Varese va forte con il progetto solidale Viva Vittoria: alle Corti alcune vice sindaco della Lombardia impegnate a uncinetto completando decine di coperte

0
602

VARESE, 14 ottobre 2021- di GIANNI BERALDO-

Una magnifica chiazza di colore caldo, profondo, appassionante e…protettivo.

Questo l’effetto cromatico visto dal piano superiore del Centro Commerciale Le Corti, dei numerosi  tavoli che vedeva impegnate sferruzzare a uncinetto molte donne tra cui diverse vice sindaco giunte a Varese da diverse cittá della Lombardia. 

Tutte loro a dipanare, ma soprattutto assemblare a uncinetto,  lana coloratissima e sgargiante dando forma e vita a quadrattini di lana utili al progetto solidale denominato VivaVittoria.

Una partecipazione davvero lodevole salutata anche dal sindaco di Varese Davide Galimberti, l’assessore ai Servizi Sociali Roberto Molinari e altre assessore che hanno voluto essere presente alla odierna iniziativa utile a promozionare il progetto fortemente voluto da Antonia calabrese,  fondatrice della sede varesina di Viva Vittoria e sempre impegnatissima nel sociale.

Viva Vittoria é un progetto condiviso nato a Brescia (oggi era presente una delle ideatrici) che ha come mission la sensibilizzazione contro la violenza sulle donne.

Un’idea nata a Brescia dicevamo, un progetto pilotta durato più di tre mesi. Nel punto raccolta principale di Brescia città erano presenti circa 150 persone ogni giorno.

Nel momento della consegna dei quadrati, ogni persona ha lasciato i propri dati: questo ha consentito una costante comunicazione con i partecipanti e ha permesso di poter contare sul loro supporto.

Ogni coperta è stata successivamente fotografata e codificata.
Sono state stampate delle etichette in tessuto personalizzate con il marchio VivaVittoria e un numero progressivo.

Le volontarie hanno timbrato, numerato e poi cucito le etichette sulle coperte.

Nella notte tra il 21 e il 22 novembre 2015, l’installazione è stata posata su piazza

Antonia Calabrese spiega il progetto

Vittoria dopo che gli operatori urbani sono intervenuti per asciugarla. Le coperte sono state trasportate da una lunga catena umana che partiva dallo spazio VivaVittoria in contrada Cavalletto, all’angolo di piazza Loggia (come riporta il sito di riferimento dell’associazione www.vivavittoria.it)

Questo é quanto accadrá anche domenica 28 novembre quando i vari quadrati 50×50 cm verranno cuciti 4 alla volta per formare grandi coperte, che andranno a ricoprire l’intera Piazza repubblica (almeno é quanto auspicano gli organizzatori varesini). Coperte che verrannno vendute con raccolta fondi destinati alle varie associazioni di Varese che aiutano a favorire progetto di inserimento di donne che hanno subito violenze.

Un bel progetto che merita attenzione e partecipazione di tutti i cittadini.

direttore@varese7press.it

 

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui