Tre aggressioni in tre settimane: a Como gli autisti dei bus vogliono sicurezza

0
415
COMO, 17 febbraio 2022 – Dopo la terza aggressione in tre settimane subite dagli autisti dei bus, i sindacati provinciali di categoria Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti hanno scritto al prefetto di Como Andrea Polichetti, chiedendo un incontro urgente. Nella risposta, la Prefettura ha invitato Asf ad attivare ogni opportuno confronto con i rappresentanti dei lavoratori sui temi della tutela dell’incolumità degli autisti e della sicurezza sul lavoro.

Pertanto, anche i segretari confederali provinciali di Cgil, Cisl e Uil chiedono con forza alla direzione dell’azienda dei trasporti la necessità di fissare con urgenza un incontro con i sindacati lariani dei trasporti.
«Purtroppo, le aggressioni di questi giorni espongono a rischi non tollerabili sia gli autisti sia l’utenza – commentano i tre segretari generali Umberto Colombo (Cgil), Daniele Magon (Cisl) e Salvatore Monteduro (Uil) – l’incontro, però, deve portare risultati concreti: vengano prese in considerazione alcune misure come l’installazione di telecamere oppure la presenza di vigilanti per gli orari e le tratte più a rischio. In caso non si verificasse la convocazione fra l’azienda e le parti sociali, lo sciopero, come detto nei giorni scorsi dal sindacato dei trasporti, sarà un’opzione inevitabile».

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui