venerdì, Giugno 21, 2024
HomeCronache nazionaliNasce la cartella sanitaria elettronica consultabile in tutti gli stati membri della...

Nasce la cartella sanitaria elettronica consultabile in tutti gli stati membri della UE

VARESE, 26 aprile 2024- Nasce la cartella sanitaria elettronica consultabile in tutti gli Stati membri  dell’Unione Europea.

La norma, provvisoria, deve ancora essere approvata dal Consiglio Eu. Una volta pubblicata nella Gazzetta ufficiale, entrerà in vigore venti giorni dopo. Il regolamento si applicherà due anni dopo, con alcune eccezioni, tra cui l’uso primario e secondario delle categorie di dati, che si applicheranno 4 o 6 anni dopo, in base alla categoria

La raccomandazione relativa a un formato europeo di scambio di cartelle cliniche elettroniche mira a facilitare l’interoperabilità transfrontaliera delle cartelle sanitarie elettroniche nell’UE. Lo fa sostenendo i paesi dell’UE nei loro sforzi per garantire che i cittadini possano accedere in modo sicuro e scambiare i loro dati sanitari ovunque si trovino nell’UE.

Il formato di scambio elettronico delle cartelle cliniche aiuterà i cittadini ad accedere rapidamente e a condividere i loro dati sanitari con gli operatori sanitari. Ad esempio, quando si consulta uno specialista o riceve cure di emergenza in un altro paese dell’UE.

Accesso sicuro ai dati sanitari

Consentire ai cittadini di accedere in modo sicuro e condividere i propri dati sanitari a livello transfrontaliero è una delle priorità della comunicazione sulla trasformazione digitale della sanità e dell’assistenza.

Il regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) sottolinea che i cittadini hanno il diritto di accedere ai propri dati personali e fornisce il quadro giuridico per la protezione dei dati personali. Stabilisce norme direttamente applicabili al trattamento dei dati personali delle persone fisiche, compresi i dati sanitari. Le norme per facilitare l’accesso a un’assistenza sanitaria transfrontaliera sicura e di alta qualità sono disciplinate dal GDPR sui diritti dei pazienti nell’assistenza sanitaria transfrontaliera.

Vantaggi dell’accesso alle cartelle cliniche elettroniche

In una consultazione pubblica sulla salute digitale, gli intervistati hanno riconosciuto le differenze tra gli EHR come uno dei principali ostacoli allo scambio di dati sanitari e alla promozione della salute e dell’assistenza digitali in Europa. Attualmente, la maggior parte dei cittadini non può accedere facilmente ai propri dati sanitari elettronicamente attraverso le frontiere.

Un migliore accesso ai dati sanitari a livello transfrontaliero migliorerà la qualità e la continuità dell’assistenza offerta ai cittadini. E ciò porterà a una riduzione dei costi sanitari. Ad esempio, sradicando l’inutile duplicazione di test e procedure mediche.

La Raccomandazione

La raccomandazione stabilisce un quadro per l’ulteriore sviluppo di un formato di scambio europeo dei diritti umani che consenta ai cittadini di accedere in modo sicuro e di scambiare i propri dati sanitari a livello transfrontaliero nell’UE. Delinea una serie di principi che dovrebbero governare questo scambio e un processo di ulteriore sviluppo, monitoraggio e revisione. Stabilisce inoltre una serie di specifiche tecniche comuni per lo scambio transfrontaliero di dati.

La raccomandazione sottolinea che il passaggio a EHR interoperabili nell’UE dovrebbe andare di pari passo con la garanzia della protezione e della sicurezza dei dati in linea con il GDPR e nel pieno rispetto del quadro in materia di cibersicurezza.

È previsto un processo di coordinamento congiunto che coinvolga i paesi dell’UE e la Commissione al fine di sostenere l’ulteriore elaborazione del formato di scambio europeo dei diritti umani. Questo processo coinvolgerà anche tutte le parti interessate, comprese le organizzazioni professionali sanitarie, i centri di competenza nazionali, gli attori del settore e i gruppi di pazienti e altre autorità dell’UE e nazionali.

Lo sfondo

La presente raccomandazione si basa su diverse iniziative e progetti presentati dalla Commissione e dai paesi dell’UE nei loro sforzi volti a facilitare lo scambio transfrontaliero di dati sanitari nell’UE.

I lavori sulle specifiche tecniche per lo scambio di dati sanitari sono stati svolti nell’ambito dell’infrastruttura di servizi digitali per la sanità elettronica (eHDSI), che è attuata dalla Commissione e dai paesi dell’UE attraverso il programma del meccanismo per collegare l’Europa (CEF).

L’eHDSI collega i punti di contatto nazionali di eHealth consentendo loro di scambiare due serie di dati sanitari: riepiloghi dei pazienti e ePrescrizioni. I primi scambi si sono svolti tra Estonia e Finlandia nel gennaio 2019. Si prevede che ventidue paesi dell’UE si scambieranno tali informazioni sanitarie entro il 2021. La presente raccomandazione si basa sull’ulteriore sviluppo dell’eHDSI e contribuisce all’ulteriore sviluppo, facilitando l’interoperabilità a livello dell’UE e lo scambio di cartelle cliniche elettroniche complete.

Nell’ambito del progetto Smart Open Services for European Patients (epSOS), un progetto pilota su larga scala finanziato dalla Commissione, epSOS ha testato la condivisione transfrontaliera dei riassunti dei pazienti e delle prescrizioni elettroniche e con il sostegno del  progetto EXPANDha aperto la strada alla diffusione dell’eHDSI.

Una serie di altri progetti sostenuti dalla Commissione, come Antilope e HITCHsono stati anche fondamentali per lo sviluppo del quadro europeo di interoperabilità raffinato per la sanità elettronica.

Le informazioni sanitarie su casi specifici possono attualmente essere scambiate a livello transfrontaliero attraverso una delle 24 reti tematiche di riferimento europee (ERN). Queste reti consentono a pannelli virtuali di medici di diagnosticare e trattare pazienti affetti da malattie rare, complesse e a bassa prevalenza.

Circa 900 unità sanitarie altamente specializzate situate in circa 300 ospedali di 25 Stati membri (più Norvegia) partecipano alle ERN. Gli individui non hanno accesso diretto a queste reti. I fornitori di assistenza sanitaria indirizzano i pazienti alla rete pertinente, con il loro consenso e in conformità con le norme sui sistemi sanitari nazionali.

redazione@varese7press.it

 

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular