Si torna a celebrare messe a Varese: posti solo su prenotazione come da decreto

0
885
La Basilica di San Vittore dove verrà trasmessa messa in diretta
VARESE, 17 maggio 2020-È arrivato il momento tanto atteso in cui torneremo a celebrare le Messe con la partecipazione del popolo.
Lunedì 18 riprende la celebrazione delle Messe feriali nelle cinque parrocchie della Comunità Pastorale di Varese (S. Ambrogio in Giubiano, Santa Teresa di Gesù Bambino – Bustecche, Madonna della Speranza e della Pace – Belforte, San Carlo Borromeo, Santi Martiri Stefano e Evasio – Bizzozero), prosegue la celebrazione dei funerali presso le parrocchie di S. Ambrogio in Giubiano e San Carlo Borromeo e riprendono le celebrazioni delle Messe festive da sabato 23 (messe vigiliari) e domenica 24.
Ripartiamo con coraggio ma anche con prudenza, perché il virus non è scomparso. Metteremo in pratica tutti i comportamenti che conosciamo bene e con i quali dobbiamo imparare a convivere, per la sicurezza nostra e altrui. Se qualcuno preferirà aspettare ancora qualche settimana per motivi di salute o di età potrà continuare a seguire in diretta ogni giorno la Messa sulla nostra pagina Facebook (www.facebook.com/dongnocchivarese).
 
Noi sacerdoti siamo sempre a disposizione per le confessioni o anche per un colloquio spirituale. Voglio dire con chiarezza che noi sacerdoti siamo sempre a disposizione volentieri, senza la preoccupazione di disturbarci (aggiungo però che per essere sicuri di trovarci è sempre meglio prendere appuntamento!). Molti hanno sentito il bisogno di parlare, anche solo telefonicamente, dopo settimane difficili ed emotivamente intense, durante le quali hanno cercato sostegno nella fede e nella preghiera.
 
Tornare a celebrare le Messe con il popolo è un segno di speranza per tutti, anche per chi la messa non la frequenta regolarmente o la frequenta solo in rare occasioni, ma ne ha sentito la mancanza. Abbiamo ripetuto in queste settimane “nulla sarà come prima”, ora tocca a noi fare in modo che non torni tutto come prima ma che possiamo fare tesoro di quanto abbiamo vissuto in queste settimane. Riprendiamo a celebrare le Messe, ma non dimentichiamoci la preghiera in famiglia e la preghiera personale, nutrita dalla Parola di Dio, senza la quale la Messa non è più l’incontro del cuore con Gesù morto e risorto per amore nostro ma è solo un rito esteriore.
 
 Ogni fine settimana mettiamo a disposizione della Comunità ben 1892 posti (bisogna prenotare).
 
Abbiamo vissuto momenti forti di solidarietà e di vicinanza a chi era nel bisogno, ora non torniamo a chiuderci nei nostri egoismi cercando negli altri il nemico contro cui scagliarci. Siamo rimasti uniti anche grazie agli strumenti digitali che prima guardavamo con diffidenza, ora non lasciamo il web nelle mani di chi semina odio e insulti.
 
Rimaniamo ancora in attesa di indicazioni per la ripresa delle attività dell’oratorio, anche se don Davide Caccianiga, responsabile della pastorale giovanile della nostra Comunità, insieme alle catechiste e agli educatori non hanno mai smesso di coinvolgere i ragazzi con incontri di catechesi in videoconferenza, giochi di socialità virtuali, dirette con le telefonate del pubblico. Invito tutti i genitori a partecipare a un sondaggio per conoscere i bisogni delle famiglie, a cominciare da quelle in cui entrambi i genitori lavorano, e iniziare a pensare possibili proposte per il tempo estivo.

Che sia per tutti l’inizio di un nuovo cammino, sotto la protezione e con l’aiuto di Maria.

don Marco Casale
Parroco della Comunità Pastorale

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui