Al giornalista varesino Franco Giannantoni la cittadinanza onoraria di Favara per libro su Calogero Marrone

0
403
Franco Giannantoni

VARESE, 17 settembre 2022-Dopo l’assegnazione a Calogero Marrone della cittadinanza onoraria da parte dell’Amministrazione comunale di Favara, altri due riconoscimenti sono andati agli scrittori e giornalisti Franco Giannantoni e Ibio Paolucci, autori del libro “ Un eroe dimenticato”.

Il libro racconta la storia di Calogero Marrone, il “Perlasca” di Favara, che ha salvato centinaia di vite umane, soprattutto ebrei e antifascisti, durante l’occupazione nazifascista di Varese.

Con delibera della giunta comunale n. 64 de 02.08.2022, il Comune di Favara, su richiesta esplicita del presidente dell’Istituto Studi e Ricerca Calogero Marrone, Rosario Manganella e del presidente dell’Associazione Nazionale Partigiani di Italia, Carmelo Castronovo, ha conferito agli scrittori e giornalisti Franco Giannantoni e Ibio Paolucci (in memoria) il “Premio Benemerenza Città di Favara”.

Con questa deliberazione si riconosce il merito del loro lavoro, l’appassionata ricerca dei due studiosi che, con impegno e intelligenza, hanno reso possibile a noi e ai posteri di conoscere la storia di Marrone.

Non più un eroe dimenticato, ma uno di noi, uno che abbiamo conosciuto ed apprezzato e che, con un lavoro certosino, scuola per scuola, abbiamo fatto conoscere a migliaia di studenti, dalla materna alle secondarie di primo e secondo grado, all’università.

Molto probabilmente, senza la passione e l’impegno di Giannantoni e Paolucci questa storia sarebbe stata definitivamente sepolta.

Per il Sindaco Palumbo “si è trattato di un atto dovuto e poi non si poteva ignorare la richiesta dell’Istituto Marrone e dell’Anpi che hanno svolto un’intensa azione pedagogica con i dirigenti scolastici, i docenti e gli alunni delle scuole favaresi”.

“Con le due Associazioni – continua il primo cittadino -abbiamo anche collaborato, in occasione dell’intitolazione di una Piazza importante all’Eroe favarese che condividiamo con la Città di Varese e con cui siamo legati da un gemellaggio”.

“Siamo molto felici – aggiungono Manganella e Castronovo- per il risultato ottenuto, ma, soprattutto per il meritato riconoscimento ai due autori, anche se non abbiamo avuto il piacere di conoscere personalmente Ibio Paolucci, deceduto a 91 anni nel 2017, e di cui stiamo ricercando qualche familiare o amico.

Con l’occasione riteniamo opportuno lanciare un appello a quanti da queste colonne ci possono dare una mano di aiuto.

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui