martedì, Aprile 23, 2024
HomePolitica"Non riusciamo più a coltivare", incontro a Varese con rappresentanti agricoltori e...

“Non riusciamo più a coltivare”, incontro a Varese con rappresentanti agricoltori e presidente della Provincia

VARESE, 26 febbraio 2024– Il Presidente Marco Magrini ha incontrato stamattina i rappresentanti del movimento di agricoltori della provincia di Varese che ha aderito alla mobilitazione contro le politiche comunitarie nel settore agricolo.

“Non riusciamo più a coltivare” – è la frase degli agricoltori, alcuni di loro anche allevatori, che dà il via all’incontrodi stamattina – “Mai come in questo momento il settore in forte crisi ha il bisogno di un confronto e di un supporto dalle istituzioni. Bisogna lavorare in sinergia perché abbiamo bisogno di certezze e conferme”.

Il costo di produzione; la salvaguardia e la tutela dei prodotti del territorio; il contenimento della fauna selvaticache danneggia le coltivazioni, gli indennizzi per coprire i danni provocati; il consumo dimaterie prime e prodotti italiani rispetto a quelli provenienti dall’estero;il contrasto della diffusione sul mercato di cibi sintetici;il costo del gasolio e la riqualificazione della figura dell’agricoltore sonostati gli argomenti principali discussi durante l’incontro.

Il presidente Magrini si confronta con rappresentanti agricoltori

“Dobbiamo essere consapevoli che l’agricoltura è fondamentale per la tutela dell’ambiente e che l’agricoltore ne è il primo custode. Bisogna sostenere l’agricoltura e riconoscere il ruolo dell’agricoltore di tutore dell’ambiente e del mangiare sano – afferma il Presidente Magrini, che aggiunge – Provincia è a fianco degli agricoltori e la nostra è una posizione di sostegnoconcreto tramite l’inserimento di questi temi nel prossimo piano territoriale della Provincia.L’erroreè stato fatto con la Legge Delrio portandol’agricoltura e la caccia a livello regionale. Sono problematiche che, invece, fanno riferimento realtàlocali, diverse da provincia a provincia, che vanno gestite a livello provinciale dove c’è più consapevolezza dei problemi del territorio”.

Un’altra riflessione condivisa dal Presidente Magrini è l’evoluzione della figura dell’agricoltore, un cambiamento epocale che lo ha portato a diventare imprenditore. Tema che si aggancia all’aspetto della formazione che permette di acquisire nuove competenze, di rimanere competitivi e di agevolare il passaggio generazione facendo largo ai giovani. Non da ultimo, il tema dell’energia sostenibile a supporto del loro operato.

“Sta aumentando il turismo nella nostra provincia, soprattutto quello sostenibile. Il nostro territorio sa offrire un’esperienza di benessere grazie alla presenza di ciclopedonali,arte, cultura, possibilità di praticare diversi sport all’aria aperta e consumareprodotti enogastronomici di qualità.Questo tipo di turismo trova supporto nelle attività dell’agricoltura a tutela dell’ambiente ambiente e del mangiare sano. Avvicinando anche i giovani, con idonea formazione. Provincia sta dalla parte del territorio e dell’ambiente – afferma il Presidente– io da Presidente sono al vostro fianco”.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular