giovedì, Giugno 20, 2024
HomeMilano"La linea 73 non si tocca": a Milano battaglia-simbolo di un movimento...

“La linea 73 non si tocca”: a Milano battaglia-simbolo di un movimento di protesta contro i tagli dei mezzi di superficie

MILANO, 1 Maggio 2024-La ormai famosa lotta del comitato “La 73 non si tocca” che riunisce comitati del Municipio 4 (viale Corsica, corso XX Marzo) ed altri (Novegro, Peschiera Borromeo, San Bovio) per il ripristino della linea 73 sta diventando la battaglia-simbolo di un movimento di protesta contro il depotenziamento dei mezzi di superficie che coinvolge un numero crescente di comitati e gruppi di cittadini attivi del Milanese.
E così sabato 4 maggio mattina l’assemblea con flash-mob finale indetta dai “comitati per la 73” dalle 10 in poi presso la grande sala di via Kolbe 5 vedrà anche la partecipazione di nuovi comitati e gruppi di quartiere. Anche questi, con proprie proteste e petizioni, si stanno opponendo ai tagli ai mezzi di superficie, sia i tagli di linee e di tratte di percorso, sia i tagli alla frequenza delle corse, questi ultimi responsabili delle lunghe attese alle fermate che tanti milanesi stanno sperimentando da mesi.
A febbraio Sonia Rosa Ferrari del Comitato Basmetto di Gratosoglio ha pubblicato nell’area “Partecipazione” del portale del Comune di Milano una petizione per cancellare la riduzione delle corse di ben 31 linee di superficie attuata da ATM con la cosiddetta “rimodulazione del servizio” di novembre 2023. Le linee interessate sono quelle di stretto interesse per il quartiere Basmetto (79, 3, 15) ed altre 28 linee cittadine: 41, 42, 51, 52, 60, 81, 82, 1, 10, 14, 47, 50, 58, 74, 78, 85, 325, 34, 45, 54, 62, 65, 66, 84, 90/91 2, 19, 24.
Alla data del 24 aprile le firme raccolte erano 175 su carta e 325 online, su 1000 necessarie perché il Comune prenda in considerazione l’istanza. Da qualche giorno però la petizione online (che può essere firmata solo chi possiede lo SPID) ha ricominciato a correre, balzando a 450 firme, grazie alla spinta del comitato Lambrate-Rubattino Riparte e altri comitati e gruppi Facebook del Municipio 3, i cui residenti da luglio 2023 stanno sperimentando i disagi connessi al taglio delle linee 54 e 75, la prima accorciata da piazza Duomo a piazzale Dateo, la seconda soppressa e sostituita dalla 54 barrata nella tratta da Lambrate FS fino a Cascina Gobba.
La linea 54 accorciata e “rimodulata” non risponde più alle esigenze di spostamento delle popolose periferie di Lambrate-Rubattino, Feltre, Cimiano, Crescenzago, dove i cittadini lamentano lunghissime attese alle fermate. A Crescenzago, oltre 600 residenti hanno sottoscritto una petizione per chiedere conto dei ritardi della 54 barrata, che arrivano anche a 30 minuti. Si sono sentiti rispondere da ATM che “si scusano ma non hanno personale, mancano 300 autisti. E i ritardi continuano” riferisce Raffaella Jona della Antica Cartoleria di Crescenzago che ha raccolto le firme.
Anche molti abitanti di Città Studi, quartiere più centrale del Municipio 3, non hanno proprio digerito lo spostamento del capolinea della 54 da piazza Duomo a piazzale Dateo, che costringe anziani e altre categorie fragili ad un cambio particolarmente complicato con la linea 61 o con la M4.
“A Lambrate e Città Studi i residenti chiedono da tempo di lanciare una petizione per il ripristino del capolinea della 54 in Duomo” riferisce Adriana Berra, attivista fondatrice dei comitati “Lambrate-Rubattino Riparte” e “Che ne sarà di Città Studi?”. “Ma l’esperienza dei comitati che si battono per il ripristino della 73 non è incoraggiante: nonostante le migliaia di firme raccolte, le loro manifestazioni in piazza molto partecipate, la loro straordinaria determinazione, il ripristino della 73 annunciato da mesi non è ancora realtà”.
“Prima di metterci in concorrenza con la loro battaglia – continua Adriana Berra – noi utenti della 54 vogliamo capire se il problema a monte dei tagli è davvero la carenza di 300 autisti dichiarata da ATM, e se le annunciate assunzioni autunnali serviranno a risolverlo. All’assemblea di sabato 4 maggio ci sarà anche una rappresentanza degli autisti ATM, e alcuni attivisti dei comitati condivideranno informazioni importanti sugli accordi tra Comune di Milano e ATM, e su ulteriori riduzioni del servizio di superficie già avvenute, di cui i Milanesi non sono consapevoli”.
“Tantissimi cittadini si lamentano dei tagli delle linee e delle attese dei mezzi ma pochi sanno cosa sta succedendo veramente. Partecipare all’assemblea di sabato 4 maggio è importante per informarsi e mettersi in rete con altri gruppi di cittadini che subiscono la stessa situazione. L’assemblea infatti lancerà anche un coordinamento per una grande manifestazione cittadina per chiedere, tutti insieme, il ri-potenziamento della rete dei mezzi di superficie a Milano. La mobilità è un diritto, come la salute e l’istruzione: i Milanesi devono reclamarlo!”, conclude Adriana Berra.
A marzo, anche alcuni comitati del Municipio 2 si sono fatti avanti con una petizione, significativamente intitolata “Greco-Gioia-Cagliero, quartieri senza autobus. Rivediamo le linee 42-43-81-87!” lanciata sulla piattaforma Change.org e indirizzata all’Assessora alla Mobilità del Comune di Milano, Arianna Censi. Oltre 1000 sottoscrittori le hanno chiesto un incontro per trovare soluzioni alle lunghe attese dei mezzi citati che, si legge nel testo, “non mantengono la frequenza promessa da ATM”. Anche in questo caso si parla di attese che si attestano tra i 30 e i 40 minuti “danneggiando soprattutto i soggetti più deboli, anziani e donne con bambini”. “Sconcerta che in un periodo storico in cui giustamente la mobilità sostenibile è al centro degli interessi di ogni politica illuminata, si lascino interi quartieri in balia della scelta tra non muoversi e usare l’auto”, si legge tra l’altro nella durissima petizione.
Sconcerto condiviso da sempre più cittadini. Milano Green City invita ad abbandonare le auto, ma abbandona i cittadini alle fermate degli autobus.
RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular