domenica, Giugno 23, 2024
HomePoliticaReguzzoni smonta Vannacci: "Politicamente inconsistente, ha una visione retrograda della società che...

Reguzzoni smonta Vannacci: “Politicamente inconsistente, ha una visione retrograda della società che mette i brividi”

VARESE, 30 aprile 2024-«È sconfortante che si continui a regalare a Roberto Vannacci questa vetrina mediatica. Penso che la sua sia una visione della società ampiamente superata, caratterizzata da un pensiero retrogrado, in cui la donna è custode del focolare e i giovani sono da crescere come fossero in caserma. In più fa dichiarazioni che mettono i brividi». Così Marco Reguzzoni, candidato da indipendente nelle liste di Forza Italia alle Europee.

«Il generale – prosegue – è un personaggio politicamente inconsistente la cui notorietà è destinata a sgonfiarsi subito dopo le elezioni. Però in questo momento fa comodo illudersi che possa portare voti da un elettorato superficiale, che si affida a un uomo che si atteggia a “forte” ma che non dà alcuna indicazione su come affrontare i problemi della nostra epoca».

Concetti già espressi mesi fa, quando Reguzzoni aveva dato alle stampe il suo libro “Vento di cambiamento”. «Avevo cercato di alzare il livello della riflessione e di spiegare che il centrodestra non poteva lasciare che la posizione del generale venisse identificata come quella di uno schieramento molto più complesso e ben diverso da lui. Le parole di Vannacci invitano a un costante balzo all’indietro, senza indicazioni di soluzioni ai problemi. Molti luoghi comuni, nessuna proposta. Non avrebbe dovuto intitolarlo “Il mondo al contrario”, ma “Il mondo all’indietro”».

Intanto oggi Matteo Salvini lancerà il suo nuovo libro: «Ho letto che lo presenterà con il generale al suo fianco e penso non sia affatto un caso che abbiano scelto un titolo simile: “Controvento”, dopo “Il mondo al contrario”. Sembra che apprezzino stare “contro”. D’altronde è lo stile che la Lega ha scelto per i suoi europarlamentari, tenendoli a fare opposizione, raccogliendo spesso un giusto malcontento ma senza poter realizzare soluzioni alternative e risultati pratici. Tutte scelte legittime – come legittimo è candidare il generale – ma inconcludenti».

Infine, una risposta a chi lo accusa di incoerenza per la candidatura con Forza Italia dopo essere stato un punto di riferimento della Lega: «I miei valori di riferimento sono gli stessi di allora. Parlo di federalismo, di liberismo, della necessità di essere più vicini all’Europa e più lontani dal centralismo statalista, così come dell’attenzione per il mondo del lavoro e delle imprese. La Lega in cui militavo – e di cui non ho la tessera da dodici anni – semplicemente non esiste più».

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular