Incidenti stradali: una vittima su quattro durante tragitto lavorativo. Convegno a Varese

0
1233
(Foto di repertorio)

VARESE, 23 ottobre 2019-Sono 3.334 le vittime di incidenti stradali nel 2018, anno in cui, secondo i dati Istat, i sinistri con feriti sono stati 172mila 553. Un morto su quattro era una lavoratore che percorreva il normale tragitto di andata e ritorno dall’abitazione al posto di lavoro, o durante il normale tragitto che collega due luoghi di lavoro, o durante il percorso dal luogo di lavoro a quello di consumazione dei pasti.

Sempre nello studio Istat, è emersa l’importanza delle condizioni psicologiche mentre si è alla guida: stati emotivi alterati, stress, nervosismo, vanno opportunamente mantenuti sotto controllo.

Numeri da brivido, che ben riassumono i “Rischi nei percorsi casa-lavoro”, punto di partenza del convegno di venerdì 25 ottobre a Varese (sede della Camera di Commercio, inizio alle 9.30) organizzato dall’OPP della provincia di Varere. Un appuntamento nel corso del quale saranno analizzati il “Ruolo del fattore umano e le opportunità di prevenzione”.

OPP, in collaborazione con l’Unità di Ricerca in Psicologia del Traffico, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, vuole promuovere una riflessione sul fenomeno dell’incidentalità in itinere. Il convegno è rivolto a tutti gli operatori della Sicurezza, imprese, lavoratori, Istituzioni Pubbliche, RLS, RLST, RSPP, consulenti e formatori in materia di salute e sicurezza.

Significativa l’adesione e la partecipazione della Polizia di Stato, presente in piazza Montegrappa con il “pullman azzurro”, messo a disposizione delle scolaresche che potranno visitarlo.

Michele Tamburelli (presidente dell’Organismo paritetico per la sicurezza della provincia di Varese), insieme al presidente della Camera di commercio di Varese, Fabio Lunghi, avrà il compito di introdurre i lavori: <I dati sugli infortuni in itinere sono significativi e colpiscono ancora di più se analizzati andando oltre i numeri. Deve ad esempio fare riflettere il fatto che la maggioranza delle persone coinvolte in questo tipo di incidenti siano donne e ciò accade perché, a differenza degli uomini, hanno un’organizzazione della quotidianità più complicata: la conciliazione del lavoro con la famiglia è un onere che comporta uno stress maggiore che, al volante, si può trasformare in ulteriori distrazioni>.

Tamburelli insiste sull’importanza <di operare tutti assieme sull’importanza della cultura della percezione del rischio. In questo senso un ruolo importante potrebbero averlo i datori di lavoro ai quali si proporrà degli specifici corsi rivolti ai loro dipendenti. Anche le aziende devono darsi da fare per abbattere il rischio e, perciò, per azzerare quella statistica da brividio sul numero di incidenti stradali mortali, che oggi parla di una persona su quattro vittima di un sinistro nel tragitto casa-lavoro>.

Il programma

Ore 9 Registrazione partecipanti

Ore 9.30 Fabio Lunghi (presidente Camera di Commercio Varese); Michele Tamburrelli (presidente OPP Varese), Carla Mammone (consigliere nazionale AIFOS).

Ore 9.50 Maria Rita Ciceri (direttore Unità di ricerca di psicologia del traffico – UCSC) “Centralità del fattore umano nel sistema traffico e opportunità di intervento per la riduzione del rischio stradale per i lavoratori”.

Ore 10.10 Santa Picone (direttore territoriale INAIL sede di Varese) “I Dati sugli Infortuni in itinere e opportunità per la prevenzione”

Ore 10.30 Marco Bragazzi (vicequestore aggiunto, dirigente polizia stradale di Varese) “Caratteristiche e criticità della mobilità e dell’incidentalità stradale per i lavoratori sul territorio Varese”.

Ore 10.50 Matteo Ferrario (comandante Polizia locale del Comune di Varese) “L’esperienza della Polizia Locale riguardo l’incidentalità nel traffico per i lavoratori”.

Ore 11.10 Manuel Picardi (segretario generale Federazione Europea Autoscuole) “L’evoluzione tecnologica delle autovetture: implicazioni per la sicurezza e la formazione dei guidatori”.

Ore 11.30 Duccio Calderini (Dipartimento di Igiene e prevenzione sanitaria UOCPSAL ATS Insubria) “Attività in prevenzione in tema di sicurezza stradale”.

Ore 11.50 Mirna Begnini (psicologa del traffico e docente in tema salute e sicurezza nei luoghi di lavoro) “Il ruolo della formazione per la prevenzione del rischio stradale per i lavoratori”

Ore 12 La parola alle aziende.

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui