Traffico illecito di gasolio proveniente dai Paesi Baltici: sequestrati 8 tank al terminal di Busto Arsizio

0
395
La Guardi di finanza controlla un tank

VARESE, 4 luglio 2022-Nell’ambito del piano di controllo economico del territorio, i finanzieri del Comando Provinciale di Varese hanno intercettato un traffico illecito di prodotti petroliferi provenienti dai Paesi Baltici in totale evasione di imposta: oltre 256.000 litri di gasolio trasportato in 8 tank-container.

In particolare, nel corso di un controllo sulla regolare circolazione delle merci, le fiamme gialle bustocche hanno individuato un autoarticolato privo dei previsti pannelli che identificano, segnalandone la pericolosità, il prodotto trasportato. La successiva verifica ha constatato l’assenza di qualsivoglia documento di trasporto. Una preventiva analisi del liquido trasportato, eseguita speditivamente sul posto, ha consentito di accertare che il prodotto era gasolio.

Le conseguenti indagini, svolte nell’immediatezza del fermo, hanno fatto emergere che il container sottoposto a sequestro faceva parte di una maxi spedizione, per complessivi  8 tank, provenienti da paesi dell’Unione Europea (Lettonia e Lituania),giunti su rotaia e giacenti presso il terminal intermodale di Busto Arsizio, privi di documentazione o con C.M.R. (lettera di vettura internazionale) attestante il trasporto di oli lubrificanti non destinati a usi di combustione e carburazione, aggirando quindi i previsti obblighi di circolazione, in assoluta evasione di accisa.

Pertanto, sono stati sottoposti a controllo i rimanenti 7 tank container, in relazione ai quali si è constatata, da un lato, la presenza all’interno degli stessi di prodotto petrolifero che, anche in questo caso, aveva le caratteristiche del gasolio destinabile ad uso autotrazione sempre in evasione delle accise nonché, dall’altro, gravi carenze nella documentazione che doveva accompagnare il prodotto per consentirne la regolare circolazione sia tra Stati membri che all’interno del territorio nazionale.

Si è provveduto, quindi, al sequestro del citato prodotto petrolifero, per oltre 250.000 litri, nonché dei mezzi utilizzati per il trasporto degli stessi e alla denuncia a piede libero di 2 soggetti, il conducente dell’autoarticolato e la “staffetta” dello stesso, due cittadini italiani di origine campana. Inoltre, significativa è la stima della relativa accisa sottratta a tassazione, che ammonta a oltre 94.000 euro.

L’operazione di servizio ha consentito anche questa volta di rimuovere dal mercato una rilevante quantità di carburante illegale che per caratteristiche fisiche e chimiche non conformi agli standard avrebbe arrecato grave nocumento sia ai mezzi degli ignari automobilisti, sia alla salute pubblica. E per di più, il prodotto, venduto in totale evasione fiscale, avrebbe arrecato un ingente danno all’erario ed agli operatori corretti attivi nello specifico settore commerciale, già duramente colpito dai rincari delle materie prime dovuti alla congiuntura internazionale.

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui