Dopo mesi bloccati su una nave mercantile ormeggiata a Filadelfia, i marinai ucraini finalmente toccano terra

0
334
L'equipaggio bloccato a Filadelfia (Tyger Williams/The Philadelphia Inquirer/TNS)

FILADELFIA (USA), 21 aprile 2022-I sette marinai ucraini che sono rimasti bloccati su una nave mercantile attraccata a Filadelfia quando la Russia ha invaso il loro paese sono stati finalmente autorizzati a scendere a terra, nell’abbraccio della comunità ucraina di Filadelfia.

Secondo Iryna Mazur, avvocato di Filadelfia e console onorario dell’Ucraina, i marittimi hanno lasciato la nave mercoledì mattina e hanno ricevuto il permesso presso l’ufficio della dogana e della protezione delle frontiere degli Stati Uniti nella Città Vecchia di rimanere nel paese mentre la loro patria è in guerra.

Gli uomini erano stati precedentemente risparmiati dalla probabile detenzione.

Per nove mesi, una settimana e quattro giorni, il capitano Gennadiy Shevchenko e il suo equipaggio erano stati confinati sulla nave mercantile Ocean Force, una nave da carico lunga 348 piedi e larga 66 piedi attraccata prima nel Delaware e da febbraio nel sud Filadelfia, al molo 82. Stavano effettuando la manutenzione e mantenendo la nave in funzione mentre gli avvocati cercavano una soluzione per il loro futuro.

Da quando i russi hanno invaso l’Ucraina il 24 febbraio, più di 4,9 milioni di ucraini sono

Il capitano Gennadiy Shevchenko

fuggiti dal loro paese. L’amministrazione Biden ha accettato di accogliere 100.000 ucraini. “Gli uomini della Ocean Force rimarranno in residenze private intorno a Filadelfia, ha detto Mazur”  unendosi a circa 60.000 emigrati e persone di origine ucraina, una delle più grandi comunità ucraine della nazione.

“Tutto è pronto, ci stiamo preparando per tutti coloro che verranno qui”, ha detto Roman Zhukov, un volontario del console ucraino.

Gli uomini hanno seguito le notizie di guerra dalla loro nave. Dicono di aver perso degli amici, ma non dei familiari.

Il nostromo Sergiy Kuzhbarenko, 53 anni, ha una figlia di cinque anni e mezzo a Mariupol, la città dilaniata dalla guerra nel sud-est dell’Ucraina dove, secondo il suo sindaco, sono stati uccisi più di 10.000 civili.

Gli manca la sua casa “del cuore”, ha detto Kuzhbarenko tramite il capitano, che ha tradotto per molti membri dell’equipaggio.

L’aiuto è arrivato da Barbara Shipley dell’International Transport Workers’ Federation, del Seamen’s Church Institute, Mazur e da J. Stephen Simms, un avvocato marittimo di Baltimora, che hanno lavorato per garantire che l’equipaggio ricevesse lo stipendio arretrato: non hanno ricevuto nulla tra novembre e Marzo.

Secondo una causa intentata presso il tribunale federale del Delaware, il precedente proprietario del vettore di carico pesante ha terminato  i soldi. Il 1 marzo, la proprietà della nave è passata di mano e il nuovo capo ha pagato l’equipaggio per mantenere la nave in funzione fino ad ora, quando potrà essere rimorchiata per la riparazione nei Caraibi.

A marzo i membri dell’equipaggio hanno ricevuto i fondi che non erano stati pagati da novembre. Quel denaro li aiuterà a stabilirsi nella comunità ucraina di Filadelfia fino a quando non sarà più sicuro per loro tornare a casa. 

Nel frattempo, vogliono un lavoro, ha detto il loro capitano.

Ma non sanno se il loro status legale consentirà loro di lavorare qui. Sanno poco di ciò che li attende.

La figlia di Vitaliy Boyko ha compiuto 12 anni il 14 marzo. Per tutto quel giorno, il terzo ufficiale della nave è stato in grado di parlare con lei e sua moglie, ma essendo così lontano da loro lo piange. Guardare le notizie, vedere il suo paese in guerra, è straziante.

“La guerra è guerra. È sempre lo stesso. È sangue e lacrime”, ha detto il 53enne.

Una volta che avrà ottenuto un paio di giorni di riposo, Boyko spera di trovare lavoro e contribuire al paese in cui lo ha accolto, fino a quando non arriva la prima possibilità per lui di tornare dai suoi cari.

“Non rimarrò negli Stati Uniti per sempre”, ha detto. “Cosa farò? La mia famiglia è lì, io sono qui. Cercherò di guadagnare soldi e poi tornerò”. (fonte e foto  www.inquirer.com)

 

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui