Sfide etiche all’Intelligenza Artificiale: webinair dell’associazione #lasolastrada

VARESE, 28 ottobre 2020-Quarta ed ultima conferenza della rassegna ETICA DELLA TECNOLOGIA organizzata dalla Associazione #lasolastrada questa sera, mercoledì 28 ottobre 2020 alle ore 21:00 – webinar.
Nel corso del mese di ottobre si sono susseguiti tre incontri, con riscontro di pubblico e di interesse nei confronti di una materia certamente impegnativa, l’etica applicata alla tecnologia.

Nei precedenti incontri abbiamo avuto l’opportunità di ascoltare autorevoli relatori parlare di informazione veicolata dalla rete, fakenews, relazione uomo-macchina ed infine, sicurezza informatica chiave di volta per la costruzione di una giusta società digitale. Inoltre abbiamo avuto spesso modo di sentire parlare di “algoritmi decisionali” e, più in generale di “intelligenza artificiale” (IA). Ebbene, nel corso di quest’ultima serata, entreremo ancor più concretamente in questo tema per comprendere quanto la nostra società sia già permeata di questo elemento tecnologico che non solo è in grado di operare decisioni e scelte sulla base delle informazioni ricevute, ma lo fa in modo “intelligente”.
Oggi la vera sfida dell’IA è la diffusione che la stessa sta realizzando in molteplici ambiti della vita civile. Un esempio per tutti la “guida autonoma”.
Accanto alle incredibili opportunità associate agli algoritmi, vi sono rischi e difficoltà. Infatti, gli scienziati si trovano a dover affrontare aspetti di natura ETICA e MORALE nelle scelte poi autonomamente realizzate dai computer.
Come è facile intuire stiamo parlando di un tema estremamente complesso, che abbraccia pienamente il contenuto che abbiamo cercato per la nostra rassegna: dare alle persone la possibilità di conoscere attraverso la voce di esperti, l’evoluzione tecnologica per comprendere e fare proprio l’epocale cambiamento che stiamo vivendo, tra luci ed ombre, possibilità e limitazioni.




Caronno Pertusella, Riforma Terzo Settore e Museo Onda Rossa

CARONNO PERTUSELLA, 11 ottobre 2020-Dopo l’inaugurazione dell’Evento “Genio Italiano” che ha come fulcro le grandi invenzioni di Leonardo da Vinci, la Fondazione FeLPI ha organizzato due incontri: giovedì scorso a cura di Giuseppe Ossoli sul tema “Capitalizzazione aziendale – occasioni fiscali e finanziarie per le imprese” e sabato scorso con Carlo Massironi che ha svolto una relazione sulla “Riforma de Terzo Settore” che determinerà una serie di evoluzioni nel mondo non profit e delle attività connesse.

Dopo un’introduzione sulla situazione attuale e sulle caratteristiche di questa riforma definita “epocale” da parte di molti osservatori qualificati, Carlo Massironi, esperto di Organizzazioni filantropiche e di  Fondazioni ha risposto a numerose domande poste dai presenti interessati a conoscere e valutare le opportunità che il passaggio fra gli Enti del Terzo Settore – E.T.S. può determinare. Quando ne ricorrono le condizioni, l’iscrizione al Registro Unico del Terzo Settore – RUNTS di prossima istituzione appare importante per i benefici di vario tipo che ne derivano. Da tener comunque presenti gli adempimenti che il nuovo status comporterà per gli Enti.

In ogni caso la nuova normativa con particolare riferimento al Codice del Terzo Settore potrà portare elementi di innovazione in un comparto che per numero di Organizzazioni, Addetti, Volontari e Valori Economici sviluppati ha una notevole rilevanza.

Il programma dell’Evento “Genio Italiano” si concluderà sabato 24 ottobre  dalle ore 10.00 con l’intervento del Presidente della Fondazione FeLPI, Pierantonio Giussani, con contaminazioni poetiche a cura di Rossella De Cicco e con la visita del Museo e delle opere esposte.

La Fonazione FeLPI – Fiducia e Lavoro Professionisti Insieme fornisce consulenza gratuita in diversi ambiti diffondendo valori di solidarietà anche attraverso convegni, seminari e altre manifestazioni.

Notizie e informazioni www.fondazionefelpi.eu




Vaccini e ricerca: a che punto siamo? Ritardi e dubbi iniziano a sfiduciare le persone

VARESE, 9 ottobre 2020-Poche settimane fa, lo studio clinico in corso nel Regno Unito su uno dei candidati di punta, un vaccino sviluppato dall’Università di Oxford con la società farmaceutica AstraZeneca, è ripreso dopo una pausa di sei giorni dovuta alla necessità di indagare in modo approfondito su un problema relativo alla sua sicurezza.
Anche i trial sullo stesso vaccino in corso in Sudafrica e in Brasile erano stati bloccati ma poi sono ripartiti, mentre la Food and Drug Administration degli Stati Uniti (FDA) non ha ancora consentito la ripresa delle sperimentazioni negli Stati Uniti. I dettagli rivelati finora dagli sponsor di questi studi sui motivi dell’interruzione e sul perché ne è stata consentita la ripresa sono pochi. Alcuni scienziati dicono che questa mancanza di trasparenza potrebbe erodere la fiducia del pubblico nel vaccino.

In ciascuno degli attuali trial clinici di fase III si stanno arruolando diverse decine di migliaia di partecipanti. Ma una sperimentazione per stabilire se un vaccino riduce l’incidenza dei casi gravi di COVID-19 dovrebbe arruolarne di più, e quindi richiederebbe più tempo, dice Thomas Lumley, biostatistico all’Università di Aukland, in Nuova Zelanda. Gli studi in corso hanno scelto una via di mezzo tra stabilire se i vaccini prevengono del tutto l’infezione e vedere se prevengono la forma grave della malattia, dice.

L’obiettivo delle aziende è un vaccino che impedisca lo sviluppo dei sintomi del COVID-19 in almeno il 50 per cento delle persone che lo ricevono – la definizione di successo secondo le linee guida della FDA – ma sperano di arrivare a un’efficacia almeno pari al 60 per cento.

Anche il 60 per cento, però, non basterebbe per raggiungere l’immunità di gregge, la situazione in cui la percentuale della popolazione immune grazie al vaccino è sufficientemente alta da bloccare la diffusione della malattia, dice Lumley. Per arrivare a quell’obiettivo, il vaccino dovrebbe avere un’efficacia almeno dell’80 per cento, poiché non tutti gli individui della popolazione lo riceveranno, dice MacIntyre.

Tuttavia, vaccinare un’ampia frazione della popolazione con uno di questi vaccini darebbe comunque un grosso contributo al controllo della diffusione del virus se andasse ad affiancarsi ad altri interventi, come l’uso delle mascherine e il tracciamento dei contatti, dice Lumley. “Un vaccino di modesta efficacia sarebbe già un grosso aiuto”, dice.

La fiducia del pubblico nei vaccini contro il coronavirus sta già vacillando, in particolare negli Stati Uniti, dove Trump reclamizza spesso il suo programma di sviluppo accelerato del vaccino, “Operation Warp Speed”. In questo mare di parole, il 17 settembre il Pew Research Center di Washington ha detto che nei sondaggi la proporzione degli statunitensi adulti che probabilmente accetterebbero un vaccino contro il COVID-19 se fosse disponibile, era caduta, da maggio a settembre, dal 72 al 51 per cento. Tre quarti delle persone intervistate a settembre ritenevano che gli Stati Uniti avrebbero approvato un vaccino prima che la sua sicurezza e la sua efficacia fossero stabilite in modo ben solido.

(Questa una parte dell’articolo pubblicato su “Nature” il 25 settembre 2020. Editing a cura di Le Scienze.it)

 




Etica della tecnologia, la relazione Uomo-Macchina: webinair organizzato da lasolastrada

VARESE, 9 ottobre 2020-Seconda conferenza della rassegna ETICA DELLA TECNOLOGIA organizzata dall’Associazione #lasolastrada.

Dopo il primo incontro dello scorso 6 ottobre nel quale si è discusso su come nascono le informazioni nella rete e sui social media e sulla loro veridicità, il prossimo martedì 13 ottobre alle ore 21:00 webinair si parlerà di relazione UOMO-MACCHINA.

Una lavatrice, uno smartphone, l’abitacolo di un aereo, un sistema di controllo remoto dell’antifurto di casa, il personal computer eccetera eccetera… in tutti questi casi ed in numerosissimi altri ancora, è possibile entrare in relazione con la macchina perché esiste un sistema interattivo che, in sintesi, viene chiamato INTERFACCIA UOMO MACCHINA o, in inglese HUMAN MACHINE INTERFACE; la materia che si occupa di ciò è anche chiamata HUMAN COMPUTER INTERACTION (HCI). Senza questi sistemi di interazione, di facilitazione, non sarebbe proprio possibile, per noi semplici utilizzatori, capire il linguaggio informatico e nemmeno riuscire a dare allo strumento i comandi necessari.

E’ sempre maggiore l’importanza riconosciuta all’HCI, in relazione alla evoluzione informatica ed alla presenza sempre più pervasiva, delle tecnologie digitali. Internet, i dispositivi mobili, l’intelligenza artificiale (IA) o l’internet delle cose ci mostrano che, oggigiorno, non solo usiamo la tecnologia ma viviamo con essa. Questo mostra, probabilmente, che la stessa informatica deve orientarsi giocoforza verso la comunicazione tra gli utenti ed i dispositivi digitali. La stessa IA, di cui parleremo in una conferenza dedicata e che di fatto rappresenta certamente un’area di ricerca strategica e di forte impatto sulla società stessa, mostra probabilmente la necessità di approfondire il tema della interazione (HCI), che in questo caso assume connotazioni forse ancora non pienamente indagate.

Ma come si sono evoluti nel tempo i sistemi di interazione computer – macchina? E quali sono, oggi, i limiti e le innovazioni che ci aspettano?

Ne parlerà ALESSANDRO MASSERDOTTI filosofo e interaction designer nonché grande esperto in materia.

La conferenza di martedì 13 ottobre può essere seguita al link:

https://us02web.zoom.us/j/84042888465

ID riunione: 840 4288 8465

E’ consigliata l’iscrizione alla mailing list del sito: www.lasolastrada.it per essere aggiornati sulle iniziative della Associazione.




Possiamo vivere per sempre? Incontro a BergamoScienza con il premio Nobel Elizabeth Blackburn

BERGAMO, 6 ottobre 2020-Il premio Nobel per la Medicina 2009 Elizabeth Blackburn sarà ospite per la prima volta a BergamoScienza, il festival di divulgazione scientifica in corso fino al 18 ottobre, che in questa XVIII edizione ha veste tutta digitale.

 Sabato 10 ottobre, alle 17, la biologa molecolare terrà la lectio magistralis Possiamo vivere per sempre? durante la quale cercherà di rispondere alle domande, che da sempre l’umanità si pone, sul funzionamento dell’invecchiamento e sulle strategie per ostacolarlo. Come funziona questo meccanismo che definisce le nostre esistenze? E quanto è realmente influenzabile dalla scienza e dallo stile di vita?

In collegamento con il sindaco di Bergamo Giorgio Gori e con Nicola Quadri, segretario del Comitato Scientifico dell’Associazione BergamoScienza, la scienziata illustrerà la ricerca per la quale è stata insignita del premio Nobel, assieme a Jack W. Szostak ed a Carol Greider, per la scoperta della telomerasi e del suo ruolo nel processo di invecchiamento cellulare.

Elizabeth Blackburn, australiana naturalizzata statunitense, inserita dal Time Magazine nella classifica 2007 delle 100 persone più influenti, oltre al premio Nobel durante la sua è stata insignita di numerosi altri premi importanti ed è stata presidente del Salk Institute e dell’American Association for Cancer Research.




Caronno Pertusella, successo per l’evento ”Il Genio italiano” dedicato a Leonardo Da Vinci

CARONNO PERTUSELLA, 4 ottobre 2020-Avvio scintillante per l’Evento il “Genio Italiano” – Dagli anni bui al Rinascimento – L’attualità di Leonardo da Vinci”, nell’ambito delle Grandi Iniziative della Fondazione FeLPI.

La Fondazione FeLPI – Fiducia e Lavoro Professionisti Insieme fornisce consulenza gratuita in diversi ambiti diffondendo valori di solidarietà anche attraverso convegni, seminari e altre manifestazioni.

Il programma si svolge a Caronno Pertusella da sabato 3 ottobre a sabato 24 ottobre attraverso numerose iniziative, cultura nel campo della pittura, poesia, modellismo, ma anche attraverso conferenze su temi economici e sociali nell’ambito dello stupendo Museo Onda Rossa che accanto ad alcune delle più belle auto al mondo – Ferrari, Maserati, Lamborghini. Alfa Romeo ed altre – può esibire una Fiat Torpedo 2.8 1939 che ha avuto come primo proprietario S.M. il Re d’Italia Vittorio Emanuele III ed è stata poi utilizzata poi dai Presidenti della Repubblica Italiana per ospitare Presidenti e Rappresentanti stranieri.

Il primo giorno della Manifestazione ha visto l’introduzione del Presidente di FeLPI, Avv. Pierantonio Giussani, che ha descritto le finalità ed attività della Fondazione e del Museo Onda Rossa.

L’inaugurazione dell’evento è stata tenuta da Gabriele Albertini, già Sindaco di Milano, Europarlamentare e Senatore della Repubblica Italiana.

Si sono succeduti negli interventi Giuseppe Ossoli per presentare i temi delle sue conferenze di carattere economico dell’8 e 15 ottobre, Carlo Massironi, esperto del mondo filantropico e delle Fondazioni, per anticipare i contenuti della sua relazione sulla Riforma del Terzo Settore programmata per sabato 10 ottobre alle ore 10.

Infine, prima di iniziare la visita degli invitati al Museo e alle opere artistiche esposte sono intervenuti l’Art Director e Pittore Tommaso Chiappa, il costruttore in miniatura delle macchine di Leonardo da Vinci, Paolo Candusso, il rappresentante del FAI, Pietro Bonzi, la poetessa Rossella De Cicco e una rappresentante dell’Associazione Giocare con l’Arte presieduta da Enzo Cremone.

L’evento è stato condotto in modo perfetto dal socio FeLPi Walter Valli.

I numerosi invitati ed ospiti presenti, nel rispetto delle norme anti covid-19, hanno potuto ammirare eccezionali autovetture e pregiati lavori artistici in un contesto di notevole interesse realizzato con grande passione dall’Avv. Pierantonio Giussani.

Eventi della settimana

Giovedì 8 ottobre ore 18.00

“Capitalizzazione aziendale – occasioni fiscali e finanziarie per le imprese”

Relatore: GIUSEPPE OSSOLI

Sabato 10 ottobre ore 10.00

“La Riforma del Terzo Settore”

Relatore: CARLO MASSIRONI

Notizie e informazioni sulla partecipazione agli eventi sono rilevabili sul sito

www.fondazionefelpi.eu




Bisuschio, con la rassegna Astrottobre si parlerá di spazio e imprese spaziali

BISUSCHIO, 29 settembre 2020-l’Osservatorio Astronomico di Monteviasco, anche quest’anno, nonostante le grandi difficoltà che hanno dovuto incontrare le associazioni e i gruppi, l’Associazione Culturale Astronomica e Scientifica M42 presenterà la 25° edizione di Astrottobre,consueta serie di conferenze a carattere astronomico e scientifico.

Interessanti le novità di questa edizione, tre conferenze saranno tenute dai soci che si sono messi in gioco presentando avvincenti argomenti, il 2 ottobre Alessandro Merga parlerà della finestra che si apre sul nostro cielo, illustrandoci il perchè e il come delle nostre percezioni dei colori.

Seguirà il 9 ottobre la cronistoria del contributo Italiano alla corsa allo spazio dal dopoguerra ad oggi, relazionato dalla Dott.ssa Silvia Masetti.

La terza serata,  16 ottobre, riguarderá l’argomento relativo alla proprietà degli spazi estraterrestri conquistati dalle varie missioni spaziali, con il prezioso contributo dell’Avvocato Roberta Vegetti. La quarta serata il 23 ottobre ospite  Marco Landoni, ricercatore INAF (Istituto Nazionale di Astrofisica) presso l’Osservatorio di Brera-Merate, che ci presenterà lo stato dell’arte della ricerca sulla formazione ed evoluzione dell’Universo.

Ultima e chicca del programma il 30 ottobre si terrà lo spettacolo teatrale di Fabio Borghetti con Elisa Baio “La donna delle stelle” dedicato a Valentina Tereškova la prima donna ad andare nello spazio.

Le quattro conferenze si terranno presso il Maxi Salone del Comune di Bisuschio mentre lo spettacolo teatrale sarà tenuto presso il Teatro San Giorgio sempre a Bisuschio.

Per maggiori informazioni potete contattare la segreteria dell’Associazione M42 al 348 1598599 – mail info@assm42.it – sito www.assm42.it.




Quale sarà l’impatto psicologico del Covid sulle nuove generazioni? Dialogo online con professionisti del settore

VARESE, 17 settembre 2020-Il Covid è stato un “fulmine a ciel sereno”? Il colpo è stato assorbito? Quale sarà l’impatto sulle generazioni più giovani?

filosofi di Tlon Maura Gancitano e Andrea Colamedici, dialogheranno mercoledì 23 settembre su queste tematiche con Riccardo Marco Scognamiglio, psicoterapeuta e direttore dell’Istituto di Psicosomatica Integrata, Giuseppe Lavenia, psicoterapeuta e presidente dell’Associazione Nazionale Di.Te., Alessia Leoni, psicoterapeuta e Andrea Zoccarato, psicologo psicosomatologo, per confrontarsi su quali effetti il corpo e la mente stanno vivendo in questa complessità.




Airspeeder è la “Formula 1 dei cieli”: nel 2021 il primo campionato mondiale per auto volanti elettriche

MILANO, 14 settembre 2020 – Airspeeder, ente gestore del primo campionato mondiale di auto volanti elettriche, annuncia la storica partnership tecnica e strategica con Acronis, leader globale della Cyber Protection.

La competizione motoristica creata da Alauda, produttore di veicoli volanti a trazione elettrica altamente performanti, riceverà il supporto tecnico e commerciale di Acronis, leader globale della Cyber Protection. L’importanza della partnership verrà sancita dalla presenza del marchio Acronis in una posizione di rilievo sul veicolo da competizione Airspeeder MK4.

In previsione del Primo Gran Premio Airspeeder previsto per il 2021, le soluzioni di Cyber Protection di Acronis proteggeranno la sicurezza dei dati utilizzati dalle rivoluzionarie tecnologie di guida autonoma LiDAR e Machine Vision, che garantiranno una competizione serrata ma sicura, generando campi di forze virtuali intorno a ogni ‘Speeder’. Alcune componenti tecnologiche verranno fornite da Teknov8, provider internazionale di soluzioni di cyber security che cementa la collaborazione tra Acronis e Airspeeder in qualità di Official #CyberFit Delivery Partner.

L’avanzamento di queste tecnologie promosso dalla serrata competizione sportiva incentiverà il progresso dell’intero settore eVTOL (veicoli elettrici a decollo e atterraggio verticale), nel quale operano giganti quali Uber, Daimler, Toyota, Hyundai e Airbus. Definiti spesso “taxi elettrici volanti” e considerati come l’evoluzione futura della mobilità, i veicoli eVTOL promettono di liberare le città dalla morsa del traffico e di ridurre i tempi di spostamento con soluzioni volanti e sostenibili. Secondo Morgan Stanley, nel 2040 il giro d’affari del settore sarà di 1.500 milioni di dollari.

“Airspeeder punta a creare un motorsport aereo basato sull’innovazione. Il supporto di Acronis, azienda con una straordinaria storia di successi tecnologici in Formula 1 e Formula E, contribuisce ad affermare la nostra visione, secondo la quale la competizione sportiva può abbreviare i tempi della prossima rivoluzione della mobilità.”

 Matt Pearson, fondatore di Alauda e Airspeeder

Le soluzioni per l’analisi dei dati di Acronis migliorano le performance di alcune delle più famose istituzioni sportive al mondo. Il supporto strategico e commerciale di Acronis conferma la visione di Airspeeder e Alauda, secondo la quale la competizione sportiva può abbreviare i tempi della prossima rivoluzione della mobilità. Questa importante partnership fa seguito alla conferma di importanti investimenti nello sport e al sostegno già consolidato di DHL, gigante della logistica e di Equals, società internazionale di investimenti finanziari.

“Acronis, all’avanguardia nell’innovazione della gestione dati, si allinea perfettamente alla visione di Alauda e Airspeeder, che vede il progresso della rivoluzione della mobilità promosso dalle gare sportive. Il nostro approccio collaudato e integrato all’erogazione di una Cyber Protection facile, efficiente e sicura per tutti i dati, le applicazioni e i sistemi, aiuterà Airspeeder a migliorare le prestazioni sia in pista che nel lavoro d’ufficio. Ci impegniamo per mantenere la nostra promessa: un’autentica proposizione di valore, tecnica e sportiva, di ultima generazione.”

 Jan-Jaap Jager, membro del consiglio direttivo e Senior vice president di Acronis

La filosofia di Airspeeder ruota intorno al concetto che niente accelera il progresso tecnologico come la competizione sportiva. Gli sport di nuova generazione giocano lo stesso ruolo dei pionieri della Formula 1 di un secolo fa: promuovono il progresso tecnologico e costruiscono la fiducia del pubblico nella nuova rivoluzione della mobilità. Il supporto commerciale, tecnico e strategico di Acronis e Teknov8 contribuisce pertanto ad accelerare l’avvento dei veicoli eVTOL, sistemi di trasporto a zero emissioni, che promettono di fornire una soluzione sostenibile e a lungo termine per la congestione delle nostre città.

Airspeeder, definita dagli osservatori internazionali come la ‘Formula 1 dei cieli’ e Acronis, con la sua straordinaria competenza negli sport motoristici, sono partner ideali dal punto di vista tecnico e strategico. Il team tecnico di Acronis gestirà i flussi di dati live su cui si fonda uno sport che promette di diventare l’entità sportiva e di broadcasting più entusiasmante del pianeta.

Airspeeder è trainato dall’innovazione tecnologica. Oggi le soluzioni di Acronis proteggono la sicurezza dei terabyte di dati acquisiti dalle macchine di Formula 1 in pista, durante i test e nelle gare. Si tratta di dati fondamentali per gli sport come la Formula 1 e l’Airspeeder che usano dati di telemetria per analizzare le performance dei veicoli e determinare le strategie di gara.

Le soluzioni Acronis per la protezione informatica, come il recente Acronis Cyber Protect, un prodotto che integra alla perfezione le funzioni di backup e anti-malware potenziate dall’intelligenza artificiale, si fondano sui cinque vettori SAPAS della Cyber Protection: Salvaguardia, Accessibilità, Privacy, Autenticità e Sicurezza. Questi garantiscono il più alto livello di protezione dei dati, impediscono la loro manomissione e ne assicurano l’accessibilità, per attività quotidiane senza ostacoli.

Il team e i piloti di Airspeeder potranno così sfruttare i dati in tempo reale, ad esempio l’analisi della carica della batteria e le prestazioni dei sistemi chiave. Con queste informazioni, gli ingegneri della squadra potranno definire tempestivamente la strategia di gara, ottenendo vantaggi competitivi in uno sport in cui ogni scuderia parte dalla stessa piattaforma tecnologica. È così che i tifosi avranno lo sport motoristico agonistico ed equo che invocano da tempo.

L’INVENZIONE DI UN NUOVO SPORT

 Airspeeder è una competizione ideata per i veicoli monoposto elettrici volanti prodotti da Alauda. Piloti di élite, che provengono dall’aviazione, dagli sport motoristici e anche dagli eSport si muoveranno su circuiti gestiti elettricamente in alcuni dei luoghi più estremi e affascinanti del mondo.

I multicotteri elettrici da corsa creati da Alauda voleranno a velocità fino ai 130 km/h. Ai Campionati di Airspeeder parteciperanno i team che acquisteranno il veicolo e le attrezzature originali realizzate da Alauda, produttore esclusivo della competizione, ma avranno la libertà di definire la strategia di gara e di scegliere i propri piloti da un pool di professionisti esperti. L’idea è quella di dar vita a un campo di gioco equilibrato che incoraggi i team ad acquisire un maggiore controllo per poter imporre la propria strategia. L’approccio è stato paragonato a quello dei migliori campionati di Formula E.

Il successo dei team che competeranno in Airspeeder è dato dalle capacità dei singoli piloti e dall’abilità dei team di ottimizzare le prestazioni, partendo da una piattaforma tecnologica davvero rivoluzionaria. La chiave del successo sta nell’acquisizione e nell’interpretazione dei dati, attività che verranno attuate tramite le soluzioni Acronis, capaci di garantire sicurezza e gestione ottimale delle informazioni. Per definire la strategia che consentirà di superare gli altri concorrenti, i team avranno a disposizione indicatori prestazionali come i picchi di utilizzo della batteria o dati di biometria sui piloti.

Sport avveniristico e incentrato sulla tecnologia, Airspeeder si fonda sull’utilizzo dei big data. Come leader globali delle soluzioni di Cyber Protection, Acronis e Teknov8, garantiranno la sicurezza contro la manomissione delle gare e dei voli dei veicoli e la completa protezione dei terabyte di dati condivisi tra gli speeder e i team tecnici che li supportano.

 I canali di diffusione dei campionati mondiali di Airspeeder saranno numerosi. Agli eventi dal vivo potranno assistere solo VIP invitati in esclusiva, che sperimenteranno un’esperienza amplificata e verranno ospitati in padiglioni di lusso. Durante la gara, gli speeder utilizzeranno tecnologie di guida avanzate quali LiDAR e Machine Vision: la gara potrà essere agguerrita ma sarà sempre sicura, con aree no-fly circostanti agli spettatori e ai funzionari che saranno definite e gestite in modo digitale.




EOLO rinnova la direzione Sales&Marketing

BUSTO ARSIZIO, 8 settembre 2020– EOLO, azienda leader nel fixed-wireless ultra-broadband per i segmenti business e residenziale presenta la nuova organizzazione della direzione Sales & Marketing, realizzata in un’ottica customer-centrica.

Sotto la guida di Sergio Grassi, la direzione Sales & Marketing è al centro di un progetto di rinnovamento che segue tre linee direttrici: puntare sulle eccellenze interne, rinforzare il dialogo diretto con il territorio e supportare i traguardi annunciati con il piano di investimenti da 150 milioni con una nuova offerta business & consumer.

Un anno fa abbiamo raccolto la sfida: portare le esigenze del cliente sempre più al centro dell’azienda. Abbiamo cercato di interpretarla con lo spirito un po’ ribelle e innovatore che appartiene a EOL0, sviluppando un progetto unico, dalla triplice anima. – commenta Sergio Grassi, Direttore Commerciale di EOLO – L’avvio di una rivoluzione nell’offerta di mercato, non più a scaffale, ma pensata sulle reali necessità dei nostri clienti, a cui si è affiancato l’avvio di un importante progetto di in-house della struttura Digital della divisione Communication, con l’obiettivo di conoscere a fondo i nostri clienti, di dar risposte più attinenti alle loro esigenze, ai loro bisogni, ai loro desideri, ed infine l’avvio di un progetto di profonda trasformazione del canale di vendite che premiasse la presenza territoriale, la vicinanza, la disponibilità e il supporto al cliente.

Con la nuova organizzazione, EOLO internalizza alcune attività fondamentali per continuare a conoscere e rispondere ai bisogni dei propri clienti: Marzia FarèHead of Communications, gestirà uno dei primi progetti di in-housing media in italia, occupandosi con un team di 10 persone delle attività media on line e delle attività digital e social dell’azienda. Un canale fondamentale, e ora interamente gestito dall’interno, per il contatto diretto con i territori sui quali l’azienda vuole continuare a crescere, per raggiungere l’obiettivo di abbattimento del Digital Divide entro il 2021.

Alessandro FavoleHead of Direct & Indirect Sales, guiderà la trasformazione del canale di vendite con l’obiettivo di rafforzare ulteriormente il dialogo diretto e il presidio sul territorio, garantendo al cliente la migliore experience nel processo di vendita. Al centro del cambiamento, una profonda riorganizzazione interna delle strutture delle Vendite, decentrando sul territorio un punto di forte responsabilità con la creazione di 3 macro aree attribuite a 3 Regional Sales Manager. Questo garantirà una maggiore efficienza nella gestione del canale di vendita, con una forte manutenzione commerciale e con la creazione del canale dei “Top Partners”, sul quale l’azienda focalizzerà l’attenzione e gli investimenti sia economici che di know-how.

Marcello MolinariHead of Marketing, il compito di continuare a supportare il posizionamento di EOLO, legato all’esigenza di sostenere la trasformazione digitale della provincia italiana, attraverso lo sviluppo di servizi che siano inclusivi e abilitanti sia per il mondo residenziale che per quello business. Nasce da questi presupposti la nuova offerta “EOLO Più”, unica nel suo genere, che permetterà ai clienti di costruire il proprio servizio in funzione delle proprie esigenze. Rispondendo a poche semplici domande, il cliente potrà comporre il proprio profilo di servizio, potendo così contare sulla migliora esperienza per l’Intrattenimento e il gaming, la sicurezza, lo studio e il lavoro da casa.

“A questi progetti abbiamo dedicato sei mesi di progettualità ed altri sei mesi di delivery in piena pandemia, con straordinari colleghi e infaticabili partners impegnati da remoto ad affinare i rispettivi perimetri, permeati dalla convinzione che solo le aziende disposte a mettersi in gioco continuamente, mettendo realmente i bisogni dei propri clienti al centro, possano continuare a crescere e a prosperare.” – conclude Grassi.