venerdì, Giugno 21, 2024
HomeRegioneDonazione Organi: presentata la mascotte 'Dono' che parla di rinascita alle nuove...

Donazione Organi: presentata la mascotte ‘Dono’ che parla di rinascita alle nuove generazioni

VARESE, 26 maggio 2023  Si chiama DONO e parla a bambini e ragazzi della bellezza, del valore del dono e della gioia di una vita che rinasce. Alla vigilia della fine dell’anno scolastico, AIDO Lombardia ha scelto un approccio completamente nuovo, che sfrutta la tecnologia e la comunicazione, per educare le nuove generazioni alla solidarietà attiva, grazie alla collaborazione di svariate scuole di ogni ordine e grado, coinvolgendo più di 1.600 classi per oltre 33mila studenti solo in Lombardia.

 DONO, la mascotte di AIDO Generation, è la protagonista della nuova campagna che AIDO Lombardia rivolge alle nuove generazioni per spiegare quanto donare sia la forma daiuto più vera che cè. Una campagna che impegna tutte le 12 sezioni provinciali attraverso veri e propri ambassador muniti di schede e guide, ma anche attraverso uno sticker pack per WhatsApp da scaricare e condividere con i propri contatti https://aidogeneration.it/qrcode. E a dialogare con DONO, sui perché della donazione, Ermanno Manenti, campione del mondo di ciclismo per atleti trapiantati.

Corrado ValliPresidente Aido Lombardia spiega: “Creare nuove occasioni per parlare a bambini e

Corrado Valli_Presidente AIDO Lombardia

ragazzi di donazione è fondamentale e le nuove tecnologie ci vengono in aiuto: i ragazzi sono pronti ad aiutare il prossimo, ma hanno bisogno di essere informati. Con l’aiuto di DONO, la mascotte di AIDO Generation, i ragazzi possono ascoltare testimonianze di volontari, medici e trapiantati per scoprire la bellezza del dono e la gioia di una vita che rinasce. La comunicazione è l’unica vera arma per sensibilizzare a compiere un gesto di grande umanità a favore della collettività e, in particolare, nei confronti delle persone in attesa di un trapianto. Dobbiamo stare dentro il nostro tempo, con intelligenza e passione, adottando linguaggi sempre nuovi per incrementare la donazione”.

Un obiettivo urgente, basti pensare che ogni anno, su 8.550 persone in attesa di un organo, ben 500 muoiono senza averlo ricevuto. Uno degli ostacoli principali resta l’opposizione al prelievo degli organi, in molti casi dovuta alla disinformazione, deliberata dalle persone prima del decesso oppure riportata dai familiari in ospedale: proprio per questa opposizione, si perde circa il 30% delle potenziali donazioni, impedendo ogni anno la realizzazione di almeno altri 2mila trapianti.

La mascotte DONO va ad aggiungersi a Digital AIDOla modalità digitale che permette ai cittadini di iscriversi ad Aido tramite sito e app AIDO, disponibile su App Store e Google Play. Digital Aido nell’anno 2022 ha registrato in Italia 20.453 iscritti, di cui circa il 30% in Lombardia a fronte di una popolazione che rappresenta il 15% di quella italiana. Il prossimo traguardo è di raggiungere e superare la soglia del 4% della popolazione lombarda.

 Un obiettivo da raggiungere attraverso una corretta informazione, affinchè il cittadino arrivi in anagrafe al momento del rinnovo o del rilascio del documento d’identità preparato e informato sulla possibilità di dare il proprio consenso alla donazione degli organi, indipendentemente dall’età anagrafica che non è un limite (come dimostrato lo scorso novembre dalla donatrice di cento anni, dieci mesi e un giorno, deceduta in Toscana).

 Infine, è possibile iscriversi all’AIDO e contestualmente manifestare il proprio consenso alla donazione di organi e tessuti, utilizzando la propria identità digitale SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) o un certificato di Firma Digitale come gestore di pubblico servizio. Di prossima implementazione anche l’utilizzo della firma CIE (Carta d’Identità Elettronica). La modalità digitale va ad aggiungersi a quella tradizionale dell’atto olografo.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular