Due giovani varesini morti nella tragedia della funivia di Stresa

0
751

VARESE, 23 maggio 2021- di GIANNI BERALDO-

Tra le 14 vittime della tragedia di Stresa anche una coppia di giovani varesini, Alessandro Merlo di 29 anni e la fidanzata Silvia Malnati di 27 anni, tra le prime persone giá indentificate dalla magistratura.

Fidanzati ed entrambi residenti a Varese, Alessandro e Sivia avevano deciso di trascorrere ua giornata in totale spensieratezza godendosi il bellissimo panorama del Lago Maggiore visto dal Mottarone.

Sogno infranto a pochi metri dall’arrivo in cima quando una fune pare abbia ceduto facendo cadere di schianto la cabinovia con altre 12 persone a bordo, nel sottostante bosco. Una tragedia immane che ha spazzato via interi nuclei familiari, compresa una famiglia residente a Vedano Olona.

L’unico sopravvissuto é un bambino ora ricoverato in rianimazione all’ospedale Molinette di Torino da ore  sottoposto ad una serie di interventi chirurgici per ridurre le numerose fratture anche se la situazione rimane molto grave.

«Purtroppo sì, ci sono bambini tra le vittime», conferma in lacrime la sindaca di Stresa, Marcella Severino, parlando della tragedia sulla funivia che collega Stresa al Mottarone, montagna a cavallo dei laghi Maggiore e d’Orta.

Tra i morti, si apprende in serata, ci sono anche alcuni cittadini stranieri, come evidenzia il tenente colonnello Giorgio Santacroce, comandante del Nucleo operativo dei carabinieri di Verbania. «Ci sono alcuni stranieri, ma le operazioni di identificazione – spiega – sono ancora in corso». L’altro bambino che era stato ricoverato rimane in gravi condizioni.

Domani a Stresa si recherá anche il ministro delle infrastrutture e mobilità sostenibili Enrico Giovannini e il capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio.

direttore@varese7press.it

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui