Varese, oltre 500 donne seguite nel Centro Endometriosi dell’Ospedale Del Ponte nel 2021

0
232
L'equipe del professor Ghezzi

VARESE, 11 novembre 2021-Il Centro Endometriosi dell’Ospedale Filippo Del Ponte di Varese, afferente alla struttura di Ginecologia e Ostetricia diretta dal Prof. Fabio Ghezzi, negli anni è diventato il riferimento per un numero sempre più elevato di pazienti, oltre 500 solo nel 2021, che vengono accompagnate nel percorso diagnostico e terapeutico da un gruppo di specialisti dedicati, che lavorano congiuntamente per offrire cure di eccellenza in linea con le più recenti evidenze scientifiche.

Il trattamento dell’endometriosi richiede infatti profonda conoscenza e grande esperienza, necessarie per giungere ad una rapida ed accurata diagnosi e al corretto inquadramento della patologia. Proprio per questo, nel Centro varesino opera un team multidisciplinare dedicato, in cui ginecologi specializzati nel trattamento chirurgico mininvasivo sono affiancati da specialisti delle varie branche della Medicina (chirurghi generali, urologi, terapisti del dolore), al fine di garantire i più elevati livelli di assistenza. Inoltre, il rapporto consolidato nel tempo con una équipe di ecografisti e radiologi consente il corretto inquadramento della patologia attraverso esami diagnostici accurati e non invasivi.

Fondamentale è poi la collaborazione diretta con il Centro di Procreazione Medicalmente Assistita attivo in seno alla stessa struttura di Ginecologia e Ostetricia, al fine di preservare il più possibile la fertilità della paziente. Il Centro offre infine anche la possibilità di eseguire consulenze nutrizionali da parte di dietologhe dedicate e di ricevere un supporto psicologico con valutazione specialistica qualora necessario.

Il nostro Centro Endometriosi è apprezzato dalle tante donne affette da endometriosi che giungono da tutto il territorio nazionale per farsi visitare e poi curare nel nostro Ospedale – spiega il Prof. Ghezzi – Il numero di pazienti trattate e il livello diagnostico e chirurgico raggiunto sono paragonabili a quelli dei migliori centri internazionali per la cura dell’endometriosi“.

L’endometriosi è una patologia infiammatoria cronica e debilitante che colpisce il 10-15% delle donne in età riproduttiva. Può manifestarsi durante l’adolescenza o più tardi negli anni e in genere persiste fino alla menopausa. È una malattia estrogeno-dipendente in cui il tessuto endometriale è presente e cresce al di fuori della cavità uterina, producendo una reazione infiammatoria che può dar luogo alla formazione di aderenze e ad una alterazione dell’anatomia o della funzionalità degli organi della pelvi.

Il sintomo più frequente è rappresentato dal dolore pelvico che tipicamente si manifesta durante la mestruazione (si parla in questo caso di dismenorrea) e/o durante i rapporti sessuali (dispareunia), o come dolore pelvico cronico. L’entità della sintomatologia dolorosa non correla con l’estensione della malattia e può essere tale da diventare per molte donne invalidante, con ripercussioni negative sulla sfera lavorativa, familiare e sociale. A volte possono essere presenti disturbi intestinali (stipsi, diarrea, dolore durante la defecazione, sanguinamento rettale) o urinari (cistiti o dolore durante la minzione) e può associarsi a una condizione di affaticamento cronico. In circa un terzo dei casi l’endometriosi è causa di infertilità o di maggiore difficoltà ad ottenere una gravidanza.

“Il primo approccio diagnostico nelle donne con sospetto di endometriosi è rappresentato da un’anamnesi accurata – aggiunge Ghezzi – volta a evidenziare la presenza e l’intensità dei sintomi delle pazienti e l’influenza che questi esercitano sulla loro qualità della vita. Il secondo momento fondamentale è rappresentato dalla visita ginecologica e dall’ecografia pelvica, che occasionalmente può essere integrata da altri esami strumentali. L’approccio terapeutico deve essere individualizzato e guidato dai sintomi e dagli obiettivi di ogni singola paziente in modo tale da ricorrere alla terapia giusta al momento giusto”. 

Per prenotare una visita o per maggiori informazioni è possibile contattare il numero 0332-299453 oppure inviare una mail al seguente indirizzo: amb.endometriosi@asst-settelaghi.it.
Da più di un anno è stato inoltre attivata la “Help-line Endometriosi” che garantisce la possibilità di un contatto diretto con gli Specialisti del Centro chiamando al numero 380-8981144 dal lunedì al venerdì, dalle ore 09.00 alle ore 18.00.

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui