martedì, Febbraio 27, 2024
HomeSpettacoli e CulturaArteLa Loggia del Battistero di Varese riapre al pubblico dopo tre anni...

La Loggia del Battistero di Varese riapre al pubblico dopo tre anni di lavori: ” Luogo sacro importante sotto il profilo culturale”

VARESE, 18 febbraio 2023- di GIANNI BERALDO

Inaugurato questa mattina la rinnovata Loggia del Battistero di Varese situata nell’omonima e centralissima piazzetta concomitante con la Basilica di San Vittore, chiuso tre anni fa per motivi di sicurezza e ora riaperto al pubblico dopo importanti lavori non solo di restauro ma anche strutturali come richiedono le nuove norme che non esentano ovviamente beni artistici pur importanti come il Battistero di e

poca medioevale da sempre importantissimo punto di riferimento per tutta la pieve varesina. Lavori costati circa 30mila euro, con l’associazione la Fondazione Comunitaria Capofila, che hanno riportato la loggia (originariamente non presente) al suo antico splendore.

E di splendore e ammirazione ne suscita parecchio questa bellissima loggia dall’alto della quale si può ammirare il sottostante e stupefacente battistero restaurato diversi anni fa.

<<Progetto presentato a un bando organizzato della Fondazione Comunità del Varesotto

Particolare degli affreschi presenti nella loggia

che consisteva sostanzialmente in due cose: la messa in sicurezza e la pubblicazione di un volume dedicato al progetto>>, dice Carlo Mazza presidente di Italia Nostra Varese. 

Alla inaugurazione presente  Monsignor Luigi Panighetti prevosto di Varese <<Intervento nato tre anni fa da intuizione di Italia Nostra. Un risultato significativo che dà lustro a questo luogo sacro che diventa anche luogo di cultura e edificazione spirituale. Questo territorio contempla diversi patrimoni che andrebbero conosciuti. Ringraziamenti al Centro italiano Femminile che al momento della chiusura, ha contribuito in maniera significativa per il restauro della loggia del Battistero che oggi ha potuto riaprire in sicurezza>>.

In base ad accordo con la parrocchia varesina e Italia Nostra, la stessa si impegna a tenere aperto durante la settimana con diverse visite organizzate con il professore e docente universitario Andrea Spiriti a far da guida durante le visite organizzate in settimana.

<< Spesso in ogni occasione si declinano gli aspetti costituzionali facendo fatica a capirne il suo valore e grandezza. Con queste opere si sta dando concretezza all’articolo 9 della costituzione, sempre più la città di Varese sta riscoprendo il valore artistico che la città offre. L’apertura al pubblico di Palazzo Estense così come le visite al Bernascone hanno avuto un successo incredibile. Un ringraziamento a Italia Nostra e la riflessione che le istituzioni siano affiancate costantemente dalle associazioni in grado di dare anche stimoli importanti alle istituzioni e enti>>, dice il sindaco Davide Galimberti.

Intervista al professore Spiriti docente università dell’Insubria Varese

<< Battistero che ci lascia tanti interrogativi con affreschi di grande pregio rimasti ancora anonimi. E’ stata una questione di adeguamento anche per edifici storici

Carlo  Mazza presidente Italia Nostra Varese

come questo. Come risolvere queste cose?>>, sottolinea l’architetto Nessi della Sovraintendenza di Varese che aggiunge <<Un monumento ha sempre un valore culturale oltre che estetico, in questo caso si è deciso di non modificare il parapetto aggiungendo uno nuovo di vetro posto alle sue spalle, soluzione ideale con problema risolto bene>>.

Di buon esempio ne parla l’assessore alla Cultura Enzo Laforgia <<Buon esempio di cittadinanza attiva con soggetti uniti nel solco di quanto riporta la costituzione eredità culturale è il senso di stare insieme e riconoscerci in qui luoghi che ci rappresentano proprio come questo>>.

Intervento conclusivo (e non poteva essere diversamente) affidato al docente di Storia dell’Arte all’Insubria di Varese professore Andrea Spiriti, in grado di riassumere in pochi minuti storia e valenza artistica nonchè religiosa del Battistero, catturando l’attenzione del folto pubblico intervenuto all’inaugurazione, rallegrata anche dalle note din un giovane ensemble di musica classica che hanno introdotto la mattinata interpretando un brano di Bach.

Il Battistero con la sua loggia e presbiterio è davvero un complesso religioso, storico e artistico di stupefacente bellezza e ora riconsegnato alla città in tutto il suo splendore.

direttore@varese7press.it

 

 

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular