Varese, scarcerato aggredisce poliziotto durante accompagnamento per rimpatrio: provvidenziale l’uso del taser

0
526

VARESE, 9 luglio 2022-Era partito come un tranquillo servizio quello che ieri mattina avrebbe dovuto terminare con l’imbarco sull’aereo per il Marocco di uno straniero appena scarcerato.

Invece il soggetto ha fatto il bravo sino all’arrivo a Linate ma, alla vista dell’aeroporto, non è sembrato gradire la forzosa vacanza a costo zero impostagli verso il proprio paese e ha pensato bene di farlo capire aggredendo gli agenti della Questura di Varese che lo avevano traportato comodamente sul sedile posteriore dell’Alfaromeo fino allo scalo aeroportuale milanese.

Il marocchino ha tentato la fuga e per poterla mettere in atto ha aggredito i poliziotti che nel tentativo di contenerlo hanno riportato lesioni e un evidente morso all’avambraccio.

Gli operatori feriti, aiutati dai militari del servizio “strade sicure” sono riusciti a rimettere

Paolo Macchi segretario Siulp

l’esagitato sulla vettura di servizio che, una volta messosi comodo sul sedile posteriore ha deciso di deformare la portiera e sfondarne i vetri con ripetuti calci nel nuovo tentativo di procurarsi la fuga.

«E’ andato in onda un film che ormai ben conosciamo»-commenta Paolo Macchi il segretario del Siulp di Varese- «che tanto appassiona i cellulari di viaggiatori e passanti che non perdono occasione di filmare la disperazione e l’aggressività di taluni contrapposta all’impotenza di noi forze dell’ordine che, in assenza dei giusti strumenti e delle irrinunciabili tutele ormai e aggiungo giustamente non usiamo nemmeno più la forza poiché ogni azione finisce per rivoltarsi contro di noi».

A quel punto solo il sopraggiungere della squadra volante meneghina, dotata delle fasce per l’immobilizzazione degli arti e del taser ha consentito di scongiurare ben più gravi lesioni sia per lo straniero che per i poliziotti traendo in arresto il soggetto per la resistenza le lesioni e i danneggiamenti.

Chiosa Macchi, «non si può più attendere ed il Dipartimento deve accelerare vertiginosamente la distribuzione del Taser che sempre più spesso dimostra la sua straordinaria utilità che non può essere riservata ad un operatore su due delle volanti bensì deve entrare nel cinturone di ogni poliziotto che debba svolgere servizio in divisa o in abiti civili ed anche a quello impegnato nei corpi di guardia, nelle stazioni, sui treni, negli aeroporti e sulle strade ed autostrade» ed ironicamente il Segretario del principale Sindacato di Polizia conclude aggiungendo che «se gli avessero dato ascolto da oltre 15 anni la Polizia conterebbe già quello strumento e avrebbe ridotto la lunga lista di aggressioni e di lesioni da entrambe le parti».

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui