Lettera dei parlamentari leghisti del varesotto: “Grazie alla Lega in arrivo 27 milioni di euro per diversi Comuni del territorio”

0
401
I parlamentari Candiani, Galli, Bianchi e Tarantino
VARESE, 19 febbraio 2022-Egregio direttore,
Ti scriviamo a poche ore dall’approvazione del Decreto Energia e a pochi giorni dal via libera a cinque referendum sulla Giustizia cruciali per riformare la magistratura. Si tratta di risultati fortemente voluti dalla Lega per ottenere i quali ci siamo molto impegnati.
È diventato realtà l’importante intervento di 7 miliardi contenuto nel Decreto Energia per tagliare i costi esorbitanti delle bollette energetiche a cui devono fare fronte famiglie, imprese ed enti locali: era una precisa richiesta di Matteo Salvini, che per primo aveva proposto soluzioni al governo per contrastare il “caro bollette”. Serviranno altri provvedimenti, ma questo passo fatto senza aggiungere nuovo deficit al debito pubblico è importante.
Dopo poco più di un anno dalla decisione della Lega di impegnarsi nel governo Draghi per dare risposta ai gravi problemi pandemici ed economici del Paese, contano i fatti: ultimo impegno preso e rispettato, lo stanziamento di ulteriori 900 milioni di Euro per finanziare i progetti di rigenerazione urbana presentati dai comuni lombardi e quindi della nostra provincia che – anche se in graduatoria – erano stati però esclusi per i criteri adottati dal precedente governo Conte a trazione Pd-M5S.
Con questo nuovo intervento da noi voluto, saranno finanziati i progetti di 169 comuni di cui ben 56 comuni lombardi; in particolare per la nostra provincia, arriveranno circa 24 milioni di Euro per i progetti di rigenerazione urbana presentati dai Comuni di Busto Arsizio, Tradate, Somma Lombardo, Malnate e Caronno Pertusella, in aggiunta ai circa 30 milioni già stanziati per Varese, Samarate e Saronno. Un risultato veramente importante anche per l’economia della nostra provincia.
L’ultimo consiglio dei ministri, sempre su spinta della Lega, ha finalmente stanziato anche un fondo per le famiglie dei medici vittime del Covid.
Il premier Draghi si è anche impegnato per definire velocemente un piano per le riaperture e l’abbandono del green pass, ora che il dato pandemico, in netto calo, finalmente lo consente: una ventata di buonsenso e fiducia necessaria.
Stare al governo ci ha poi consentito anche di bloccare leggi sbagliate come la patrimoniale o alcuni tentativi della sinistra di imporre nuove tasse sulla casa.
Non è poco. Anzi è molto.
Nei prossimi mesi, la Lega si impegnerà a fondo per cambiare la Giustizia sostenendo il “Sì” ai cinque referendum che abbiamo promosso. È la testimonianza di un impegno costante in Parlamento e sul territorio, tra la gente, per aiutare la nostra terra, la nostra regione e l’Italia intera, evitando i danni di governi di sinistra come sempre altrimenti impostati su scelte ideologiche lontane dai problemi reali delle nostre imprese e della nostra gente.
L’obiettivo della Lega è vincere le prossime elezioni per offrire al Paese una guida stabile di centrodestra, pragmatica e concreta, impegnata a dare risposta ai problemi economici e a garantire tenuta sociale e sicurezza. Qualcuno ha paragonato la crisi Covid a una guerra: ecco, caro direttore, la Lega ha deciso di non disertare e noi, in prima persona ci stiamo impegnando per vincere questa guerra per conto della nostra bella terra lombarda.
I parlamentari di Varese della Lega
Stefano Candiani, 
Matteo Luigi Bianchi, 
Dario Galli,
Leonardo Tarantino.
image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui