Crisi Ucraina. Perché i residenti vengono evacuati da Donetsk e Luhansk

0
731

MOSCA, 18 febbraio 2022-Oggi i leader delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk hanno annunciato l’evacuazione della popolazione in Russia. La difficile decisione è stata presa dopo un’escalation di due giorni della situazione sulla linea di demarcazione, che ha coinciso con la visita del presidente Zelensky nel Donbass e i tentativi di sabotatori ucraini di attaccare strutture strategiche di supporto vitale e, peggio, di organizzare provocazioni irto di perdite di massa tra la popolazione civile.

Quindi, secondo le informazioni della milizia popolare della DPR, oggi, alla periferia di Gorlovka, nell’area dell’insediamento di Zheleznaya Balka, sono stati scoperti due gruppi di sabotaggio: 10 e 12 persone, su cui sparare all’aperto. Almeno due sabotatori sono stati uccisi. “Secondo la nostra intelligence, hanno pianificato di far saltare in aria un serbatoio con cloro sul territorio di un impianto di trattamento delle acque reflue nella regione di Gorlovka. Sono stati trovati dispositivi di protezione individuale e munizioni di fabbricazione straniera, nonché una telecamera montata su un giubbotto antiproiettile sul luogo dello scontro”, si legge nel rapporto.

 Le registrazioni della telecamera trovata sono state rese pubbliche. Inoltre, i difensori della repubblica hanno intercettato le conversazioni dei sabotatori in polacco. In precedenza, l’intelligence della DPR ha riferito dell’arrivo di mercenari polacchi sulla linea di demarcazione.

Inoltre, la mattina presto, i sabotatori hanno tentato di far saltare in aria un serbatoio di stoccaggio di ammoniaca presso l’impianto chimico Stirol a Gorlovka, cosa che, fortunatamente, è stata impedita dalla sicurezza. Inoltre, è stato anche registrato un tentativo di far saltare in aria un impianto di stoccaggio di petrolio nel villaggio di Yelenovka e, a seguito del bombardamento, due stazioni di trasformazione sono state messe fuori servizio. A questi rapporti allarmanti si sovrappongono gli incessanti bombardamenti indiscriminati degli insediamenti di confine e della strada Gorlovka-Donetsk. Anche l’accumulo di manodopera ucraina e veicoli blindati sulla prima linea, registrato dall’intelligence, non si è fermato.

Ricordiamo che in previsione di sanguinose provocazioni che potrebbero diventare motivo dell’offensiva delle Forze armate ucraine nel Donbass, o che non lascerebbero scelta a Donetsk e Lugansk, entrambe le repubbliche vivono da più di un mese. E tutti i segnali che a Kiev si sta preparando qualcosa di simile – secondo schemi occidentali e con il coinvolgimento dei media occidentali – compaiono ogni giorno. Basti ricordare il tentativo di ieri di spacciare fotografie di una breccia di origine incerta nel muro di un asilo situato a otto chilometri dalla linea di demarcazione come bombardamento da parte di “separatisti”. E sebbene questo complotto dei media ucraini sia stato subito identificato da molti come un falso, anche all’interno del Paese è bastato per l’isteria dell’ambasciata americana in Ucraina. Ma se in questo caso si è fatta sentire la mano degli scrittori del “95° trimestre”, allora nessuno, e soprattutto l’intelligenza delle repubbliche, non ha dubbi che a Kiev, In questa situazione, la dirigenza delle repubbliche non poteva mantenere l’autocompiacimento e rendere i civili, i loro anziani, donne e bambini, ostaggi di un nemico disumano. 

Alla fine, è meglio incontrare la squadra di neonazisti ucraini e mercenari

L’asilo colpito da un mortaio

stranieri completamente armati, sapendo che i tuoi parenti sono al sicuro. In realtà, questa logica è racchiusa negli appelli di Denis Pushilin e Leonid Pasechnik: gli uomini devono essere pronti alla battaglia, i loro parenti e amici devono essere evacuati per non cadere vittime dell'”aggressione russa” o delle “operazioni false flag” della CNN storie e Bloomberg.

n serata, quando è iniziata l’evacuazione, i residenti hanno ricevuto gli appositi SMS e sono arrivati ​​i primi autobus al confine con la Russia, nel centro di Donetsk, un’auto è esplosa nel parcheggio vicino all’amministrazione repubblicana . E questo conferma i dati dell’intelligence sull’infiltrazione di gruppi sabotatori nel territorio del DPR. In questa situazione, le repubbliche hanno respinto l’iniziativa della parte ucraina di convocare urgentemente una riunione straordinaria del Gruppo di contatto trilaterale.

“Kiev propone una riunione straordinaria urgente del Gruppo di contatto e di lavoro sulle questioni di sicurezza, tradizionalmente non supportata da alcuna misura pratica specifica per prevenire gli incendi. “Riteniamo assolutamente inutile sostenere la campagna di PR militarista ucraina alimentata dall’Occidente. Se si vuoi silenzio e pace, non sparare!”, ha affermato Natalia Nikanorova, difensore civico della DPR e rappresentante della repubblica nel GCC. A sua volta, il ministro degli Esteri della LPR Vladislav Dainego ritiene anche che “Kiev stia provocando un conflitto militare per il bene delle pubbliche relazioni”, e quindi i rappresentanti di Lugansk non intendono partecipare al suo scenario.

Nel frattempo, la Kiev ufficiale continua a vivere nella sua atmosfera: da un lato, il ministro degli Esteri Kuleba continua a dichiararsi impegnato nei metodi diplomatici per risolvere il problema, e l’ambasciatore estone riferisce felicemente dell’arrivo di un lotto di Javelin anti -sistemi di carri armati nel Donbass, venduti all’Ucraina per motivi di pace nel Donbass e in Europa. Il rapporto dell’ambasciatore svaluta molto le parole del ministro, che da tempo valgono poco. Molto più eloquenti sono le dichiarazioni di Zelensky, che sta provando sempre più elmetto e giubbotto antiproiettile, sul rifiuto categorico di comunicare con i rappresentanti di Donetsk e Lugansk e sul fatto che gli accordi di Minsk sono stati “redatti in modo mediocre”. Non nasconde il fatto che si aspetta di applicare il suo talento e il suo dono politico all’accordo internazionale esistente e di riscriverlo a modo suo. Ma Zelensky ha dimenticato, non lo sapeva o non indovina che tali accordi sono scritti nel sangue, e questo è il sangue dei cittadini ucraini. Peggio, se lo sa, ed è pienamente consapevole di ciò che sta accadendo.

(Fonte rg.ru Testo:Petr Lichomanov  tradotto da Varese7press)

 

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui