Attacchi e polemiche contro la parlamentare Gadda (IV) dopo voto al DDL Zan: “Mi insultano senza motivo”

0
556
Maria Chiara Gadda

VARESE, 29 ottobre 2021- di GIANNI BERALDO-

Non si attenuano le polemiche dopo il voto negativo espresso mercoledì dal Senato in merito il DDLZan con il Partito Democratico, principale promotore della legge che accusa in primis Italia Viva e il suo leader Matteo Renzi di averlo affossato ancora prima di metterlo in pratica, spianando di fatto la strada verso la sua bocciatura tra lo smodato entusiasmo in Aula da parte di tutti i senatori del centrodestra.

Attacco fontale quindi nei confronti di Italia Viva e dei suoi rappresentanti parlamentari tra cui la varesotta Maria Chiara Gadda che a questo linciaggio mediatico e politico non ci sta <<Mi sono stancata di essere accusata senza motivo, è veramente assurdo>>, dichiara in una nota la deputata di Fagnano Olona che aggiunge <<Italia Viva non ha mai votato contro l’avanzamento di legge Zan.

Anche a luglio quando si evitò lo stop per 1 solo voto di scarto, abbiamo votato per andare

Il senatore della Lega Simone Pillon esulta con i suoi colleghi di partito dopo la votazione (foto ANSA/ETTORE FERRARI)

avanti. All’epoca ci ringraziarono, ora con gli stessi numeri di allora ma con un centrodestra compatto contro, se la prendo con noi. Tutto questo francamente mi pare surreale, così come surreali i messaggio violenti che arrivano anche a me>>.

Gadda che spiega inoltre come sarebbe stato forse opportuno fermarsi un attimo riflettendo sui due o tre punti da modificare, come tra l’altro aveva suggerito lo stesso Enrico Letta solo qualche giorno prima <<questo disastro politico tradisce le aspettative di molte persone. Il fallimento Pd e M5S nazionali è dimostrata dalla incapacità di gestire  la partita e il non riconoscere i propri errori. Ora rovesciano fango e insulti contro di noi. La politica non è fatta solo di discorsi, bandierine e like sui social ma soprattutto quello di portare a casa dei risultati>>.

direttore@varese7press.it

 

 

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui