giovedì, Aprile 25, 2024
HomeSpettacoli e CulturaArte“Splinter From the Storm”, inaugurata mostra d'arte contemporanea al Bible Lands Museum...

“Splinter From the Storm”, inaugurata mostra d’arte contemporanea al Bible Lands Museum di Gerusalemme

GERUSALEMME, 13 febbraio 2024-Una nuova mostra di arte contemporanea è stata inaugurata la scorsa settimana al al Bible Lands Museum di Gerusalemme.

“Splinter From the Storm”, questo il nome della mostra che riunisce le opere di 20 artisti.

La mostra ripercorre le profonde connessioni storiche e estetiche tra passato e presente, attraverso la combinazione di arte contemporanea e reperti antichi provenienti dalla collezione permanente del Museo.

“Splinter From the Storm” è curata da Noa Arad Yairi e comprende più di 40 opere di scultura, ceramica, fotografia, pittura e nuovi media di famosi artisti tra cui: Irit Abba, Judith Appleton, Noa Arad Yairi, Shir Ben Elul, Sara Benninga, Yael Boverman-Attas, Miri Garmizo, Chana Goldberg, Loti Gombosh, Caron Greenblatt, Michal Greenboim, Yael Ilan, Yaara Leiter, Shachar Levi, Cecilia Lind, Ariane Littman, Orna Millo, Shani Reches, Marleene Rubenstein e Yuval Yairi.

Molte delle opere presenti nella mostra sono già state esposte presso i Sam Spiegel Artists’ Studios di Gerusalemme nell’ambito del Manofim Contemporary Art Festival nel 2023.

Quando il Museo ha rimosso i suoi antichi e insostituibili manufatti dalla galleria principale per metterli al sicuro, dopo il 7 ottobre, è diventato rifugio per le famiglie sfollate, offrendo laboratori creativi con artisti e musicisti locali, nonché una scuola temporanea per bambini con bisogni speciali.

Il Museo ha da subito iniziato una collaborazione con artisti dei Sam Spiegel Studios che si sono offerti volontari a gestire laboratori artistici per gli sfollati.

Allestimento mostra Splinter From the Storm. (Crediti Dor Pazuelo)

“Grazie a questa collaborazione, ho visto le opere attuali degli artisti esposte e ho pensato che sarebbe stato interessante ospitare questi pezzi nello spazio vuoto della nostra galleria”, ha spiegato la dottoressa Risa Levitt, direttrice esecutiva del Bible Lands Museum. “Al posto di quelle preziose antichità, molte delle quali provenivano da periodi difficili della nostra storia antica, ora abbiamo espressioni della nostra realtà attuale, amplificando il passato nel momento presente”.

La dispersione delle opere contemporanee nelle gallerie permanenti del Museo crea un’improvvisa esperienza dirompente per i visitatori. Tra questi ci sono Black and Red Vase (2023) di Irit Abba; Tre corvi di Cecilia Lind (2023); e le sculture Tzurata di Shani Reches (2022).

“Esponendo queste nuove opere accanto a manufatti antichi, possiamo forse comprendere meglio il dolore provato molto tempo fa”, ha spiegato il dottor Levitt. “Abbiamo chiesto agli artisti di contribuire con pezzi che si collegassero al tumulto e all’atmosfera caotica sia prima sia durante la guerra”, ha spiegato la curatrice Arad Yairi. C’è un’immediatezza in termini di soggetto tale che gli artisti hanno selezionato materiali che si asciugano rapidamente: acquerello, acrilico, carta e hanno lavorato in gran parte con l’assenza di colore. Con poche eccezioni, la maggior parte è realizzata in nero e grigio, mentre alcuni hanno accenti di giallo o rosso. Molti dei pezzi riflettono un senso di urgenza: semplicemente non c’è tempo per l’olio su tela in questo tempo instabile. Dopo che ogni pezzo è finito, si passa a quello successivo”.

Altri pezzi riflettono chiaramente il dolore del 7 ottobre, tra cui le bende di tessuto e garza di Flag di Ariane Littman (2023); i disegni a grafite di Face of the Earth di Yael Boverman Attas (2023); e la scultura in gesso e polimero di Noa Arad Yairi, When Home Doesn’t Feel Safe Anymore (2023). Sebbene non tutte le opere siano state create in reazione alla guerra, spiega Arad Yairi, anche quelle create prima possono essere visivamente influenzate nella nostra mente dagli eventi traumatici a cui abbiamo assistito; uno stampo in gesso per un vaso di ceramica diventa la rappresentazione di un rifugio di cemento, e un dipinto di pareti nere ricorda una stanza bruciata.

“L’arte contemporanea intensifica le voci dell’antichità, in modo tale che la storia non è una reliquia polverosa, ma un filo vivente intessuto nel tessuto del presente”, ha osservato il dottor Levitt. “Il museo può essere un ponte attraverso l’abisso del tempo che ci collega al nostro passato e ci aiuta a capire come andare avanti nel futuro”.

Bible Lands Museum Jerusalem

Dal 1992, il museo è “un faro” di comprensione culturale e storica, trasportando i visitatori nel cuore delle terre bibliche: antico Egitto, Babilonia, Canaan, Assiria, Sumer, Persia, Grecia e Roma. La collezione permanente comprende ceramiche antiche, squisiti gioielli realizzati a mano, opere d’arte del lontano passato, sculture di straordinaria bellezza, affreschi e altri tesori inestimabili esposti in 20 gallerie. Il Museo offre una varietà di mostre speciali, programmi educativi, eventi culturali, visite guidate e conferenze e funge, anche, da spazio per conferenze professionali, seminari ed eventi privati.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular