Pallavolo Femminile: sfida tra Ubya Busto Arsizio e Novara con diretta Rai

BUSTO ARSIZIO, 21 novembre 2020-Sabato alle 20.30 si chiude, al netto delle tante partite ancora da recuperare, il girone di andata di campionato con la super sfida tra UYBA e Igor Gorgonzola Novara. Nel deserto della “e-work arena” andrà in scena un grande classico del campionato, quest’anno reso ancora più affascinante dalle tante ex che la formazione piemontese presenterà sul taraflex. Washington, Bonifacio ed Herbots, insieme a coach Lavarini fanno dunque ritorno all’impianto di viale Gabardi, per la prima volta da avversarie. Insieme cercheranno di “vendicare” la sconfitta subita nella tormentata semifinale di Supercoppa a Vicenza di inizio settembre, quando le farfalle seppero imporsi per 3-1 nel match interrotto in piazza dei Signori e terminato al palazzetto la mattina seguente. E’ l’unico precedente ufficiale in stagione.
A completare il sestetto per Novara dovremmo vedere la palleggiatrice Hancock in diagonale con la polacca Smarzek, Caterina Bosetti in posto 4 e il libero Napodano. La Igor ha vinto l’infrasettimanale a Trento per 3-1 ed è attualmente la seconda forza del torneo a 22 punti.
Gennari e compagne, reduci dalla pesante sconfitta con Firenze, tentano l’impresa prima di concentrarsi sulla bolla di Champions in programma a Scandicci tra l’1 e il 3 dicembre e sui recuperi di campionato con Perugia, Chieri e Casalmaggiore (date ancora da ufficializzare).
In casa bustocca Herrera Blanco ha svolto subito dopo l’infortunio alla caviglia una radiografia di controllo che ha fortunatamente scongiurato il rischio di fratture; gli esami successivi hanno tuttavia evidenziato la lesione di due legamenti: tempi di recupero quantificabili in due-tre settimane. In panchina la giovane Campagnolo.

Si gioca naturalmente ancora a porte chiuse, diretta tv come detto su Raisport+ HD, live del pre-match ed aggiornamenti del punteggio su Facebook Unet e-work Busto A., Set-alert & More su Insta Unet e-work Busto A.

Coach Fenoglio, che all’indomani del ko con Firenze ha incontrato insieme alla squadra il Presidente Giuseppe Pirola, commenta così: “C’è una partita impegnativa alle porte, ma credo che al di là dell’avversario dobbiamo risolvere i problemi della nostra squadra: “Ci stiamo confrontando tanto, noi dello staff e le ragazze, e crediamo che in questo momento il problema sia di atteggiamento. Non è che le ragazze non vogliano approcciare nel giusto modo, ora non riescono a farlo, nonostante in allenamento facciano tutto quello che devono. In questa fase non riusciamo a trovare con facilità un sestetto equilibrato e ci aspetta un periodo complicato con Novara, Perugia e tre giorni consecutivi di Champions. Sarà durissima, dobbiamo solo lavorare e tenere il gruppo più unito possibile: ne usciremo, non so quando, ma sicuramente insieme“.

Unet e-work Busto Arsizio consiglia l’hashtag #UYBAnovara

La guida alla partita – Campionato, 13a giornata di andata

Unet e-work Busto Arsizio – Igor Gorgonzola Novara

Sabato 21 novembre 2020 – ore 20.30, e-work arena – Busto Arsizio

Unet e-work Busto Arsizio: 1 Poulter, 2 Campagnolo, 3 Olivotto, 6 Gennari, 7 Bonelli, 8 Gray, 9 Leonardi (L), 11 Mingardi, 12 Piccinini, 13 Cucco, 15 Stevanovic, 17 Escamilla, 18 Bulovic. All. Marco Fenoglio, 2° Marco Musso.

Igor Gorgonzola Novara: 3 Populini, 4 Herbots, 5 Napodano (L), 6 Zanette, 7 Battistoni, 9 Bosetti C., 10 Chirichella, 11 Sansonna (L), 12 Hancock, 13 Bonifacio, 15 Washington, 17 Smarzek, 19 Daalderop. All. Lavarini, 2° Baraldi.

Media:

Diretta tv su RaiSport+ HD
Social UYBA: Pre-match live e aggiornamenti del punteggio su Facebook, Set-alert & More su Instagram Stories

Il programma della 13a di andata (sabato ore 20.30):
Imoco Volley Conegliano – Reale Mutua Fenera Chieri
Unet E-Work Busto Arsizio – Igor Gorgonzola Novara
Vbc E’piu’ Casalmaggiore – Bosca S.Bernardo Cuneo
Banca Valsabbina Millenium Brescia – Saugella Monza
Bartoccini Fortinfissi Perugia – Il Bisonte Firenze
Delta Despar Trentino – Savino Del Bene Scandicci (21-11-2020 17:30)

Riposa: Bergamo

Classifica: Imoco Volley Conegliano 33 (11-0); Igor Gorgonzola Novara 22 (8-2); Saugella Monza 19 (7-3); Savino Del Bene Scandicci 18 (6-3); Reale Mutua Fenera Chieri 15 (5-2); Il Bisonte Firenze 14 (5-6); Delta Despar Trentino 13 (4-4); Bosca S.Bernardo Cuneo 10 (4-4); Zanetti Bergamo 10 (3-8); Vbc èpiù Casalmaggiore 9 (3-7); Unet E-Work Busto Arsizio 8 (2-6); Banca Valsabbina Millenium Brescia 7 (1-9); Bartoccini Fortinfissi Perugia 5 (2-7).
* tra parentesi le partite vinte-perse




Europei Canottaggio Varese 2021: iniziata la campagna promozionale

VARESE, 20 novembre 2020-Benvenuto sulla pagina ufficiale dei Campionati Europei di Canottaggio 2021

Varese, terra dei laghi e scenario privilegiato per il canottaggio internazionale, ospiterà la manifestazione dal 9 all’11 aprile 2021. Qui troverai tutte le informazioni relative alle gare, conoscerai le squadre e gli atleti che parteciperanno a questo importante evento sportivo e scoprirai la bellezza del territorio varesino attraverso questo sport che qui vanta una lunga e prestigiosa storia.

Seguici per vivere tutte le fasi della manifestazione e per non perderti nessuna esperienza!”

E’ questo il messaggio di benvenuto postato sulla pagina Facebook ufficiale creata per i grandi eventi che si terranno sul Lago di Varese dal prossimo 2021.
Tutto partirà il 9 aprile ospitando i ‘Campionati Europei di Canottaggio 2021’.

“Siamo in un periodo certo non facile dove pianificare, soprattutto a lunga scadenza, diventa quasi impossibile: un miraggio. – dichiara Pierpaolo Frattini direttore del Comitato Organizzatore –. Noi crediamo in questo appuntamento, crediamo in questa data e lavoriamo per fare in modo che tutto sia pronto al meglio. Vogliamo che il lago di Varese e la provincia di Varese ancora una volta salgano alla ribalta internazionale per aver ospitato un grande evento e per aver messo in campo un’organizzazione di primo livello come è successo nel recente passato”.

Il primo step è rappresentato dal lancio della pagina Facebook e dal profilo Instagram che accompagneranno tutto il mondo rowing fino all’evento stesso.
“Siamo partiti con ben sei mesi di anticipo per iniziare a far respirare aria di canottaggio a tutti gli appassionati e non – conclude Frattini-. Il mondo di oggi è sempre più social e proprio sfruttando questi mezzi abbiamo iniziato a promuovere l’evento del prossimo aprile con una serie di contenuti accattivanti”.




Crisi Ubya Busto Arsizio: confronto tra presidente Pirola e giocatrici

BUSTO ARSIZIO, 19 novembre 2020-Questa mattina stati generali UYBA, alla presenza del Presidente Giuseppe Pirola, che ha convocato giocatrici e staff alle 8 alla e-work arena per un costruttivo confronto sulla situazione in corso.

Dopo aver manifestato tutto il suo disappunto sulla bruttissima prestazione di ieri, il numero uno biancorosso ha ricordato il rispetto per la maglia, da onorare sempre per il rispetto di sponsor,  tifosi, istituzioni e tutti gli amici della UYBA.

Il Presidente ha avuto un lungo colloquio con tutto il gruppo squadra dando vita ad una vera tavola rotonda, alla fine della quale sono emersi gli spunti necessari per una complicata ma pronta risalita dal fondo toccato ieri con la sconfitta interna 0 a 3 con Firenze. Tre le parole chiave: fiducia, ripartenza e opportunità di riscatto, in questo finale di girone di andata con la Champions League alle porte.




Tutto pronto per la StraLugano prevista per l’estate 2021

LUGANO 19 novembre 2020Il Comitato Direttivo della StraLugano ha deciso di fissare la quindicesima edizione della competizione per il 28-29 agosto 2021. Una scelta che permette ai nostri affezionati atleti di prepararsi in tranquillità a una competizione che mette sempre al centro l’amore per lo sport e per la nostra bella città.

Ci sono speranze che per la prossima estate la situazione dell’epidemia di Coronavirus permetta lo svolgersi di manifestazioni. Abbiamo voluto quindi definire la data con largo anticipo per rasserenare i molti partecipanti che non vedono l’ora di mettersi a correre per prepararsi alla StraLugano” spiega il presidente Vanni Merzari.

Il Comitato lavorerà in questi mesi di preparazione per organizzare la manifestazione in ottemperanza alle misure che verranno emanate dalla Confederazione e dal Cantone in base all’evoluzione della pandemia, per permettere lo svolgimento della StraLugano in piena sicurezza per la salute dei suoi partecipanti. Inoltre il Comitato Direttivo ringrazia di cuore la Città di Lugano, gli sponsor e tutte le persone ed i partner coinvolti nell’organizzazione che hanno condiviso la decisione di fissare un nuova data della StraLugano, confermandoci il loro sostegno e la piena collaborazione.

Le iscrizioni per la quindicesima edizione della StraLugano, all’interno della quale verrà disputata anche la gara valida per il Campionato Svizzero di 10 km su strada, apriranno a partire dal 1° marzo 2021 sul sito www.stralugano.ch.

Nell’attesa vi invitiamo a seguirci sui nostri social network, perché insieme #ripartiamo!




Il Cittá di Varese esce sconfitto dal ”Franco Ossola” contro la Caronnese

VARESE, 18 novembre 2020-Il “Franco Ossola” è ancora amaro per il Città di Varese che, nella seconda uscita casalinga stagionale, non riesce a cancellare lo zero dalla voce punti e gol.

Con la Caronnese, squadra che tornava in campo 31 giorni dopo il ko casalingo con il Chieri, è arrivata la terza sconfitta per 1-0 e, così come a Imperia, con una discreta dose di rimpianti tra occasioni mancate, l’incrocio dei pali colpito da Minaj nel primo tempo e la parte bassa della traversa colpita nel recupero da Otelè.
La partita, preceduta dal momento di fair-play organizzato dal Città di Varese e dalla fondazione “Fuck the Cancer” che ha consegnato alla Caronnese il panettone solidale prodotto dalla “Pasticceria Milano” di Gavirate, ha visto la presenza in qualità di raccattapalle di alcuni tifosi e giocatori della squadra che la scorsa stagione ha dominato la Terza Categoria.
Città di Varese con il consueto 4-2-3-1 che, rispetto a Imperia, vede Snidarcig al posto dello squalificato Beak e Lillo come riferimento offensivo in luogo di Fall.
Partita aperta fin dalle prime battute, con la Caronnese che prova a pungere con le iniziative dei giovani Torin (2001) e Banfi (2000), con quest’ultimo a rendersi pericoloso con una rovesciata in area sugli sviluppi di calcio d’angolo. Città di Varese a decollare dalla cintola in su, con Snidarcig subito caldo accanto a Guitto, la matteria dei trequartisti ispirata con Minaj, Capelli e Balla dietro a Lillo, al debutto dal primo minuto che, dopo aver tentato con una mezza rovesciata (18′), mette Balla davanti a Marietta ma il trequartista ex Casarano non è esplosivo nella conclusione.
La Caronnese, dopo aver tentato con Scaringella dal limite dopo una ripartenza portata a termine nonostante Viscomi a terra a metà campo dopo uno scontro di gioco, trova il vantaggio pochi istanti dopo l’occasione mancata da Balla: palla lunga dalle retrovie per Scaringella e servizio per Banfi che controlla e trafigge Lassi con un rasoterra sul primo palo.
Dopo il gol e fino al termine del primo tempo è solo Città di Varese che, nonostante il risultato non favorevole, ha mostrato grande tranquillità. Occasioni in serie con Balla (decisivo Marietta a sbarrargli la strada), Polo dal limite e Minaj che, al 33′, ha colpito in pieno l’incrocio dei pali.
Nella ripresa il Città di Varese si presenta con Romeo al posto di Snidarcig e, in virtù dell’incastro degli under, vede l’ingresso di Parpinel per Polo. I biancorossi partono con la spinta giusta e al 6′ dal cross basso di Lillo dalla sinistro è provvidenziale l’intervento di Cosentino ad anticipare Capelli,
poi dal corner seguente Minaj non dà forza di testa. Al 12′ la squadra di Sassarini pericolosa con la caparbietà di Lillo per Minaj che, dalla destra, vanifica una buona occasione pochi secondi prima del suo richiamo in panchina e di quello di Capelli. Mamah, entrato con uno spirito garibaldino, con uno spunto trova il fondo per servire l’accorrente Balla che, per una questione di centimetri, è anticipato da Gargiulo.
Nell’ultimo quarto d’ora i biancorossi provano con ulteriore trazione offensiva: l’uscita di Mapelli e l’ingresso di Fall porta lo scacchiere di Sassarini ad un 3-4-3. L’occasione per il pareggio è sul piede di Mamah mentre sul fronte opposto è provvidenziale Viscomi proprio sulla linea a dire no a Torin
(che aveva avuto la meglio di Petito), poi Scaringella conclude alto. Nel recupero è Otelè ad andare a pochi passi da un pareggio che sarebbe stato ampiamente meritato.
CITTÀ DI VARESE-CARONNESE 0-1
RETE: 23′ Banfi (Car).
CITTÀ DI VARESE (4-2-3-1): Lassi; Polo (1′ st Parpinel), Mapelli (29′ st Fall), Viscomi, Petito;
Guitto, Snidarcig (1′ st Romeo); Minaj (13′ st Otelè), Balla, Capelli (13′ st Mamah); Lillo. A disp.
Cotardo, Fall, Ammirati, Coratella, Ritondale. All. Sassarini.
CARONNESE (4-4-2): Marietta; M’Zouughi, Galletti, Cosentino, Travaglini; Gargiulo, Calì,
Vernocchi (18′ st Corno); Torin, Scaringella, Banfi (23′ st Santonocito). A disp. Angelina,
Arcidiacono, Gualtieri, Putzolu, Coghetto, Musazzi. All. Gatti.
ARBITRO: Santarossa di Pordenone.
AMMONITI: Gargiulo, Marietta (Car), Balla (CdV).




Pallavolo Femminile: la Ubya Busto Arsizio cade ancora in casa sconfitta da Bisonte Firenze

BUSTO ARSIZIO, 18 novembre 2020-Prova opaca per le farfalle della UYBA che nel recupero della 7a giornata di andata cedono il passo al Bisonte Firenze. 3-0 il risultato dell’incontro giocato alla e-work arena per la squadra toscana, presentatasi a Busto Arsizio senza la palleggiatrice Hashimoto, ma con una Cambi decisamente positiva in regia.

Il team allenato da Mencarelli ha imposto il proprio gioco dal primo scambio, mostrandosi sempre padrone della gara: da segnalare su tutte la prova di Nwakalor (22 punti con il 44% offensivo, 4 muri). Bene anche Belien (12) e Van Cestel (11). Impalpabile la prova di Gennari e compagne, che questa sera non sono mai riuscite a cambiare marcia, pagando tra l’altro ancora dazio alla sfortuna: sul 12-22 del secondo set la centrale Herrera Blanco ha dovuto lasciare infatti il campo per un infortunio alla caviglia che verrà meglio valutato nei prossimi giorni. A nulla sono valsi i tanti tentativi di coach Fenoglio che ha provato a cambiare regia, con Bonelli dentro a sprazzi per Poulter, ha inserito poi Escamilla per Gray, nell’ultimo parziale ha spostato Mingardi in banda ed ha lanciato Bulovic per Gennari.

Nessuna farfalla in doppia cifra e difficoltà in tutti i reparti.

Ora per le biancorosse poco tempo per recuperare: sabato sera, sempre alla e-work arena, è in programma il derby del Ticino con la Igor Volley Novara.

Sala stampa:

Marco Fenoglio: “Faccio fatico a commentare una prestazione del genere: ho provato a cambiare tutto quello che potevo. E’ una squadra, la mia, in grossa difficoltà, stiamo passando un momento difficilissimo. Non voglio alibi, anche se c’è da dire che non ce ne va dritta una: di nuovo un infortunio, che ci creerà ancora problemi anche durante gli allenamenti. Oggi forse abbiamo toccato il punto più basso della stagione. Abbiamo problemi tecnici, ma più problemi psicologici e di approccio alla partita: c’è paura di giocare a pallavolo e si attacca col braccino”.

In pillole: 

Fenoglio inizia con Poulter – Mingardi, Olivotto – Stevanovic, Gennari – Gray, Leonardi libero. Mencarelli parte con Cambi – Nwakalor, Van Gestel – Guerra, Kone – Beliën, Venturi libero.

Nel primo set il Bisonte parte forte con Belien e il super attacco di Nwakalor (1-4); Van Gestel e Belien murano due volte e fanno chiamare tempo a Fenoglio (1-6), poi Gray in lungolinea trova cambiopalla (2-6). Anche Guerra si esalta a muro (2-8) e poco dopo attacca con vigore il 3-9, la UYBA pasticcia e regala il 5-11. Nwakalor mura il 6-12, Gray passa con discreta continuità ma Firenze amministra il vantaggio (8-16 Cambi, time-out Fenoglio). La UYBA prova Escamilla per Mingardi, ma Van Gestel e Nwakalor schiacciano ancora sull’acceleratore (11-19) e Cambi firma l’ace dell’11-20. Il set è compromesso e le ospiti chiudono presto 15-25 (Cambi di prima intenzione).

A tabellino: Van Gestel 5, Belien e Nwakalor 4, Gray 4.

Secondo set: la UYBA parte meglio (3-1) ma si fa riprendere e superare presto (3-5 Guerra). Fenoglio cambia tutto, inserendo Bonelli per Poulter, Herrera Blanco per Olivotto ed Escamilla per Gray. La spagnola va subito a segno e suona la carica (4-5), ma Firenze sembra comunque padrona delle azioni (4-8 bomba di Nwakalor). Belien a muro fa +5 (4-9 rientra Poulter), la solita Nwakalor conferma (5-10), le farfalle pasticciano (7-12), Cambi allunga con l’ace del 7-13 (tempo Fenoglio). Gennari e il muro di Stevanovic provano a invertire la rotta (9-13), ma le toscane allungano di nuovo approfittando anche di una imprecisione bustocca (10-16). Guerra con due aces fa 10-18 (rientra Gray), Van Gestel trova l’11-20, Nwakalor l’11-21; sul 12-22 Herrera Blanco è costretta ad uscire per un infortunio alla caviglia (tempo Fenoglio, rientra Olivotto) e Firenze chiude veloce 18-25.

A tabellino: Nwakalor 8, Belien 5, Gennari 4.

Terzo set: Fenoglio riparte con la formazione di inizio match (ma con Gray opposta e Mingardi in 4) e la UYBA parte in vantaggio lottando su ogni palla (3-1); le ospiti ritrovano subito il pari e superano con due attacchi + ace di Nwakalor (3-4); Cambi e Belien allungano (4-8) e Fenoglio prova ancora Bonelli per Poulter. Gennari non ci sta (6-9, 7-10), Gray trova l’ace dell’8-10, ma Nwakalor (attacco e muro) e Kone staccano ancora (8-13 dentro Bulovic per Gennari). Van Gestel martella (8-14), Kone mura (10-15), Nwakalor attacca e mura ancora per il 10-17 (time-out Fenoglio) e di fatto chiude la partita. La UYBA è alle corde ma prova un colpo di coda con Bulovic e Stevanovic (16-21 tempo Mencarelli); Mingardi ci prova ancora (18-22), ma alla fine chiude Firenze 20-25.

Il tabellino

Unet e-work Busto Arsizio – Il Bisonte Firenze 0-3 (15-25, 18-25, 20-25)

Unet e-work Busto Arsizio: Poulter 2, Olivotto 4, Gennari 7, Bonelli, Gray 9, Leonardi (L), Mingardi 8, Piccinini ne, Cucco ne, Campagnolo ne, Stevanovic 4, Escamilla 2, Bulovic 1, Herrera Blanco. All. Fenoglio, 2° Marco Musso. Battute errate: 6, vincenti 3, muri: 3.

Il Bisonte Firenze: Enweonwu ne, Cambi 4, Lazic ne, Van Gestel 11, Alberti ne, Panetoni, Beliën 12, Guerra 8, Kone 1, Nwakalor 22, Acciarri ne, Venturi (L). All. Mencarelli. Battute errate: 4, vincenti 5, muri: 8.




La Ubya Busto Arsizio non riesce a vincere: sconfitta a Cuneo dopo una partita combattuta

BUSTO ARSIZIO, 15 novembre 2020-Come sette giorni fa a Bergamo la Unet e-work Busto Arsizio torna dalla trasferta, questa volta da Cuneo, con una sconfitta per 3-2. Solo un punto dunque per le farfalle che, partite male, hanno saputo reagire, dando vita ad un match assai equilibrato.

Alla fine meritata la vittoria delle padrone di casa che, al rientro dopo lo stop per il virus, hanno già mostrato una buona pallavolo, trascinate da una super Sonia Candi (MVP, 19 punti) e dalle prestazioni offensive di Degradi (20), Bici (18) e Zakchaiou (17 con 5 muri). Alle farfalle non sono bastati i 25 punti di una Gray ancora in crescita e sicuramente la migliore giocatrice UYBA della giornata, i 22 di Mingardi e gli spunti di Stevanovic (12 con 4 muri). Nonostante l’ottima prestazione di Leonardi, sia in rice che in difesa e una seconda linea equilibrata anche dagli ingressi di Chiara Cucco per Gray, la UYBA ha incassato oggi la quinta sconfitta su sette incontri disputati. Sotto 2 set a uno, Fenoglio ha giocato anche la carta Bonelli, sicuramente più rodata di Poulter con le compagne e capace di buone soluzioni al suo ingresso. Nel quinto set determinanti per Cuneo la grinta di una scatenata Degradi e di una sorprendente Zakchaiou.

Da segnalare che la UYBA si è presentata senza Francesca Piccinini, a riposo precauzionale per un risentimento al ginocchio.

Prossimo appuntamento per le farfalle mercoledì alle 17 alla e-work arena per il recupero della 7a giornata contro Il Bisonte Firenze, vittorioso ieri con Casalmaggiore per 3-0.

Sala stampa: 

Alexa Gray: “Abbiamo provato a trovare le misure a Cuneo, che ha giocato un’ottima gara. Abbiamo lottato ma loro sono state più ciniche, ora dobbiamo solo tornare in palestra e lavorare per preparare un filotto di partite consecutive che ci serviranno per trovare il ritmo gara”.

Sonia Candi: “E’ stata una gara molto combattuta, dopo lo stop per il coronavirus siamo state brave perchè la condizione fisica non è ancora quella ideale. Un bell’inizio che dà tanto morale”.

Camilla Mingardi: “Sapevamo che Cuneo era un avversario molto valido, ma oggi hanno fatto meglio di noi, più decise. C’è rammarico perchè siamo arrivate punto a punto nei finali di set ma non siamo riuscite ad essere determinate e coraggiose come invece sono state loro. Dispiace, ma ci rimettiamo a lavorare per la partita di mercoledì”.

In pillole: 

Fenoglio inizia con Poulter – Mingardi, Olivotto – Stavanovic, Gennari – Gray, Leonardi libero. Pistola parte invece con Signorile – Bici, Candi – Zakchaiou, Degradi – Ungureanu, libero Zannoni.

Nel primo set Cuneo serve forte in avvio con Degradi e Zakchaiou  (3-1), mentre Stevanovic attacca largo il 4-1. Bici e il muro di Candi fanno 6-2, Ungureanu tira forte il 7-2 e, dopo il cambiopalla di Stevanovic, anche l’8-3. Olivotto e Mingardi provano a dare la scossa (10-6), con la centrale che firma anche l’ace del 10-7. Gennari cresce (11-8), il muro di Ungureanu tiene alte le quotazioni piemontesi (12-8), Gray tiene le farfalle a -1 (13-10, 14-11). Mingardi e l’out di Degradi riportano vicina la UYBA (15-13), ma Zakchaiou riporta presto a +4 le padrone di casa e fa chiamare tempo a Fenoglio (17-13). Gennari non ci sta (17-15), Poulter trova di prima intenzione il -1 (18-17 dentro Giovannini per Degradi), ancora la capitana va a segno agevolata da un super servizio di Mingardi (18-18 time-out Pistola). Ungureanu tre volte trova un nuovo break (21-18), Bici con il mani-out fa 22-19, Cuneo sembra volare ma il muro di Poulter fa chiamare ancora tempo a Pistola (22-21). Candi non sbaglia la fast del 23-21 (rientra Degradi), ma poco dopo attacca largo il 23-23; Degradi trova il vincente del 24-23 (time-out Fenoglio), Mingardi attacca out il 25-23.

A tabellino Ungureanu 7, Candi 5, Bici 4, Gennari e Gray 4.

Secondo set: si riparte con i 6+1 iniziali e questa volta la UYBA comincia meglio (1-4 Mingardi), con il muro di Poulter fa subito chiamare time-out a Pistola (2-6). Candi e il muro piemontese portano al 4-6, Degradi tiene incollate le padrone di casa (5-7), mentre Olivotto si trova alla perfezione con Poulter per il 5-8. Sul 6-9 Pistola inserisce Strantzali per Ungureanu e la greca va subito a segno (7-9), Bici trova il -1 (8-9), ma Poulter (ancora con il muro) respinge l’assalto (8-11). Gray d’astuzia firma il 9-13, Stevanovic il 10-14, di nuovo Gray chiude il 10-15 (tempo Pistola). Stevanovic va a segno anche col servizio (10-16), Degradi trova cambiopalla (11-16), ma le farfalle sono padrone del campo e murano con Olivotto l’11-18 (dentro Turco per Signorile). Il set è completamente in discesa, nel finale c’è spazio anche per Chiara Cucco in seconda linea, Gray trova il 17-24, Mingardi chiude 18-25.

A tabellino: Mingardi 5, Gray 4, Bici e Degradi 3.

Terzo set: Pistola rimette in campo il 6+1 di inizio gara e questa volta si parte in equilibrio (4-4); Signorile pasticcia e regala il 4-6, ma Cuneo c’è: Bici risponde a Mingardi (7-7) che cresce col passare dei minuti e spinge avanti le farfalle (8-9). Per le padrone di casa Degradi è il terminale ora più efficace (10-10), con Ungureanu sempre positiva per la doppietta del 14-12 (tempo Fenoglio). Bici allunga ancora (15-12), Gray e Mingardi suonano la carica (15-14), ancora Bici passa per il 16-14. La UYBA lotta e pareggia con Mingardi (17-17 tempo Pistola), ma Degradi e il muro di Zakchaiou fanno 20-18. Gray ritrova ancora il pari (20-20), il muro di Bici fa sognare ancora Cuneo e fa chiamare tempo a Fenoglio (22-20); Stevanovic regala il 23-20, Gray riaccende la speranza (23-22 time-out Pistola) e passa anche per il 23-23, Zakchaiou inchioda il 24-23, la solita Gray annulla (24-24). Ai vantaggi la UYBA regala il 25-24, Ungureanu chiude 26-24.

A tabellino: Gray e Mingardi 9 a testa, Zakchaiou 6.

Quarto set: la UYBA torna in campo con grinta e con la coppia Mingardi-Stevanovic si porta avanti subito 1-4. Cuneo non molla e mura con Degradi il 3-4, mentre Zakchaiou stupiste al centro con l’attacco del 4-5. Gray salta altissimo per il 4-6, ma poco dopo prende muro da Ungureanu (6-6); la canadese realizza l’ace del 6-8, Candi si conferma in giornata con la fast dell’8-9 (dentro Bonelli per Poulter), ma la UYBA avanza con Gennari e grazie a due muroni di Stevanovic (8-12); Degradi chiude il lungo scambio che porta al 10-12, ma poi si prende un altro muro da Stevanovic (10-13) che va a segno anche con il servizio (10-14 fuori Degradi, dentro Giovannini). Zakchaiou e Candi tentano il recupero (13-15), con la cipriota che firma anche l’ace del 14-15. Bici mura il 15-15, poi Gray trova il cambiopalla (15-16), Ungureanu spara out il 15-17 e Pistola ferma il gioco. Al rientro in campo la numero 19 si fa perdonare con il grande attacco del 16-17, Candi pareggia (17-17 dentro ancora Cucco in seconda linea su Gray). La UYBA pasticcia in costruzione e regala il 18-17 (rientra Poulter), poi sul servizio di Escamilla, entrata per la battuta, Gennari supera ancora (18-19). Sul 19-19 rientra Degradi, ma la UYBA lotta e riallunga con Gennari (19-21 time-out Pistola), va a +3 con Stevanovic (20-23); Degradi recupera ancora con una doppietta (22-23), Turco tira in rete il servizio (22-24), Bici annulla il primo set-ball (23-24), Degradi firma l’ace del 24-24. Gray fa 24-25, Bici annulla (25-25), Mingardi chiude il lungo scambio che porta al 25-26, Candi e Signorile non si intendono e regalano il tie-break alla UYBA (25-27).

A tabellino: Stevanovic 7 (4 muri), Gray e Gennari 4, Candi e Degradi 6.

Quinto set: Cuneo parte bene con il muro di Degradi e approfittando dell’out di Stevanovic (2-0); Gray conferma la super serata con i primi due punti bustocchi (3-2), Mingardi pareggia (3-3), ma Zakchaiou a muro rilancia ancora le padrone di casa (5-3). Bici conferma il break (6-4), Degradi allunga in pipe (7-4), Zakchaiou tira un chiodone e porta al cambio campo (8-5). Mingardi al servizio realizza l’ace dell’8-7, Bici non sbaglia da posto 2 (9-7), Gray commette fallo in palleggio (10-7), Fenoglio chiama time-out. Bici passa ancora (11-7), Degradi realizza il +5 (13-8), Candi risponde a Gray (14-9), Zakchaiou chiude 15-10.

Il tabellino

Bosca San Bernardo Cuneo – Unet e-work Busto Arsizio 3-2 (25-23, 18-25, 26-24, 25-27, 15-10)

Bosca San Bernardo Cuneo: Bici 18, Degradi 20, Turco, Giovannini, Candi 18, Strantzali 1, Fava 1, Signorile, Stijepic ne, Zannoni (L), Zakchaiou 17, Ungureanu 13, Gay ne. All. Pistola, 2° Petruzzelli. Battute errate: 16, vincenti 4, muri: 14.

Unet e-work Busto Arsizio: Poulter 3, Olivotto 5, Gennari 11, Bonelli, Gray 25, Leonardi (L), Mingardi 22, Cucco, Stevanovic 12, Escamilla, Bulovic ne, Herrera Blanco. All. Fenoglio, 2° Marco Musso. Battute errate: 7, vincenti 5, muri: 10 (Stevanovic 4).

Arbitri: Goitre – Bassan




Per il Cittá di Varese contro l’Imperia arriva la terza sconfitta consecutiva

VARESE, 15 novembre 2020-Trentadue giorni dopo l’ultima uscita con il Pont Donnaz, e con ben nove giocatori assenti, il Città di Varese è tornato in campo nel primo dei sei match da recuperare. A Imperia, dove negli ultimi venticinque minuti si è giocato in dieci per l’espulsione di Beak per doppia ammonizione, è arrivata la terza sconfitta consecutiva di questo inizio di campionato ma le recriminazioni per i biancorossi sono davvero tante.

Le occasioni sbagliate hanno avuto un peso sull’andamento del match, così come l’episodio che ha portato all’1-0 di Sancinito, ma nell’economia ha pesato anche la giornata
non fortunata della terna guidata da Colaninno di Nola che, nella ripresa, ha negato due calci di rigore al Città di Varese: il primo, al quarto d’ora, giudicando fuori area l’atterramento di Capelli avvenuto un metro abbondante in area, poi al 42′ sorvolando sull’atterramento di Balla che ha dato il via al contropiede imperiese concluso con il contatto Petito-Giglio punito con la massima punizione.
Giornata sfortunata per quanto riguarda gli episodi ma si deve comunque provare a guardare l’aspetto positivo e il Città di Varese visto a Imperia è una squadra sulla buona strada. Nove le assenze (Siaulys, Cotardo, Simonetto, Negri, Nicastri, Scampini, Ferrario, Addego Mobilio) ma chi è sceso in campo ha dato tutto in termini di intensità e determinazione.

Giornata no si diceva e forse il presagio è tutto in avvio quando Capelli da pochi passi, sul servizio di Balla, ha trovato Dami a disinnescarlo sulla linea di porta. E pochi minuti più tardi, al 19′, ecco arrivare il gol imperiese realizzato da Sancinito direttamente da calcio di punizione dai quaranta metri che si infila all’incrocio. La reazione varesina si materializza con la combinazione sull’asse Minaj-Balla che, però, trova sulla sua strada l’intervento decisivo del centrale Scannapieco. Al tramonto del primo tempo l’indecisione di Lassi su un avvio azione ha rischiato di portare l’Imperia sul 2-0 ma Sancinito ha clamorosamente mancato la porta.
Nella ripresa il Città di Varese prova da subito a trovare il pareggio ma ancora una volta Capelli, in modo clamoroso, commette un errore non da lui e poi – pochi minuti più tardi – viene atterrato in area da Gandolfo (cosa che si è percepita immediatamente in campo e confermato dalle immagini televisive di Sportitalia) ma l’arbitro ha giudicato il contatto fuori area, concedendo il calcio di punizione. Occasioni biancorosse anche con Mamah (su assist di Otelè), Lillo, al debutto assoluto in campionato, e Balla su punizione rasoterra calciata sotto la barriera. È mancato poco in tutte le circostanze, poi al 42′ ecco arrivare il momento che ha indirizzato la partita definitivamente: contatto non sanzionato in area imperiese e, sul contropiede, penalty per i locali che raddoppiano con Donaggio.
Il commento di Sassarini: «Ho visto gli episodi e ci sono due rigori netti che non ci sono stati concessi. Non abbiamo preso un tiro in porta se non da 40 metri. Se valuto la prestazione i ragazzi sono andati anche oltre ciò che potevamo pensare in questo momento. Dobbiamo continuare così, abbiamo 5 gare da recuperare, mettere a posto i dettagli e i particolari e continuare a lavorare.
Abbiamo messo l’intensità che serve in tutto il campionato, qualche particolare ci manca. Peccato, dopo 10′ abbiamo avuto una palla da spingere, poi abbiamo creato. Dobbiamo essere bravi a ricercarle. Oggi se c’era una squadra che doveva vincere era il Varese».
Il commento del ds Gianni Califano: «È stata un’ottima prestazione, rispetto alle altre due sconfitte si è visto un Città di Varese diverso. Grande preparazione alla gara, grande approccio e inerzia dalla nostra. Poi c’è stato quel gran gol, perché così lo definisco, e poco prima c’era stata una grandissima occasione con Capelli. C’era anche un rigore solare, le immagini mi danno ragione. Passati in svantaggio i ragazzi non si sono comunque persi d’animo, ha continuato a fare una partita importante.

È difficile parlare così dopo 3 partite con 0 punti, avevamo bisogno della prestazione, e anche di punti assolutamente, per tutto quello che stiamo vivendo, per ciò che fanno i ragazzi, anche per i tanti giorni fermi, ma oggi credo abbiano fatto bene. Meritavano molto di più. Gli episodi, i rigori netti non dati, hanno deciso la gara. Gli arbitri sono come noi, fanno degli errori, ma in questo
caso sono molto eclatanti. Sono degli uomini e sbagliano, come gli attaccanti, i portieri, i mister, ma oggi sono due errori che condizionano tutto. Non ci creiamo alibi, dobbiamo pensare subito a mercoledì, testa già indirizzata, anche se è difficile perché non giochiamo da molto e abbiamo tre gare in sette giorni. Oggi ho avuto risposte positive di ciò che hanno fatto i ragazzi, non basta? Ci metteremo ancora di più. Anche in 10 i ragazzi hanno provato fino alla fine. Volevamo tutti regalare un sorriso alla città di Varese, che è tra le più colpite dal virus, e vive momenti duri. Sappiamo che c’erano tanti tifosi a seguirci e siamo molto rammaricati per non avergli regalato un sorriso. Li ringraziamo e speriamo arrivino presto i risultati, perché il loro sostegno è importante e ce l’hanno dimostrato».

TABELLINI: 
Imperia-Città di Varese 2-0
RETI: 19′ Sancinto (I), 43′ st rig. Donaggio (I).
IMPERIA (4-3-3): Dani, Scannapieco, Malandrino, Sancinto, De Bode, Gandolfo (33′ st Minasso),
Capra (47′ st Fatnassi), Giglio, Donaggio, Gnecchi, El Khayari (32′ st Martelli). A disp. Trucco,
Fazio, Plaka, Terzoni, Kacellari, Cassata. All. Lupo.
CITTÀ DI VARESE (4-2-3-1): Lassi, Polo (38′ st Ammirati), Petito, Guitto, Capelli (15′ st
Obinna), Viscomi, Fall (17′ st Lillo), Beak, Mapelli, Minaj (15′ st Otelè), Balla. A disp. Zini,
Parpinel, Romeo, Snidarcig, Ritondale. All. Sassarini.
ARBITRO: Colaninno di Nola.
ESPULSO: 23′ st Beak (V).




Rugby Guinness Pro: Benetton in trasferta a Cardiff contro gli Scarlets

TREVISO, 15 novembre 2020-Ritorna in campo il Benetton Rugby dopo più di tre settimane dall’ultima sfida giocata con gli Scarlets, a seguito delle gare rinviate contro Connacht e Munster. Lo fa domani (kick-off ore 20.45) al Rodney Parade contro Cardiff, una delle formazioni più attrezzate della Conference B, per il sesto round di Guinness PRO14 2020/2021.

Per la seconda trasferta del campionato – lo stadio è il Rodney Parade, casa dei Dragons di Newport che ospita i Blues data l’indisponibilità dell’Arms Park di Cardiff dove è ancora allestito il presidio ospedaliero per l’emergenza Covid-19 – i Leoni si scontreranno nel turno con i gallesi che nei primi cinque turni hanno raccolto due vittorie, ma vengono da tre sconfitte consecutive, l’ultima una settimana fa ad Edimburgo per 18-0. I Blues al momento occupano la seconda piazza della Conference B con 10 gettoni, lo stesso raggruppamento in cui militano i biancoverdi che hanno 1 gettone in graduatoria, bensì con due gare da recuperare, raccolto come bonus difensivo nell’ultima gara con gli Scarlets di tre settimane fa. Dopo tre passi falsi iniziali, gli uomini di Crowley vogliono provare a intraprendere la strada del primo successo stagionale.

Nella storia del campionato celtico il Benetton Rugby ha sconfitto i Cardiff Blues 4 volte su 18 precedenti, con 13 vittorie a favore dei gallesi ed un pareggio tra queste due formazioni.

La sfida di domani sarà diretta dall’arbitro irlandese Frank Murphy e dai suoi assistenti gallesi Adam Jones e Dan Jones. Al TMO il gallese Ian Davies.

Kieran Crowley e lo staff tecnico hanno disegnato il XV del match contro i Blues tenendo conto di varie indisponibilità di formazione, in particolare degli 11 Leoni impegnati con l’Italrugby. Il triangolo allargato sarà costituito da Jayden Hayward come estremo, mentre le ali saranno a destra Ratuva Tavuyara e a sinistra Monty Ioane. Al centro ci sono Ignacio Brex e il ristabilito Joaquin Riera. La mediana è diretta da Ian Keatley all’apertura e le chiavi della mischia sono gestite da Callum Braley.

Il pacchetto di mischia è fortificato in prima linea dai piloni Nicola Quaglio e Filippo Alongi, con tallonatore Hame Faiva. In sala macchine Federico Ruzza Eli Snyman. Il pack si consolida con la terza linea formata dai flanker Giovanni Pettinelli – alla prima in veste di capitano dei Leoni – Manuel Zuliani. Chiude il reparto degli avanti il numero 8 Toa Halafihi.

In panchina è presente Tiziano Pasquali, ritornato dal raduno con l’Italrugby, ed è pronto a giocare Michele Lamaro, al rientro dall’infortunio patito con le Zebre a fine agosto.

Benetton Rugby:

15 Jayden Hayward (106),
14 Ratuva Tavuyara (35),
13 Joaquin Riera (4),
12 Nacho Brex (35),
11 Monty Ioane (56),
10 Ian Keatley (16),
9 Callum Braley (3),
8 Toa Halafihi (27),
7 Manuel Zuliani (3),
6 Giovanni Pettinelli (C) (35),
5 Eli Snyman (18),
4 Federico Ruzza (57),
3 Filippo Alongi (7),
2 Hame Faiva (52),
1 Nicola Quaglio (54).

A disposizione: 16 Tomas Baravalle (41), 17 Cherif Traore (67), 18 Tiziano Pasquali (75), 19 Irné Herbst (48), 20 Michele Lamaro (11), 21 Marco Barbini (95), Luca Petrozzi (7), 23 Angelo Esposito (90).

*Tra parentesi le presenze in Benetton Rugby

Head Coach: Kieran Crowley.

Indisponibili: Derrick Appiah, Tommaso Allan (Nazionale), Niccolò Cannone (Nazionale), Matteo Drudi, Dewaldt Duvenage, Simone Ferrari (Nazionale), Paolo Garbisi (Nazionale), Marco Lazzaroni (Nazionale), Gianmarco Lucchesi (Nazionale), Luca Morisi (Nazionale), Sebastian Negri (Nazionale), Ivan Nemer, Edoardo Padovani, Marco Riccioni, Leonardo Sarto, Braam Steyn (Nazionale), Luca Sperandio (Nazionale), Federico Zani, Marco Zanon (Nazionale).

Arbitro: Frank Murphy (IRFU)

Assistenti: Adam Jones (WRU) e Dan Jones (WRU).

TMO: Ian Davies (WRU).

LIVE – La partita potrà essere seguita testualmente sulla pagina Twitter ufficiale di Benetton Rugby con l’hashtag #CARvBEN, o scaricando l’App ufficiale dei Leoni https://bit.ly/3jiDlLZ ed in diretta su DAZN.




Lo sport si ferma, a Rescaldina occasione utile per rifare l’illuminazione agli impainti sportivi

RESCALDINA, 14 novembre 2020- Tempo di chiusura, ma tempo di rinnovamento per gli impianti sportivi a Rescaldina.

Nonostante la momentanea chiusura del mondo dello sport, il Centro Sportivo di via Barbara Melzi, gestito dalla Sport+, ha approfittato per “rifarsi il look” illuminando a nuovo tutti gli impianti sportivi presenti.
Nei giorni scorsi sono stati sostituiti tutti i proiettori e fari del Centro Sportivo, con una tecnologia moderna a LED che consentirà una migliore performance e un consistente risparmio energetico per il Centro e per il Comune.
“L’intervento – spiega il Presidente di Sport+ Stefano Colombo – fa parte di un ampio piano di rilancio della struttura sportiva. Dopo il rifacimento del bar e del campo da Tennis in Terra rossa, la sistemazione delle coperture delle Tensostrutture, si è deciso di curare con grande attenzione l’illuminazione nell’impianto sportivo, in modo da creare un effetto “show” per gli spettatori ed al contempo cercare di dare a tutti gli atleti una qualità di luce eccezionale per queste importanti aree ludiche e sportive, cercando anche di minimizzare il rischio infortuni per gli atleti”
Oltre al valore estetico del progetto, si affianca l’importante vantaggio dell’efficienza, grazie all’utilizzo di sorgenti luminose a led, che consentono un notevole risparmio energetico. I nuovi impianti a basso impatto ambientale garantiranno altresì un’illuminazione molto più adeguata rispetto alla precedente, grazie ai nuovi e moderni sistemi di puntatura.
A seguire e coordinare i lavori è stata l’impresa genovese Archlux, leader nella progettazione e realizzazione di impianti di illuminazione a LED, che opera in tutta Italia.
L’intervento, che ha riguardato l’intero Centro Sportivo, dai campi di calcetto e tennis al campo principale a 11, ha anche reso possibile – grazie alla stretta e attenta collaborazione con l’Ufficio Tecnico del Comune di Rescaldina – il recupero dei proiettori esistenti che potranno essere impiegati nelle diverse operazioni di manutenzione del Comune stesso.
“Un doppio vantaggio – spiega l’Assessore allo Sport del Comune di Rescaldina Gianluca Crugnola – in un’unica operazione di efficientamento.

Il rifacimento dell’impianto di illuminazione è un altro sigillo verso il costante miglioramento dell’impiantistica sportiva comunale. In questi ultimi anni abbiamo investito in maniera importante nei nostri impianti, mettendo a norma e migliorandone la qualità, soprattutto in un’ottica di complessivo contenimento dell’impatto ambientale. Una riprova della volontà costante di sostenere lo sport, “tenere” alle proprie società sportive vuol dire anche rinnovare l’impiantistica comunale. Non solo abbiamo regalato una nuova luce al Centro Sportivo ma, così facendo, abbiamo incrementato l’ecosostenibilità dell’impianto della nostra città massimizzando i risparmi gestionali ”
Non ci resta che attendere la ripartenza dell’attività sportiva per tornare a farci “illuminare” dalla passione per lo sport.