Condanna a morte Ahmadreza Djalali, Panza (Lega): “Chiesto intervento immediato dell’UE e degli Stati Membri”

0
532
BRUXELLES, 27 novembre 2020- “Oggi, giovedì 26 novembre, abbiamo sottoscritto insieme con molti colleghi eurodeputati una lettera rivolta all’Alto Rappresentante Borrell per chiedere un intervento immediato dell’Unione Europea e dei suoi Stati Membri contro quest’ennesimo orrore che sta per compiersi in Iran, dove rischia di essere giustiziato Ahmadreza Djalali, il ricercatore europeo di origini iraniane che ha lavorato anche all’università del Piemonte Orientale di Novara –dichiara l’europarlamentare della Lega Alessandro Panza-.  Djalali, che ha doppia cittadinanza, iraniana e svedese, nel 2016 fu arrestato in Iran, dove era tornato per partecipare a una serie di seminari all’ università di Teheran, con l’accusa di spionaggio.
Ogni ora è preziosa e non c’è tempo da perdere -prosegue Panza-. Secondo quanto riportato ad Amnesty International infatti, il ricercatore esperto di Medicina dei disastri e assistenza umanitaria è stato trasferito in isolamento nella prigione di Raja’i Shahr a Karaj e sarà presto eseguita la sua condanna a morte” – conclude Panza.
image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui