Varese, premiazione concorso “Balconi fioriti” alle Ville Ponti

0
206

VARESE, 15 ottobre 2020 – Uno dei “salotti verdi” del territorio, il parco di Ville Ponti, sarà lo scenario della premiazione del primo concorso “Balconi Fioriti in provincia di Varese” promosso dalla Coldiretti provinciale. L’appuntamento è per le ore 11 di domani, venerdi 16 ottobre 2020 (la presenza della stampa, da confermare a questo indirizzo, sarà importante e gradita). “Abbiamo avuto un ottimo riscontro di partecipanti, il che ci incoraggia a proseguire l’iniziativa anche per il prossimo anno” commenta il presidente di Coldiretti Varese Fernando Fiori.

“E’ un concorso nato a fine primavera per sensibilizzare l’opinione pubblica sul ruolo del verde e dei fiori, ma anche per evidenziare un anno drammatico per gli operatori del settore: il 2020 sarà ricordato come l’annus horribilis del comparto florovivaistico, con una primavera che ha azzoppato la stagione sul nascere e costretto i produttori a distruggere le proprie piante per fare spazio, in serra, alle nuove incombenti fioriture: un ciclo che, purtroppo, si è ripetuto e protratto per settimane. Ma una rinnovata cultura del verde e dei fiori può guidare la ripartenza, sostenendo le imprese ma anche rendendo più belli e accoglienti i nostri centri urbani”.

Con questo spirito, appunto, il concorso Balconi Fioriti ha saputo proporsi e acquisire consensi già in questa prima edizione. Partecipare a “Balconi Fioriti in provincia di Varese”, promosso da Coldiretti, era (e sarà) semplicissimo: per i concorrenti è stato sufficiente inviare le foto dettagliate dei loro balconi che sono state valutate da una giuria di florovivaisti ed esperti in competizioni internazionali del settore, con la qualificata consulenza di Anna Furlani Pedoja, membro dell’Associazione Italiana Architettura del Paesaggio, dell’European Foundation for Landscape Architecture e in passato giudice italiano del concorso europeo Entente Florale.

“Il comparto florovivaistico è una spina dorsale strategica della nostra economia prealpina e sta pagando ancora in maniera drammatica la crisi causata dal Covid-19” aggiunge Carlo Cremona, floricoltura e altro componente della giuria “Abbiamo chiesto e chiediamo ai cittadini di “ripartire fiorendo i propri balconi”, la risposta è stata concreta e tutti hanno mostrato grande impegno”.

Come detto, sono diversi i premi in palio, con buoni spesa in agriturismo da 300, 200 e 100 euro per i finalisti. Ai concorrenti è stata data massima libertà nella fioritura dei balconi: era infatti possibile utilizzare tutte le essenze disponibili, ovvero qualsiasi pianta ornamentale verde e/o fiorita, annuale o perenne, arbustiva o erbacea, non artificiale. Unico vincolo, assolutamente banditi i fiori di plastica o, comunque, finti. Nel riunirsi per valutare le fotografie inviate, la commissione ha tenuto conto dei seguenti criteri generali di giudizio: 1) presentazione estetica d’insieme del balcone fiorito; 2) ricchezza e qualità di fiori e piante; 3) fantasia e armonia di colori nell’allestimento.

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui