Quando una videochiamata aiuta a superare le difficoltà: la toccante storia di due pazienti ricoverati in Terapia Intensiva al Circolo di Varese

0
368
Il momento dei saluti con videchiamata

VARESE, 27 marzo 2020- A volte sono delle piccole azioni quotidiane che possono dare un grande contributo in momenti di difficoltà.

Quelle azioni che spesso mettiamo in atto nella normalità quasi in modalità standard.

Come fosse tutto scontato.

Per Luigi e Fabio (nomi di fantasia) quelle piccole azioni sono divenute essenziali per sentirsi ancora vivi.

Luigi è un infermiere di Crema (come la moglie che lo segue e incoraggia a distanza anch’essa infermiera nella stessa città di provenienza) dove probabilmente ha contratto il Covid-19. Luigi è ricoverato dagli inizi di marzo nella Terapia Intensiva Generale dell’Ospedale di Circolo di Varese, dove è stato trasportato subito dopo essere stato intubato.

Tre settimane di ventilazione artificiale, mantenuto sedato, in cui il suo organismo ha combattuto aspramente contro un nemico micidiale. E’ stato anche necessario ricorrere alla tracheotomia per proseguire con il supporto respiratorio.

Luigi condivide questa brutta esperienza con Fabio anch’egli di Crema e ricoverato accanto a lui subendo gli stessi interventi salvavita quindi intubato e tracheomizzato.

Ora finalmente per loro una luce in fondo al tunnel con la fase critica che pare superata come sottolineano i medici del reparto.

Ci vorrà ancora del tempo prima che Luigi e Fabio possano tornare a casa ad abbracciare i loro cari, con i quali hanno sempre mantenuto un contatto telefonico.

Poi la grande ed emozionante sorpresa quando gli infermieri hanno pensato di organizzare una videochiamata con uno dei loro cellulari opportunamente cellofanato.

Luigi e Fabio pur non essendo ancora in grado di parlare a quel punto hanno comunicato a gesti con i familiari rassicurandoli.

Grande l’emozione per tutto il personale infermieristico nel vedere la gioia dei due pazienti, vero toccasana a livello fisico e psicologico.

Proprio in questi giorni, nella Terapia Intensiva Generale dell’Ospedale di Circolo e in altri reparti verranno consegnati i primi tablet donati all’ASST dei Sette Laghi stumenti utili divenendo a tutti gli effetti parte integrante del percorso di cura.

redazione@varese7press.it

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui