Trecento paia di scarpe sulle rive del Danubio: ricordati a Budapest i morti al Teatro Mariupol Drama

0
396
Trecento paia di scarpe per ricordare i morti del bombardamento russo a Mariupol

BUDAPEST, 27 marzo 2022-Si è svolta a Budapest un evento per commemorare le vittime a Mariupol, dove la Russia ha messo in scena una barbarie che l’Europa non conosceva dalla seconda guerra mondiale.

 L’evento si è svolto vicino al memoriale “Le scarpe sul Danubio”, che onora la memoria degli ebrei ungheresi sterminati spietatamente dai nazisti. Prima dell’omicidio, hanno costretto le persone a togliersi le scarpe.

Oggi, 27 marzo, 300 paia di scarpe consumate sono apparse accanto alla scultura in bronzo. In memoria di almeno 300 donne, bambini e anziani che sono stati uccisi da una bomba aerea russa sganciata da inumani su un rifugio al Teatro Drammatico nel centro di Mariupol.

Secondo Kuleba, gli attivisti sono stati ispirati dal discorso del presidente Volodymyr Zelensky. Qualche giorno fa ha menzionato il luogo in un discorso al vertice dell’Ue. Ha chiamato a rendersi conto che le atrocità dei russi a Mariupol ora, nel 21° secolo, non sono diverse dalle atrocità dei nazisti a Budapest nel 1944-1945.

Il discorso diretto di Kuleba : “Il messaggio dell’Ucraina è semplice. I leader europei ripetono” Never Again “anno dopo anno. Ma la storia si sta ripetendo, proprio ora, proprio davanti ai nostri occhi.

E per questo facciamo appello ai nostri partner: imporre sanzioni ancora più severe, fornire all’Ucraina tutte le armi necessarie, portare la Russia a un isolamento ancora più profondo, sostenere l’Ucraina in tutto fino alla nostra vittoria”.(fonte www.pravda.com.ua)

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui