1

Mondiali Canottaggio Under 19 a Varese. Due titoli iridati e altre sette medaglie per l’Italia

VARESE, 31 luglio 2022- L’Italia chiude i Mondiali Under 19 di Varese con la vittoria di nove medaglie (2 oro, 6 argento, 1 bronzo), che valgono il secondo posto nel medagliere per nazioni alle spalle della Grecia (3-0-1) e davanti alla Germania (2-2-4). Italremo Under 19 che con 9 podi è la nazione con il maggior numero di medaglie conquistate nei vari gradi, davanti alle 8 della Germania.

Venendo al dettaglio delle prestazioni azzurre, si laureano campionesse mondiali nel quattro senza femminile Elisa Grisoni, Benedetta Pahor, Lucrezia Monaci e Giorgia Sciattella, che si impongono sulla Romania in una punta a punta che vede la Francia concludere al terzo posto, e che vale all’Italia non solo il titolo mondiale, ma anche la miglior prestazione al mondo: 6.32.76 contro il precedente primato, 6.37.89, che apparteneva sempre all’Italia e che risaliva al 2018.

Il secondo titolo mondiale per l’Italremo lo conquista Marco Prati nel singolo maschile, in una finale nella quale l’azzurro – dominatore di ciascuna eliminatoria dall’inizio delle regate iridate – annichilisce gli avversari: la Germania è argento a 11 secondi di distanza da Prati, mentre sono 12 i secondi di vantaggio sulla Repubblica Slovacca medaglia di bronzo.

Nel quattro di coppia maschile Marco Gandola, Matteo Belgeri, Maichol Brambilla e

Marco Prati, medagliad’oro nel singolo

Stefano Solano sono medaglia d’argento ad appena 36 centesimi dalla Repubblica Ceca campione del mondo, davanti alla Grecia, mentre appena mezzo secondo impedisce a Sofia Naselli e Martina Scarpello di vincere la medaglia d’oro iridata nel due senza femminile: vince la Grecia, mentre la Germania è di bronzo. In rimonta arrivano le medaglie d’argento di Francesca Rubeo e Angelica Erpini nel doppio femminile e di Aurora Spirito nel singolo femminile, nel primo caso dietro la Grecia e davanti alla Germania, nel secondo sempre dietro la Grecia ma davanti alla Svizzera. Entrambi d’argento anche i due quattro con, dietro gli Stati Uniti e davanti alla Romania quello femminile di Caterina Monteggia, Emma Cuzzocrea, Alice Pettinari, Isabella Bianchi e la timoniera Margherita Fanchi, e alle spalle dell’Australia ma davanti alla Turchia quello maschile di Giulio Zuccalà, Jacopo Sartori, Nicola Mancini, Santo Zaffiro e Lorenzo Fanchi al timone.

La medaglia di bronzo la conquistano Marco Selva e Marco Dri nel doppio maschile dietro Germania e Turchia, mentre le restanti tre barche azzurre che disputavano le finali per le medaglie – quattro senza, otto e due senza maschili – ottengono rispettivamente un quarto, un quinto e un sesto posto. Archiviato il Mondiale di Varese, l’Italia del canottaggio punta la prua verso un altro impegno internazionale riservato alla categoria Under 19, la Coupe de la Jeunesse, in programma a Castrelo de Mino (Spagna) il 6 e 7 agosto.




Mondiali Canottaggio, il presidente Abbagnale: ”Grazie Varese, atleti al top”

VARESE, 30 luglio 2022-Sabato 30 luglio, giunti alla sesta giornata di regate, i Mondiali di Canottaggio Under19 e Under23 hanno polverizzato ogni record: migliaia di appassionati e tifosi hanno affollato la Schiranna di Varese per godersi lo spettacolo unico ed inimitabile di questo sport e gli atleti non hanno certo deluso le aspettative regalando un autentico show grazie soprattutto alle 13 gare iridate (tutte under23) in programma.

Le previsioni meteorologiche avverse per il tardo pomeriggio hanno portato il Comitato Organizzatore a condensare la seconda giornata di Finali A (ultimo start lanciato alle 16.00 in punto) e il tempo ha premiato gli sforzi regalando una calda giornata soleggiata, palcoscenico perfetto per una manifestazione del genere.

L’Italia non delude le aspettative e, dopo i sei podi di ieri, domina anche il pomeriggio

Un equipaggio statunitense al traguardo

odierno consolidando la prima posizione nel medagliere: gli azzurri collezionano altre tre medaglie d’Oro (doppietta maschile e femminile nel doppio di coppia pesi leggeri e trionfo nel quattro di coppia maschile) cui fa seguito il Bronzo di Giulia Clerici nel singolo (gara che aveva aperto il pomeriggio iridato). L’Italia cala dunque il sipario degli Under23 con ben dieci medaglie (6 d’Oro, 2 d’Argento e 2 di Bronzo), sperando di incrementare il bottino con le regate di domani.

Giunti alla seconda giornata di finali, il commento non poteva che spettare a chi di finali se ne intende, ovvero il Presidente della Federazione Italiana Canottaggio Giuseppe Abbagnale. “I tre Ori odiernidichiara il pluricampione olimpicosono sicuramente importanti e fanno seguito al bel mondiale che l’Italia sta disputando. Credo sia il giusto coronamento per un evento casalingo che sta riscontrando un successo incredibile. Pertanto, un grande grazie va rivolto a Varese e al Comitato Organizzatore”.

Tifosi italiani alla Schiranna

Compimenti che, giustamente, vanno rivolti anche agli atleti protagonisti sul Lago di Varese e Abbagnale non manca di sottolinearlo: “Per essere al primo anno post-pandemia abbiamo riscontrato un’ottima partecipazione non solo dal pubblico ma anche e soprattutto da parte delle Federazioni. Inoltre, noto con immenso piacere che il livello tecnico e cronometrico della competizione è davvero di altissimo valore per cui faccio i miei personali complimenti a tutti gli atleti. L’appuntamento è fissato per domani per confermare una volta di più quanto di buono fatto vedere fin qui”.

Come anticipato dal numero uno della Federazione Italiana, l’appuntamento è quindi fissato per domani, domenica 31 luglio, con il palcoscenico interamente riservato agli Under19. In acqua a partire dalle ore 09.30 per le Finali D, C e B, preludio alle Finali A dalle 11.45 alle 14.55 che saranno trasmesse integralmente da Raiplay.

Per tutti i risultati di giornata consultare il link: 2022 World Rowing Under 19 & Under 23 Championships – World Rowing

IL MEDAGLIERE

ITALIA: 6 Oro – 2 Argento – 2 Bronzo
USA: 3 Oro – 3 Argento – 1 Bronzo
GRAN BRETAGNA: 3 Oro – 3 Argento – 1 Bronzo
GERMANIA: 2 Oro – 4 Argento – 4 Bronzo
GRECIA: 2 Oro
ROMANIA: 1 Oro – 1 Argento – 1 Bronzo
AUSTRALIA: 1 Oro – 2 Bronzo
BELGIO: 1 Oro
OLANDA: 1 Oro
SUDAFRICA: 1 Oro
URUGUAY: 1 Oro
LITUANIA: 2 Argento
SVIZZERA: 2 Argento
IRLANDA: 1 Argento – 3 Bronzo
CANADA: 1 Argento – 1 Bronzo
NUOVA ZELANDA: 1 Argento – 1 Bronzo
MOLDAVIA: 1 Argento
PERÙ: 1 Argento
TURCHIA: 1 Argento
FRANCIA: 3 Bronzo
BULGARIA: 1 Bronzo
CILE: 1 Bronzo
POLONIA: 1 Bronzo




Vela. Sul Lago di Como al via il Campionato Mondiale Juniores delle classi acrobatiche

COMO, 30 luglio 2022-E’ l’Alto Lario ad ospitare da martedì 2 a domenica 7 agosto il Campionato Mondiale Junior delle classi veliche olimpiche Nacra 17, 49er e 49er FX. L’evento, organizzato dal consorzio Multilario, con circoli Aval Cdv di Gravedona ed Uniti e Marvèglia di Dongo, vede la collaborazione della Regione Lombardia e della Provincia di Como. Già in questi giorni i 144 equipaggi hanno invaso il lago di Como per allenarsi e preparare le imbarcazioni in attesa dell’inizio ufficiale di martedì, quando si terrà la cerimonia inaugurale alla presenza del presidente federale Francesco Ettorre, del sottosegretario allo sport e ai grandi eventi di Regione Lombardia, Antonio Rossi e del Presidente di CONI Lombardia e Marco Riva.
Nella classe olimpica Nacra 17, con la quale Ruggero Tita e Caterina Marianna Banti hanno vinto la medaglia d’oro alle ultime Olimpiadi di Tokyo, saranno venti gli equipaggi giovanili in gara, fra cui gli azzurri Margherita Porro/Stefano Dezulian (Sezione Vela Guardia di Finanza) e Arto Hirsch/Elettra Orsolini (Compagnia della Vela di Roma) che faranno di tutto per mantenere in Italia il titolo iridato vinto lo scorso anno da Gianluigi Ugolini e Maria Giubilei. Punteranno al podio gli olandesi Laila van der Meer/Bjarne Bouwer che al Campionato europeo assoluto disputato ad Aarhus due settimane fa hanno concluso al nono posto.
Nel doppio 49er, fra i 70 equipaggi sulla linea di partenza sono cinque gli equipaggi con la maglia azzurra in gara; i polacchi Mikołaj Staniul/Kuba Sztorch cercheranno di confermare l’oro vinto in casa nel 2021, ma se la dovranno vedere con i francesi Théo Revil/Timothee Depery che, dopo aver sfiorato il podio lo scorso anno, ora puntano alla medaglia più importante. Questi gli azzurri in regata: Gianmarco Mascia/Pietro Cordini (Circolo velico Porto d’Agumu), Edoardo Valletta/Riccardo Carnelli (Circolo Vela Bellano), Jan Pernarcic/Luca Coslovich (DN Sistiana), Michele Semeraro/Carlo Nicastro (Centro Velico 3V), Tommaso Battaglia/Niccolò Galimberti (Circolo Velico La Spezia), Lorenzo Pezzilli/Tobia Torroni (CV Ravennate/C.N. del Savio), Tommaso Banfi/Martino Provinciali (Circolo vela Bellano).
Nell’acrobatico 49erFX sono sei gli equipaggi azzurri in regata, con Sofia Giunchiglia e Giulia Schio (Circolo velico Sferracavallo) nelle acque dell’Alto Lario vogliono proseguire la scia positiva, iniziata con il nono posto alla regata Kieler-Wocke. Fra i favoriti c’è l’equipaggio tedesco formato da Marla Bergmann e Hanna Wille, quarto a pari punti con il terzo al mondiale giovanile dello scorso anno in Polonia. Nel 2021 il titolo era stato vinto dall’equipaggio italiano formato da Jana Germani e Giorgia Bertuzzi. Gli altri italiani in regata: Gabriele Venturino/Filippo Vulcanile (Yacht Club Italiano), Federico e Riccardo Figlia di Granara (Circolo del Remo e della Vela Italia), il tranese Alfonso Palumbo (C.V. Bari) in equipaggio con Edoardo Conti del Circolo della Vela Arco, i fratelli Seneca Renzo e Alessandro Renzo Veronelli del Circolo Vela Cernobbio.
La presenza sul Lario, a Gravedona, di 144 equipaggi che parteciperanno alle regate in rappresentanza di ben 32 nazioni – ha affermato il Presidente della Provincia di Como, Fiorenzo Bongiasca –  esplicita la portata di un avvenimento di grande rilevanza non solo sportiva ma anche turistica”.
Come Sindaco di Gravedona ed Uniti – ha aggiunto Cesare Soldarelli – sono molto orgoglioso di questa manifestazione. Il lago di Como è famoso non solo per il turismo tradizionale ma si presta anche per esperienze straordinarie negli sport acquatici. E proprio l’Alto Lario è il bacino ideale per praticare la vela, a partire dalle scuole per arrivare ai livelli di vertice”.

L’evento online:

 




Mondiali Canottaggio a Varese: l’Italia prima nel medagliere

VARESE, 29 luglio 2022-Se i primi giorni di gara dei Mondiali di Canottaggio Under19 e Under23 erano andati oltre le più rosee aspettative del Comitato Organizzatore, la primissima giornata delle finali (Under23) è stata un incredibile successo sotto ogni punto di vista: il bel tempo ha accompagnato la mattinata fin dalle prime regate di ripescaggio degli Under19 e il pubblico ha risposto in maniera meravigliosa con un’autentica marea di tifosi ad affollare la Schiranna.

Con un pubblico del genere non poteva essere da meno lo spettacolo sul lago e le prime nove regate iridate hanno decisamente sorriso all’Italia che guida il medagliere con tre ori (doppietta maschile e femminile nel quattro di coppia pesi leggeri e nel due senza pesi leggeri femminile), due argenti (quattro con femminile e due senza maschile pesi leggeri) e un bronzo (quattro con maschile).

Ricordiamo che, in virtù dei temporali previsti nel pomeriggio, il CO ha deciso di condensare tutte le regate odierne nella fascia oraria dalle 9.00 alle 14.07. Domani Under19 in acqua al mattino per le semifinali, con gli Under23 protagonisti nella sessione pomeridiana con le Finali B (dalle 14.15 alle 15.10) e con le Finali A dalle 15.35 alle 18.32.
Il ricco programma di giornata sarà impreziosito dalla diretta streaming di RaiPlay che seguirà integralmente le semifinali A e B Under19 dalle 09.50 alle 11.05 e le Finali A dell’Under23.

Il ricco programma dei fuori evento prosegue questa sera l ‘inizio del “Black &Blue Festival” che terrà compagnia fino a domenica sera. Dalle ore 19.00, presso la tensostruttura dei Giardini Estensi di Varese (Via Sanno, 5) verrà inaugurato il servizio bar con musica diffusa cui farà seguito l’esibizione dal vivo dei Superdownhome con i Nine Below Zero alle ore 21.30. Domani sera spazio invece al chitarrista genovese Paolo Bonfanti, mentre domenica 31 luglio sarà Todd Day Wait a chiudere con i The Dukes.

Una manifestazione, quella dei Mondiali, che continua ad accompagnare gli atleti, i turisti e i cittadini di Varese unendo sport e intrattenimento per la gioia degli alti vertici del Comitato Organizzatore. Ed è proprio il Presidente, nonché Sindaco della Città-Giardino, Davide Galimberti a sottolinearlo: “Non possiamo che essere orgogliosi di come sta procedendo l’imponente macchina organizzativa messa in piedi. Il gradimento di addetti ai lavori e spettatori certifica il nostro lavoro e ci spinge a migliorare ancor di più in vista del gran weekend. L’evento sta inoltre coinvolgendo in maniera attiva non solo le realtà produttive ed imprenditoriali del territorio, ma anche i cittadini, entusiasti nel vedere una Varese così viva ed energica. Lo sport è un collante unico e meraviglioso e chiunque ne trae immenso beneficio. Gli applausi, infine, vanno a tutti gli atleti che da oggi hanno iniziato a contendersi le medaglie e, in particolare, mi concedo di dire un grande grazie ai nostri azzurri”.




Mondiali Canottaggio a Varese: l’Italia in finale con altre cinque barche

VARESE, 27 luglio 2022-L’Italia, impegnata con 10 barche nella terza giornata di eliminatorie dei Mondiali Under 23 a Varese, guadagna altre cinque finali (doppio Pesi Leggeri, due senza e otto femminili, quattro senza e quattro con maschili) e tre semifinali (singolo e doppio maschili, doppio femminile), ritrovandosi così dopo tre giorni di qualificazioni con ancora 17 equipaggi – 11 in finale e sei in semifinale – in lizza per le medaglie iridate sulle 20 presentate.

Nella giornata odierna, dai recuperi arrivano ben cinque successi. Exploit dell’otto femminile di Sofia Secoli, Letizia Mitri, Eleonora Nichifor, Lucrezia Baudino, Gioconda Iannicelli, Alice Dorci, Beatrice Crevani, Anita Boldrino e Martina Barili al timone, che nel serrato ripescaggio – tutte e cinque le ammiraglie piombano sul traguardo in un fazzoletto di appena 1.31 secondi – vincono per tre decimi sulla Germania, andando in finale. Nel doppio Pesi Leggeri femminile vittoria dominante sull’Ungheria e pass per la finale di Greta Parravicini e Elena Sali, mentre con un secondo di vantaggio sull’Irlanda vince il quattro senza maschile di Alessandro Bonamoneta, Davide Verità, Edoardo Caramaschi e Davide Comini, anch’essi in finale.

Valgono invece l’accesso in semifinale i successi dei due doppi, quello femminile di Josephine Debelle e Matilde Barison sugli Stati Uniti e quello maschile di Andrea Licatalosi e Tommaso Molinari sulla Gran Bretagna. Vanno in finale con il secondo ed il terzo posto nei rispettivi ripescaggi invece il due senza femminile di Giorgia Borriello e Clara Massaria e il quattro con maschile di Ivan Galimberti, Volodymyr Kuflyk, Aniello Sabbatino, Antonio Zaffiro e Filippo Wiesenfeld al timone, mentre la seconda piazza nel suo quarto di finale del singolo maschile vale l’accesso in semifinale anche per l’azzurro olimpico Gennaro Di Mauro. In virtù del quarto posto ottenuto nei recuperi, disputeranno le finaline per le posizioni dalla settima in giù il due senza e l’otto maschili.

Domani, nella quarta giornata dei Mondiali Under 23, gli azzurri saranno impegnati nelle semifinali tra le ore 14.00 e le ore 15.55, con le regate di Varese che saranno trasmesse in diretta su Rai Play dalle 14.00 alle 15.15.




Aria di Olimpiadi a Milano: vetrofanie con logo ricoprono Palazzo Lombardia

MILANO, 27 luglio 2022-Un incontro utile e proficuo che ci ha consentito di fare il punto della situazione. Tutto procede come da programma e siamo quindi ottimisti di riuscire a raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana  affiancato dal sottosegretario con delega ai Grandi eventi sportivi Rossi, a margine dell’incontro con il presidente del Coni e della Fondazione Milano-Cortina 2026, Giovanni Malagò.

DUE VETROFANIE VISIBILI DA MOLTO LONTANO PER UN EVENTO CHE SIA SEMPRE PIÙ COINVOLGENTE – Nell’occasione il governatore e Malagò hanno anche ‘svelato’ le vetrofanie che da qualche giorno abbelliscono e impreziosiscono le vetrate est e ovest di Palazzo Lombardia ricordando che la Lombardia è ‘Host Region’ dell’evento. Due gigantografie che ritraggono uno sciatore e uno snowborder impegnati sulle montagne lombarde, visibili anche da molto lontano, fanno bella mostra di sé.

Fuori dall’ingresso principale di Palazzo Lombardia, da oggi, a fianco del tricolore, della

Rossi, Malagó e Fontana

bandiera dell’Ue e della Rosa camuna, sventola anche quella appositamente realizzata per i giochi del 2026, all’interno della quale è stato apposto anche il logo dei giochi paralimpici proprio a testimonianza dell’attenzione che la Regione riserva anche a questi atleti speciali.

“La ‘brandizzazione’ di Palazzo Lombardia – ha detto il presidente lombardo – è un modo per comunicare ai cittadini quanto stiamo cercando di realizzare, per fare in modo che sempre più persone si incuriosiscano perché le Olimpiadi del 2026 saranno un evento che lascerà il segno”.

Il lavoro di confronto con tutti gli Enti coinvolti nella realizzazione dell’evento prosegue con incontri quindicinali e all’ordine del giorno c’è anche il possibile ingresso del Governo nella Fondazione.

Molto soddisfatto anche Giovanni Malagò: “Vengo tutte le settimane a Milano e sarò qui, e nei luoghi delle Olimpiadi, sempre più spesso. Oggi abbiamo fatto il punto della situazione e devo dire che c’è molta condivisione rispetto ai temi da affrontare”.

“Ho molto apprezzato la brandizzazione di Palazzo Lombardia – ha continuato – che ritengo un’idea eccellente. È un’operazione che consente di collocare il brand delle Olimpiadi in uno dei luoghi più iconici e visibili della città. Anche Parigi sta mettendo in atto azioni analoghe in vista del 2024: un modo per rendere partecipi i cittadini e fidelizzarli rispetto a questo tipo di messaggio”




Mondiali Canottaggio Varese 2022: ufficializzati gli equipaggi azzurri U19

VARESE, 22 luglio 2022. Oggi, a due giorni dalla conclusione del raduno preparatorio per il Mondiale Under 19, in programma a Varese-Schiranna dal 27 al 31 luglio, il Direttore Tecnico Francesco Cattaneo ufficializza le formazioni dei vari equipaggi femminili e maschili.

Un lavoro che è stato portato a termine, dopo 13 giorni di raduno a Piediluco presso il Centro di Preparazione Olimpica e Paralimpica, dai Capi Allenatore Femminile Massimo Casula e Maschile Valter Molea che hanno varato le formazioni che, salvo cambi di carrello e di barca all’ultimo momento, prenderanno parte al Mondiale. Sono 14 gli equipaggi iscritti dall’Italia (7 maschili e 7 femminili) che concorreranno per una delle medaglie in palio durante il Mondiale che da quest’anno si chiamerà Under 19 anziché Junior, come eravamo abituati a conoscerlo. Di seguito la composizione delle imbarcazioni:

EQUIPAGGI MASCHILI

SINGOLO MASCHILE
Marco Prati

DUE SENZA MASCHILE
Luca Vicino, Marco Vicino

DOPPIO MASCHILE
Marco Dri, Marco Selva

QUATTRO SENZA MASCHILE
Ferdinando Emanuele Chierchia, Martino Cappagli, Guglielmo Melegari, Giorgio Maddaloni

QUATTRO CON MASCHILE
Santo Zaffiro, Nicola Mancini, Jacopo Sartori, Giulio Zuccalà, Lorenzo Fanchi-timoniere

QUATTRO DI COPPIA MASCHILE
Stefano Solano, Matteo Belgeri, Maichol Brambilla, Marco Gandola

OTTO MASCHILE
Nicolò Gabriele Marelli, Alberto Briccola, Emanuele Meliani, Giacomo Pappalardo, Manuel Caldara, Antonio Distefano, Gregorio Menicagli, Francesco Garruccio, Leo Vaughan Bozzetta-timoniere

RISERVE
Gabriele Enrico, Marco Miatello

EQUIPAGGI FEMMINILI

SINGOLO FEMMINILE
Aurora Spirito

DUE SENZA FEMMINILE
Sofia Naselli, Martina Scarpello

DOPPIO FEMMINILE
Angelica Erpini, Francesca Rubeo

QUATTRO SENZA FEMMINILE
Giorgia Sciattella, Lucrezia Monaci, Benedetta Pahor, Elisa Grisoni

QUATTRO CON FEMMINILE
Isabella Bianchi, Caterina Monteggia, Emma Cuzzocrea, Alice Pettinari, Margherita Fanchi-timoniere

QUATTRO DI COPPIA FEMMINILE
Melissa Schincariol, Agnese Dassani, Federica Chisena, Giorgia Gregorutti

OTTO FEMMINILE
Anna Riccio, Sandra Compagnucci, Victoria Gallucci, Giulia Zaffanella, Marta Orefice, Giulia Orefice, Vittoria Calabrese, Matilde Paoletti, Ilaria Colombo-timoniere

RISERVE
Matilde Orsetti, Veronica De Martino




Mondiali di Canottaggio Under19 e Under23: Varese pronta ad accogliere oltre ventimila persone

VARESE, 212 luglio 2022-Si alza il sipario sui Campionati Mondiali Under19 e Under23 di Canottaggio che si terranno alla Schiranna di Varese con le competizioni che inizieranno lunedì 25 luglio per concludersi domenica 31 luglio.

La doppia manifestazione internazionale è stata presentata stamane nella cornice della sede di MV Agusta alla Schiranna di Varese, nell’ambito di una collaborazione sempre più centrale tra MV e il mondo del canottaggio. “E’ un piacere poter ospitare oggi questa presentazione e più in generale essere a fianco dell’organizzazione per questi campionati – ha dichiarato il Direttore Marketing Filippo Bassoli – Ospiteremo anche, con grande piacere, nella serata del 30 luglio la cena delle Nazioni, che riprende appieno il valore di MV, realtà principe a livello mondiale”.

“Siamo contenti di poter aprire ufficialmente questi campionati Mondiali ed ancor di più di

Federica Cesarini con Valentina Rodini

poterlo fare dalla sede di MV Agusta – ha detto il Presidente del Comitato Organizzatore Davide Galimberti -. Questo è un luogo importante perché è il simbolo dell’abbinamento tra il valore dello sport e le aziende del territorio che, per questi campionati, hanno saputo fare sistema. Il ringraziamento maggiore va a Pierpaolo Frattini, Direttore Generale del Comitato Organizzatore, che ha preparato e gestito tutto al meglio, così come tutto l’apparato organizzativo. I numeri raggiunti sono straordinari e molto significativi per il rilancio del territorio. Tutto questo è da considerarsi un investimento vero e proprio per il futuro, per quello che faremo come Varese nei prossimi anni, non solo per il canottaggio ma per tutto il territorio”.

Parole a cui fanno eco quelle della vice sindaco della Città Giardino, Ivana Perusin: “Questo è un evento che coniuga lo sport e l’imprenditoria e apre un’opportunità significativa per il territorio, con la presenza di tante nazionalità che spalanca per Varese una porta sul mondo. I numeri sono davvero incredibili”.

La manifestazione porterà in Varese un numero davvero ampio di nazioni e di visitatori, che saranno motore per il turismo locale dopo duri anni di pandemia – sottolinea Antonio Franzi della Camera di Commercio varesina – : “Oggi è il momento delle celebrazioni e di sintesi del lavoro fatto nelle scorse settimane dagli organizzatori e dal sistema imprenditoriale. Nel passato il canottaggio aveva toccato punte di 50.000 prenotazioni all’anno mentre solo questo evento porterà almeno 20.000 pernottamenti, avviandoci verso un nuovo record”.

Numeri davvero importanti per questi campionati mondiali, con il Lago di Varese che vedrà navigare sulle proprie acque ben 1457 atleti di 61 società diverse: 679 per la categoria Under 19 e 778 per l’Under 23.

Numeri snocciolati dal Direttore del Comitato, Pierpaolo Frattini: “I miei complimenti vanno a tutta la squadra che ha contribuito ad organizzare l’evento. Sono già arrivate diverse squadre, anche se il grosso delle affluenze sarà tra sabato e domenica. Già da domani si potrà iniziare a vivere l’evento con gli allenamenti e una visita al villaggio. Avremo poi una settimana di gare ricchissima da lunedì pomeriggio con le gare degli Under 23 e gli Under 19 che saranno protagonisti da martedì. Ci saranno anche tanti eventi di coinvolgimento collaterali. Abbiamo cercato di fare il nostro meglio per organizzare il tutto e siamo fiduciosi sulla riuscita dell’evento”.

Un evento di ampio respiro che coinvolge non solo la provincia di Varese ma tutta Regione Lombardia, – dichiara il Consigliere Regionale della FIC Leo Binda – : “Con la Canottieri Varese quest’anno è stato un crescendo rossiniano per quanto riguarda le grandi manifestazioni, per il mondo del canottaggio e del lago di Varese. Questo super campionato di Varese non deve essere visto come un punto di arrivo ma come uno di partenza per crescere ancora, per la Provincia, la Regione e l’Italia tutta. E’ molto bello vedere la vicinanza delle grosse aziende al mondo del canottaggio. Questo movimento è un canale centrale per le aziende di tutto il territorio”.

Un’organizzazione che vede in primo piano la Canottieri Varese – sono le parole del presidente Claudio Minazzi – : “A livello di gare, con l’organizzazione di questi campionati arriviamo quasi al top, che speriamo di raggiungere nel 2025 con gli Assoluti per cui è già stata presentata la candidatura. E’ un segnale importante per tutto il movimento e per tutta Varese. Vorrei ringraziare ancora una volta tutta la squadra dei volontari che ci sosterrà come sempre e dedicare questo bellissimo evento a uno di loro che recentemente ci ha lasciato ma che sarà sempre con noi”.




La Canottieri Luino protagonista alla giornata “Vivere il lago”

LAVENA PONTE TRESA, 19 luglio 2022-Lavena Ponte Tresa ha ospitato, nella giornata di domenica, la manifestazione “Vivere il Lago”. Numerose le iniziative sviluppate attraverso la promozione dell’attività degli sport d’acqua. L’iniziativa, tra l’altro patrocinata dalla Federazione Italiana Canottaggio, si inquadra nelle attività di promozione turistico/sportiva del lago Ceresio con operatori istituzionali e associazioni, tra le quali la Canottieri Luino, riuniti sotto il brand “Lago Ceresio – un mondo tutto da scoprire”. Il format di quest’anno verrà progressivamente affinato e arricchito di ulteriori contributi.

Sono andate in scena una  regata di canottaggio dimostrativa di tipo “Match Race” sulla distanza di 500 metri, prove gratuite di indoor rowing con i remoergometri, prove di canottaggio e kayak. Da evidenziare una speciale prova di triathlon “sperimentale” dedicata alle discipline del canottaggio, del nuoto e della corsa.  Il pubblico ha potuto anche visionare alcune barche in esposizione. I partecipanti alla regata sono stati premiati dal Sindaco di Lavena Ponte Tresa e presidente dell’autorità di bacino del lago Ceresio Massimo Mastromarino, dalla vicesindaco Valentina Boniotto (protagonista anche ai remi) e dal Presidente della Canottieri Luino Luigi Manzo. Un evento reso possibile grazie all’organizzazione del vicepresidente e allenatore di riferimento gialloblù per la sede nautica di Lavena Ponte Tresa Alessandro Del Ferraro.

La Canottieri Luino ringrazia il suo istruttore di canoa Emanuele Rodari che ha fatto provare i kayak a tantissimi ragazzi e ragazzi per tutta la giornata, Fiorenzo Previatello e l’Unione Pescatori del Ceresio per il supporto nautico, la Pro Loco di Lavena Ponte Tresa per il supporto logistico.

Ecco i risultati della regata. Nella categoria “Scuola Italiana di Canottaggio” maschile primo Carmine Melone e secondo Sami Alicajic. In campo femminile l’affermazione di Eleonora Dattilo davanti a  Vivian Vago. Tra gli Allievi primeggia Darius Grigore su Nicolò ioannoni e, terzi pari merito, Gabriele Dattilo e Leonardo Ionescu. Tra i Ragazzi brilla Filippo Bruschi, abile a tagliare il traguardo in prima posizione con Davide Bonalumi al secondo posto. Tra le Junior Arianna Tosi precede Emma Tosi e Martina Bonalumi. Nella categoria Senior-Master il doppio misto premia Valentina Boniotto e Alessandro Del Ferraro, leader davanti alle coppie formate da Carmela Catoggio e Simone Pagliuca, da Aurora Taietti e Fabrizio Sorrentino.




Alex Bertin ha rinnovato per un anno con i Mastini Varese

VARESE, 18 luglio 2022– Alex Bertin sarà ancora un difensore del Varese per la nuova stagione IHL 2022-2023 in seguito alla firma sul contratto che lo lega per un altro anno alla società giallonera.

La stagione scorsa per il ragazzo si è chiusa in modo amaro, dovendo forzatamente rinunciare ai playoff a causa di un infortunio rimediato nell’ultimo match della seconda fase di Regular Season, proprio alla vigilia della parte finale e possiamo solo immaginare la voglia che Alex ha, già oggi, di ritornare a vestire la maglia col Mastino, riscattando, solo parzialmente, le assenze forzate di fine campionato scorso.

La conferma di Bertin è importantissima per gli equilibri difensivi varesini: la sua fisicità e il suo senso della posizione sanno essere elementi preziosi per qualsiasi allenatore, specialmente per chi già lo ha conosciuto in passato, proprio come in “nostro” Devèze. Sempre pronto a fornire un aiuto ai compagni di squadra, Alex sa farsi valere anche quando c’è da lottare in balaustra e fare quel “gioco sporco” in grado di rallentare la manovra avversaria o addirittura, limitarla.

Il ventiquattrenne nasce hockeysticamente in Valpellice (TO) dimostrando presto il suo talento. Negli anni migliora ulteriormente e stagione dopo stagione dimostra di essere pronto per disputare campionati interi con affidabilità e responsabilità.

Grazie alle conferme annunciate nelle scorse settimane e allo straniero nuovo arrivato, ecco che la composizione delle line-up arretrate sta prendendo sempre più corpo in modo concreto, seguendo un progetto che vede pienamente coinvolti società e allenatore.

Le parole di Alex Bertin

“Ci si allena nove mesi all’anno per quel mese di playoff, ma l’infortunio che ho subito nella stagione scorsa, sul più bello, mi ha impedito di giocare la fase più emozionante dell’hockey.

Vorrei ripartire da qui: ora sto bene, ma era quel tipo di infortunio che richiedeva tempo di riposo e di terapie. Desidero iniziare il prima possibile perché ho una grande voglia di riscatto personale, dato che ho ancora l’amaro in bocca dalla stagione scorsa non avendo disputato la parte più bella ed avvincente del nostro sport.

In me c’è voglia di fare qualcosa di grande in questa stagione ed è mia intenzione provare a spingere in questa direzione, perché sarebbe bellissimo: ho iniziato qui a Varese un percorso un paio di stagioni fa e voglio continuare cercando di puntare in alto, anche perché, per come ho finito l’anno scorso, sembra quasi manchi un pezzo e non ho ancor smaltito totalmente la delusione per non aver potuto aiutare la squadra nel momento chiave dell’intero campionato.

I vecchi compagni, quelli dello zoccolo duro di Varese, mi hanno sempre accolto benissimo, specialmente Vanetti. Quando sono arrivato conoscevo anche Schina, poi con Drolet e Devèze avevo vissuto anche delle esperienze all’estero. Tutti, comunque, mi hanno accolto molto bene e mi sono sentito inserito in un ambiente molto famigliare in cui sono ancora oggi con tanta gioia.

Questi due anni sono stati una grande sfida per me e mi hanno migliorato sicuramente sotto il profilo della resilienza: fare avanti indietro per allenamenti e partite non è stato facile, né dal punto di vista logistico nè da quello fisico e sanitario. Quest’anno sarà diverso.

Se penso all’idea di gioco che ha Devèze, sicuramente dovrò cercare di migliorare il mio gioco in fase offensiva e mi allenerò tanto proprio per perseguire questo obiettivo.

Vorrei incrementare il mio score ed essere più incisivo in avanti.

Desidero infine dedicare un pensiero particolare: desidero ringraziare moltissimo Carlo Bino che è alla sua prima esperienza da presidente della HCMV Varese Hockey e ha creduto tantissimo in me, facendo davvero tantissimo affichè io potessi proseguire qui la mia avventura nell’hockey nei Mastini”.