domenica, Giugno 16, 2024
HomeEconomiaPuntare alla formazione per il rilancio delle imprese a livello provinciale

Puntare alla formazione per il rilancio delle imprese a livello provinciale

LUINO, 18 aprile 2023-Non è solo politica e istituzionale. Passa anche dalla formazione la sfida per rilanciare le imprese del Nord della provincia di Varese, fortemente provate da un processo di desertificazione produttiva generato dalla fuga del personale in forza nelle aziende del comparto verso le imprese del Canton Ticino. Si tratta di un fenomeno non nuovo, spinto dall’importante differenziale degli stipendi tra un lato e l’altro del confine, che tuttavia negli ultimi anni ha assunto proporzioni sempre più importanti, a giudicare dal record dei 90mila frontalieri attualmente in forza in Confederazione Elvetica.

Il problema, sempre più pesante da affrontare e sopportare, è per le imprese italiane quello della perdita di talenti, in particolare giovani, con un’ottima qualifica professionale che, dopo qualche anno di apprendistato nelle realtà italiane, scelgono di sposare la causa del Ticino e di beneficiare di uno stipendio che, a fine mese, è a tutt’oggi difficile da paragonare nonostante gli sforzi al rialzo messi in atto dagli imprenditori dell’Alto Varesotto.

La fame di competenze è diventata, dunque, sostanziale, al punto da rendere difficile per taluni proseguire l’attività, i processi di sviluppo o i cambiamenti richiesti dalle imprese a monte della catena di fornitura. È dalla necessità di rispondere a questo bisogno che nasce la disponibilità di Its Incoma rispondere alle esigenze delle imprese del territorio per l’avvio di un percorso Ifts in apprendistato formativo per l’anno scolastico 2023/2024 finalizzato alla formazione di tecnici superiori di automazione e robotica.

«C’è la necessità di avvicinare giovani preparati alle nostre aziende e noi, insieme all’ITS INCOM, lo abbiamo fatto, portando il cuore formativo a Luino e inserendo nel percorso formativo molti imprenditori-docenti, affinché gli studenti possano apprendere il lavoro sin nel profondo della sua applicazione nel concreto di un’impresa» spiega il presidente di Confartigianato Varese, Davide Galli, che parla di «piccoli ma non insignificanti passi nella direzione di offrire finalmente una risposta a questa terra che da tempo non riceve che promesse, purtroppo legate alla congiuntura economica complessa ».

Conferma il presidente della Fondazione ITS INCOM Benedetto Di Rienzo: «C’è tutto un territorio non toccato, ad oggi, dalla formazione terziaria incentivante. Penso sia al Gaviratese che alla fascia lacustre di Arcisate e del Piambello così come al Luinese. Si tratta di territori ricchi di aziende alle quali non viene assicurata una formazione professionalizzante adeguata per i giovani che, ce lo confermano loro stesse, le aziende vorrebbero assumere».

Il corso si svolgerà a Luino e, a differenza dei corsi tradizionali, nei percorsi in apprendistato l’assunzione avverrà all’inizio del percorso. I partecipanti saranno a tutti gli effetti dipendenti a cui l’azienda offre l’opportunità di specializzarsi proseguendo nella formazione: 500 ore svolte in aula con professionisti del settore e 500 direttamente in azienda.

I partecipanti selezionati, verranno assunti direttamente dall’azienda con un contratto della durata di circa un anno, fino all’ottenimento del diploma di specializzazione finale. In questo periodo avranno l’opportunità di apprendere le competenze necessarie a ricoprire il ruolo, ricevendo una retribuzione proporzionale alle ore lavorate.

«L’apprendistato è la formula migliore (la più comune in Germania, ad esempio) per inserirsi nel mondo del lavoro senza rinunciare alla formazione specializzante, che verrà svolta sia in aula che on the job, parallelamente alle prime esperienze lavorative in azienda» è l’annotazione di Di Rienzo, che aggiunge: «Sono state le aziende a chiamarci, e noi abbiamo risposto, le abbiamo incontrate, abbiamo ascoltato i loro bisogni e stiamo andando avanti con l’obiettivo di non proporre un’azione formativa a sé stante, ma di dare continuità negli anni alla nostra presenza in questa area, così come ci è stato chiesto dalle stesse imprese e dal sindaco di Luino».

«Speriamo che le aziende sappiano cogliere l’importanza di questa opportunità che viene loro offerta, anche in considerazione del fatto che il percorso formativo viene pagato da Regione Lombardia, e che manifestino la propria disponibilità ad accogliere gli studenti che l’ITS INCOM sta raccogliendo» è l’appello di Davide Galli, il quale rimarca che la formazione è da sempre uno dei pilastri dell’azione che Confartigianato Varese ha avviato dal lontano 2017 per sensibilizzare il territorio provinciale, ma anche Regione e Governo, al problema della desertificazione economica.

«Il ministro dell’economia Giancarlo Giorgetti ha parlato recentemente di un Premio fiscale di Confine, che altro non è se non una forma di defiscalizzazione degli stipendi per i lavoratori dipendenti delle imprese di confine che dovrebbe entrare in funzione insieme all’Accordo Italo-Svizzero, ovvero dal 2024 – prosegue il numero uno di viale Milano – Al contempo si è profilata una novità, ovvero l’istituzione di un fondo per lo sviluppo delle fasce di confine, che a regime avrà un valore di più di 240 milioni di euro, e che ha l’obiettivo di far rimanere l’extragettito che deriverà dal nuovo Accordo relativo all’imposizione dei lavoratori frontalieri estendendone l’uso anche alla possibilità di rafforzare le buste paga dei lavoratori della fascia di confine che dovessero restare a lavorare in Italia».

Passi in avanti, ma a stretto giro le imprese hanno bisogno di ossigeno e, soprattutto, di lavoratori giovani e qualificati. Stavolta ci siamo, il progetto c’è e servono le imprese, «che devono crederci fino in fondo, così come ci crediamo noi».

Per informazioni e candidature: umberto.rega@asarva.org

 

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular