Il Cittá di Varese perde a Novara in pieno recupero. Rossi: ”Il Novara aveva giocatori più esperti di noi”

0
282
il gol della vittoia del Novara

NOVARA, 3 ottobre 2021-Arriva in pieno recupero la sconfitta del Città di Varese al “Silvio Piola” di Novara. La partita si decide tutta nell’ultimo quarto d’ora di gioco: Premoli ci porta avanti di testa, poi a stretto giro di posta arriva il pareggio di Vuthaj e, all’ultimo pallone giocabile, il Novara trova i tre punti con Di Masi.

Rispetto alla partita con il Fossano giocata all’Ossola una settimana fa Ezio Rossi ritrova Di Renzo nel reparto offensivo affiancato da Minaj e supportati alle spalle da Mamah. Di fatto il rientro di Di Renzo rappresenta l’unica novità nel 3-4-1-2 biancorosso che vede davanti a Priori il terzetto composto da Mapelli-Monticone-Parpinel supportati sulle corsie da Premoli e Foschiani, mentre in mediana agiscono D’Orazio e Cantatore.

Fin dalle prime battute la partita viaggia sul binario dell’intensità, con il Novara che parte forte anche sul piano dell’agonismo e il Città di Varese a reggere in modo ottimale l’impatto e portare la prima conclusione della partita con Minaj che, dopo aver recuperato un pallone sulla trequarti, si invola verso Raspa ma conclude senza troppa potenza. I piemontesi, dalla loro, portano due squilli tra il 6’ e il 14’: sul primo, pallone tagliato in area dalla destra di Paglino, è D’Orazio a sventare la minaccia consegnando di testa il pallone tra le braccia di Premoli; sul secondo, invece, Gonzales imbuca per Vuthaj che con un tocco d’esterno volante spedisce il pallone sul palo. Al 26’ è Gonzales, su una punizione dal limite, a stampare il pallone sulla traversa ma Priori era comunque sulla traiettoria. Alla mezzora è il portiere del Novara Raspa ad alzare il muro sulla conclusione dai venticinque metri di Foschiani, mentre sulla ribattuta si avventa Minaj ma era in posizione irregolare. Il Novara tra il 35’ e il 42’ ci prova con Di Masi dal limite (conclusione alta) e con il rasoterra di Gonzales sul quale Priori fa ottima guardia.

Nella ripresa il Città di Varese inserisce Pastore e Tosi al posto di Minaj e Cantatore, con il 3-4-1-2 che viene ridisegnato negli interpreti, con Premoli che va in mezzo al campo accanto a D’Orazio e Tosi che ne rileva il posto a destra, mentre Pastore va ad affiancare Di Renzo davanti. Il primo acuto della ripresa, che è iniziata con un piccolo momento di nervosismo che ha portato alle ammonizioni di Pastore e Benassi, è del Novara ancora sull’asse Gonzales-Vuthaj, con quest’ultimo che però trova Mapelli ad arpionargli il pallone in area piccola. All’11’ è il Città di Varese a rendersi pericoloso con Giovanni Foschiani da fuori area che, su servizio di Mamah, trova un tiro insidioso che Raspa riesce a disinnescare con qualche brivido in due tempi. Alla mezzora il Città di Varese va a pochi centimetri dall’1-0 sull’imbucata di Piraccini per Pastore che trova Raspa ad allungarsi sul suo rasoterra decentrato e, poi, sulla ribattuta Tosi è il primo ad avventurarsi ma Agostinone è decisivo. Sul seguente calcio d’angolo arriva il vantaggio biancorosso grazie al colpo di testa di Premoli. Il vantaggio dura poco meno di cento secondi perché il Novara trova il pareggio nato dall’imbucata di Gonzales per Vuthaj, con quest’ultimo che trova il mancino vincente quando il Città di Varese era in 10 uomini per le cure mediche prestate a Premoli. All’ultimo pallone giocabile il Novara trova il gol del 2-1 con Di Masi in area piccola sul servizio lungo di Gonzales.

 

Ezio Rossi ha analizzato così la prestazione della squadra: «C’è rabbia e delusione dopo una partita che ha avuto due volti: meglio il Novara nel primo tempo, meglio noi nel secondo quando davanti con Pastore abbiamo lavorato molto meglio. Purtroppo paghiamo due ingenuità, di cui una avvenuta in inferiorità numerica». Nonostante la sconfitta il Città di Varese ha dimostrato di esserci, e questo è certamente un aspetto importante: «La prestazione c’è stata. Il Novara aveva giocatori più esperti di noi che hanno saputo far valere la loro esperienza fin dall’inizio».
Mercoledì si torna in campo all’Ossola contro il Gozzano: «Affrontiamo un’altra squadra forte. Aspettiamo la fine del mese per capire la fisionomia del nostro campionato».

 NOVARA-CITTÀ DI VARESE 2-1
RETI: 32’ st Premoli (V), 34’ st Vuthaj (N), 50′ st Di Masi (N).
NOVARA (3-5-2): Raspa; Bonaccorsi, Bergamelli (16’ st Tentoni), Agostinone (33’ st Vimercati); Paglino, Bortoletti (27’ st Capano), Benassi, Di Masi, Pagliai (34’ st Pereira); Vuthaj, Gonzales. A disp. Spadini, Pugliese, Spina, Capone, Amoabeng. All. Marchionni.
CITTÀ DI VARESE (3-4-1-2): Priori; Mapelli, Monticone, Parpinel; Premoli, Cantatore (1’ st Tosi), D’Orazio, Foschiani (51′ st Aiolfi); Mamah; Minaj (1’ st Pastore), Di Renzo (27’ st Piraccini). A disp. Pedretti, Petrella, Battistella, Baggio A., Baggio L. All. Rossi.
ARBITRO: Vingo Sezione di Pisa.
ASSISTENTI: Pulcinelli Sezione di Siena e Iuliano Sezione di Siena.
AMMONITI: Bortoletti, Benassi, Di Masi (N), Cantatore, Pastore (V).
image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui