Verdi Varese: ”Il futuro del nostro lago non é quello di fare un bagno ma preservarlo a livello naturalistico”

0
586
Il lido della Schiranna

VARESE, 2 aprile 2022- Perplessitá da parte de Verdi di Varese in merito alla decisione della Regione di dare il via libera alla balneazione nel Lago di Varese (in via sperimentale) per i prossimi mesi di luglio e agosto.

Su questoargomento i rappresentanti del ‘sole che ride’ hanno inviato un comunicato.

”Da qualche anno è in corso di sviluppo un importante progetto di risanamento del Lago di Varese, promosso dalla Regione Lombardia e gestito attraverso l’AQST (Accordo Quadro di Sviluppo Territoriale Lago di Varese). Il progetto, sostenuto da tutti gli enti locali, si basa sul collettamento degli scarichi, l’efficientamento del sistema fognario ed il prelievo ipolimnico e nelle sue Macroazioni sta producendo buoni risultati che apprezziamo molto.
Come Europa Verde alcuni nostri amministratori hanno partecipato e partecipano attivamente a questo importante progetto di rigenerazione.
Restiamo però molto perplessi e preoccupati per quella che sembra essere la destinazione che si intende dare al Lago ancora prima che queste operazioni di depurazione e risanamento saranno completate.
Abbiamo visto il materiale presentato nei giorni scorsi dall’Assessore regionale all’ambiente e, fermo restando l’apprezzamento e la condivisione per l’importante lavoro svolto dai tecnici, vogliamo manifestare la nostra apprensione per lo sbandieramento del tema test di balneabilità, del quale sinceramente non riusciamo a comprendere il senso e l’utilità se non in un’ottica di mero consenso politico.
Europa Verde è pronta a supportare le azioni di sviluppo sostenibile che si intendono progettare per il territorio, e pertanto vorremmo ricordare che il Lago di Varese è una ZSC (Zona Speciale di Conservazione) ed una ZPS (Zona di Protezione Speciale), ovvero un’area protetta appartenente alla Rete Natura 2000, il sistema europeo di difesa della biodiversità. Insieme alle ZSC limitrofe, Palude Brabbia, Lago di Biandronno e Lago di Comabbio, costituisce un’area umida di straordinaria importanza che, nonostante il suo inquinamento, è stato curato con passione dalle comunità locali e dai pescatori.
Riteniamo che anche per il futuro debba essere data priorità alle sue funzioni naturali, e che queste debbano essere tutelate in un progetto integrato di utilizzo sostenibile di questa importante risorsa naturale locale.
Da qualche anno si sta manifestando agli occhi di tutti la sofferenza del nostro pianeta:
riscaldamento globale e perdita di biodiversità, che generano squilibri, epidemie e gravi disagi per milioni di persone. Per il futuro del pianeta ed anche dell’uomo è vitale preservare la natura, soprattutto lì dove è più preziosa, come localmente nell’area umida con al centro il Lago di Varese.
Per Europa Verde il lago non deve essere principalmente valorizzato come risorsa turistica vista con gli occhi dell’uomo. Lo sviluppo ci può e ci deve essere è il benvenuto se piace e non lede dal punto di vista dell’ambiente.
Europa Verde Varese è impegnata per promuovere una visione futura del lago e delle aree limitrofe che sappia garantire, dopo tanti anni, il ripristino di un virtuoso rapporto tra l’uomo e l’ambiente, tutelando il tesoro di biodiversità che abbiamo la fortuna di avere”.
Europa Verde Varese

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui