Stanze degli abbracci nelle Rsa a Luino e Casalzuigno donate dalla Spi Cgil Lombardia

0
448

LUINO, 7 maggio 2021-Donare un abbraccio in questi tempi di distanziamento fisico imposto per legge è un segno di sensibilità. Donarlo ad un anziano, in una RSA, è la migliore medicina contro la solitudine e il senso di abbandono imposti dalla pandemia.

A questo proposito SPI Cgil Lombardia ha deciso, a sue spese, di dotare di una stanza degli abbracci 14 RSA, una per ogni territorio in cui si divide la Lombardia. Tutto è partito con l’inaugurazione di Alzano Lombardo.

Altre iniziative sono state programmate dallo SPI Cgil di Varese. Martedì 11 maggio, alle ore 11, saranno presentate, presso la sede della RSA della Fondazione Onlus Mons. COMI di Luino, due stanze degli abbracci offerte dallo SPI di Varese.

Al taglio del nastro parteciperanno il Sindaco di Luino Enrico Bianchi, il Prevosto di Luino don Sergio Zambenetti, il direttore della Fondazione COMI Danilo Benecchi, la Segretaria SPI CGIL Lombardia, Federica Trapletti, il Segretario Dino Zampieri e la Segreteria SPI CGIL Varese, la Segretaria Generale della CGIL di Varese, Stefania Filetti, e alcuni parenti degli ospiti nella RSA.

Sempre martedi 11, alle ore 15, sarà presentata presso la sede della RSA della Fondazione LONGHI – Pianezza di Casalzuigno, una stanza degli abbracci offerta, invece, da SPI CGIL Lombardia. Presenzieranno l’Amministrazione Comunale di Casalzuigno, il Direttore della Fondazione, Manolo Marzaro, il Segretario SPI CGIL Lombardia, Valerio Zanolla, il Segretario Dino Zampieri, la Segreteria SPI CGIL Varese, la Segretaria Generale della Cgil di VARESE, Stefania Filetti, e parenti degli ospiti nella RSA.

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui