a Busto Arsizio hanno preso il via le migliori squadre professionistiche al

La vittoria di Arlenis Sierra (Foto Aivlis) alla Tre Valli Varesine Woman

mondo con atleti di grandissimo livello come il due volte vincitore del Tour de France TadejPogačar, il già campione del mondo Alejandro Valverde, Rigoberto Uran, Tibaut Pinot, Geoghegan Art, e le giovani promesse come Alessandro Covi, vincitore del Trittico Regione Lombardia 2021, Edward Ravasi e Lorenzo Fortunato.

A tagliare per primo il traguardo in via Sacco nel cuore di Varese un emozionante ed emozionato Alessandro de Marchi seguito da Davide Formolo e TadejPogačar.

L’Evaluation Report ricevuto dai commissari UCI ha dato un giudizio positivo riguardo tutti gli aspetti più salienti della manifestazione analizzando fattori quali la sicurezza sul percorso, gli spettatori, la regia televisiva e la gestione organizzativa e logistica.

Renzo Oldani

Martedì 5 ottobre è stata una giornata che sicuramente resterà impressa nella storia del territorio non solo per il centenario della gara maschile ma anche per la prima edizione della Tre Valli Varesine Women | e-work.La grande passione spesa nell’organizzazione della gara femminile è stata premiata dalla UCI – Federazione Internazionale di Ciclismo – che ha già promosso di categoria le Tre Valli Women inserendola nel calendario 2022 come competizione 1.1 ad un passo al Women World Tour, la massima categoria esistente.

 Infine, è tornata finalmente a disputarsi la5° Gran Fondo Tre Valli Varesine – EOLO

Village Race ai Giardini Estensi

che si è riconfermata un evento di rilevanza internazionale, capace di attrarre a Varese oltre 1.800 ciclisti appassionati provenienti da 26 diversi Paesi nel mondo che hanno soggiornato nelle strutture ricettive della zona. Sicuramente vincente l’offerta territoriale che unisce le bellezze della provincia, l’accoglienza, la sicurezza e la qualità tecnico/organizzativa del percorso e delle strutture. La Gran Fondo è stata anche gara di qualificazione per i Mondiali 2022 a Trento. Questi i fattori che rendono l’evento uno tra i più apprezzati a livello internazionale.

Il race village, allestito negli storici e affascinanti giardini Estensi di Varese è stato il cuore pulsante della manifestazione che ha saputo attrarre un grande numero di visitatori, non solo ciclisti ma anche cittadini e famiglie.

Ciclismo ed enogastronomia: il Pasta Party,curato dagli alunni dell’Istituto Falcone di Gallarate, ha messo in risalto il gusto e i sapori della buona cucina italiana. Sono stati serviti oltre 2.000 pasti.

Un passaggio della Gran Fondo 2021

Il successo della Gran Fondo Tre Valli Varesine – EOLO è confermato anche dai numerosissimi messaggi giunti dagli stessi partecipanti che si sono complimentati per l’organizzazione e la sicurezza sulle strade che contraddistingue da sempre l’evento.Il sito internet www.granfondotrevallivaresine.it ha avuto oltre 150.000 contatti. Le pagine social hanno registrato più di 198.000 interazioni.

“A rendere possibile tutto questo, il coinvolgimento di oltre 600 volontari che hanno presidiato le strade per assicurare la massima sicurezza dei corridori e dei cittadini – afferma Renzo Oldani, Presidente della Società Ciclistica Alfredo Binda L’impegno dei soci della Binda è stato massimo e a loro va il mio ringraziamento insieme al fondamentale supporto che abbiamo avuto dalle Istituzioni del territorio, dai Sindaci dei comuni attraversati, dalle Forze dell’Ordine e dalle Aziende che hanno creduto ancora una volta in noi.”




A Gavirate allestito il presepe del ciclismo

GAVIRATE, 20 dicembre 2021-Nel centro di Gavirate, presso lo spazio espositivo dell’Antichità Binda, in via Garibaldi 9, è possibile ammirare il “Presepe del Ciclismo”. Si tratta dell’ultima delle molte iniziative del 2021 di Ciclovarese, associazione che promuove il ciclismo a tutti i livelli nel Varesotto con particolare attenzione al cicloturismo e all’attività giovanile, realizzata grazie al supporto di  Paolo e Lorenzo Altieri della ditta Larghi Patrizia, Flavio Binda, Emilio Vanini e alla disponibilità di Valeria Papa. Il “Presepe del Ciclismo” è visibile tutti i giorni e i più attenti potranno scorgere nella quasi 100 miniature dei ciclisti quelle che ritraggono Ercole Baldini, Giuseppe Saronni, Gianni Bugno, Giovanbattista Baronchelli, Luigi Ganna e Eddy Merckx (nelle foto di Giordano Azzimonti). Inoltre è possibile anche ammirare la miniatura della cappellina delle Madonnina protettrice dei ciclisti.




Ivan Zucco ha sconfitto il pugile georgiano Giorgi Gujejiani per ko al quarto round

VERBANIA, 20 dicembre 2021-Ieri, domenica 19 dicembre, il Palazzetto dello Sport di Verbania ha festeggiato la vittoria del suo Campione IVAN ZUCCO contro il pugile georgiano Giorgi Gujejiani, avvenuta per KO tecnico al 4° round di un match che Ivan ha dominato fin dalle prime battute.

“Quello di ieri è stato un match duro, ho affrontato un avversario ostico e anche un po’ scorretto, richiamato anche dall’arbitro per delle testate e per dei colpi sotto la cintura – ha commentato il Campione italiano dei pesi Supermedi, che ha combattuto nella sua Verbania per la 15° volta da professionista – È stata una serata bellissima, con il palazzetto pieno al massimo della sua capienza in questo periodo di Covid, con quasi 600 persone presenti. Ho fatto il mio ingresso in arena insieme a Massimo Pericolo, che ha cantato la sua “7 Miliardi” e ha dato una carica pazzesca a me e al resto del mio team mentre salivamo sul ring”.

Quello di Ivan Zucco sul palco del Palazzetto dello Sport di Verbania è stato il main event della IV^ edizione del TROFEO MEMORIAL MATTEO DEL GROSSO; oltre all’incontro del Campione italiano dei pesi Supermedi, la card prevede 6 incontri dilettantistici, tra cui 5 agonisti del Team SoloPerNumeriUno allenati del maestro Andrea Zucco, Andrea Canova e Giuseppe Castellano.

La serata dedicata al TROFEO MEMORIAL MATTEO DEL GROSSO, che è stata aperta dall’esibizione dei ragazzi della scuola Studio Danza 45 di Stefania Mammucci, è un evento che sta diventando una ricorrenza sempre più sentita in città: merito di Boxe Verbania che, anno dopo anno, continua a proporre uno spettacolo vincente che suscita curiosità e interesse di molte persone, anche non legate al mondo del pugilato. Spettacolo dei ragazzi

 “Questa prestazione mi è servita per arrivare carico alla difesa del titolo italiano che farò nei primi mesi del 2022, contro Alessandro Goddi. Sarà un 2022 di fuoco, sperando in un europeo magari a fine anno” ha continuato il Campione Italiano dei supermedi verbanese.

Nel corso della serata, inoltre, i fan del campione verbanese, hanno potuto acquistare i braccialetti del Team Zucco il cui ricavato della vendita è stato interamente devoluto all’Associazione Il Rifugio degli Animali di Verbania, che ha potuto così acquistare una serie di lampade riscaldanti per affrontare l’inverno.

L’evento in collaborazione con Opi since 82, viene promosso grazie al Patrocinio del Comune di Verbania e grazie alle libere sponsorizzazioni da parte di ditte ed esercizi del territorio tra cui: Borgotti Teresa Srl, Melloni Legno Srl, Axa Assicurazione di Merzagora Simone, Ristorante Dalì, Ged Srl Wine Gallery, Caffè Sempione, Viander il Magiarbene, Ditta Borgotti Daniele & C.), senza le quali Boxe Verbania, non avrebbe potuto organizzare un evento così prestigioso.




Il puma di Taino: è nato il fan club dedicato ad Alessandro Covi. Aperte le iscrizioni

TAINO, 16 dicembre 2021-Ad Alessandro Covi quest’anno è sfuggita la vittoria personale ma la popolarità del corridore di Taino è ormai enorme, non solo in Italia. Piace il suo modo di correre e di interpretare la corsa, appassiona la sua voglia di essere protagonista e di emergere dal gruppo, di tentare l’impossibile e soprattutto di sfidare i grandi campioni di ciclismo.

Nei giorni scorsi, nella sua Taino in provincia di Varese, si sono radunati a decine per festeggiare la seconda stagione tra i professionisti e per tributargli un enorme applauso per le belle storie a pedali che Alessandro regala ai suoi sostenitori fin dalle categorie giovanili.

Nel 2021, pur sfiorando il successo in diverse occasioni, come nella tappa di Montalcino al Giro d’Italia, ha vinto la classifica dei giovani al Giro di Sicilia ed alla Ciclismo Cup ed è risultato primo nella classifica generale del Trittico Lombardo.

Alessandro ha solo 23 anni, corre per la Uae Emirates di Tadej Pogacar, è figlio di ciclisti e nipote di un ex professionista: “Ho il cuore con le rotelle”, ha detto scherzando durante la festa. “Ho iniziato a sei anni e non ho più smesso. Mi piace il mestiere che faccio e prima o poi riuscirò ad alzare le braccia al cielo. Intanto sono contentissimo dell’affetto che ricevo ogni giorno da tanta gente, continuo ad imparare dai grandi campioni come Tadej e sono orgoglioso di correre con una Colnago, una bicicletta meravigliosa”.

Prossimo appuntamento? “Dal 5 al 16 gennaio sarò in ritiro in Spagna con la mia squadra ma intanto mi godo la festa e la nascita del mio fan club: “Il puma di Taino. Ho però il cuore spezzato per il grave incidente nel quale è incorso Jonny Carera. Appena dimesso dall’ospedale andrò a trovarlo per portargli un po’ di conforto e consegnargli la tessera del club con una dedica davvero speciale. Forza Jonny”.

Bello il nome del club: il puma è un felino feroce che agisce con tanta pazienza preparando con cura le imboscate. Sembra di vederlo già Alessandro Covi, pronto a sferrare il suo attacco in vista del traguardo di una grande classica.

Intanto, chi volesse, può iscriversi al fan club “Il puma di Taino” inviando una mail a: ilpumaditaino@gmail.com .