giovedì, Giugno 20, 2024
HomeSpettacoli e CulturaOmaggio a Puccini alla Fiera del Libro di Rabat, in Marocco

Omaggio a Puccini alla Fiera del Libro di Rabat, in Marocco

VARESE, 9 maggio 2024-La musica e la vita di Giacomo Puccini, a cento anni dalla sua morte, saranno celebrati anche in Marocco, a Rabat, nel corso della Fiera Internazionale dell’Editoria e del Libro, Salon International de l’Édition et du Livre – “SIEL”– Edizione 2024. Sabato 11 maggio 2024, all’interno del Padiglione “Lo Stupore della Cultura Italiana” del SIELl’Ambasciata d’Italia nel Regno del Marocco, l’Istituto Italiano di Cultura di Rabat e il CIDIM (Comitato Italiano Nazionale Musica), propongono due appuntamenti per ricordare il grande e indimenticato compositore italiano scomparso cento anni fa.

 Alle ore 16 sarà presentata alla presenza della Dott.ssa Laura Moro Direttrice editoriale musica classica Edizioni Curci e del Vicepresidente del CIDIM Francescantonio Pollice la versione italiana del fumetto Io sono Giacomo Puccini di P. Alessandro Polito e Laura PederzoliEdizioni Curci, collana Curci Young. Un testo adatto ai bambini a partire dai sette anni che racconta la vita e il genio dell’autore di ToscaMadama Butterfly e La Bohème. Il fumetto raccoglie un’accurata selezione di illustrazioni, frutto di un’appassionata ricerca iconografica, e attraverso una playlist online di brani scelti offre la possibilità di conoscere a fondo l’artista.

Il libro è già disponibile nelle librerie, oltre che in lingua italiana, anche in inglese (I am Giacomo Puccini) e, grazie alla partecipazione della Direzione Generale per la diplomazia pubblica e culturale del MAECI, in francese (Je suis Giacomo Puccini).

In questa occasione sarà lanciata la versione araba la cui traduzione è stata affidata al prof. Nabil Mada.

 Alle ore 18 si terrà, sempre all’interno del Padiglione, un concerto promosso da CIDIM, dal titolo ‘Omaggio a Puccini’, con un programma musicale interamente a lui ispirato, che comprende, tra l’altro, alcune fra le più iconiche melodie tratte da La Bohème e Turandot. L’esecuzione è affidata a tre artisti di grande livello anche se molto giovani: il soprano Gesua Gallifoco, il tenore Giuseppe Michelangelo Infantino e il pianista Alessandro Zilioli.

 «Abbiamo scelto di tradurre l’originalità di questo fumetto anche in lingua araba con l’intento di allargare la conoscenza di Giacomo Puccini a un mondo nuovo ma a noi vicino, e di celebrarne l’immensa bravura nel corso di un appuntamento dal respiro internazionale, come la Fiera Internazionale dell’Editoria e del Libro di Rabat. Il matrimonio tra la scrittura e la musica è uno strumento efficace per fare cultura ed esportare la cultura italiana nel mondo, e la straordinaria sinergia tra l’Istituto Italiano di Cultura di Rabat, il CIDIM e l’Ambasciata d’Italia nel Regno del Marocco ci ha permesso di dare vita a un evento unico, la presentazione del libro e poi il concerto, dimostrando ancora una volta la vivacità intellettuale e artistica del nostro Paese», commenta Carmela Callea, Direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura a Rabat.

 «Siamo particolarmente orgogliosi di questo rapporto, oramai solido e basato su tanta passione e competenza con l’Istituto Italiano di Cultura di Rabat e l’Ambasciata d’Italia nel Regno del Marocco. Torniamo infatti a lavorare insieme con un progetto ambizioso che vede interprete e primo attore a Rabat, il grande Giacomo Puccini: un autentico talento della musica italiana che tutto il mondo celebra quest’anno in occasione del centenario della sua morte», spiega Francescantonio Pollice, Vicepresidente del CIDIM e Presidente di AIAM, Associazione Italiana Attività Musicali.

 «La musica di Giacomo Puccini – commenta Laura Moro, Direttrice editoriale Musica Classica di Edizioni Curci – è patrimonio nazionale della cultura italiana. Nella classifica delle dieci opere più rappresentate al mondo ben tre sono del compositore toscano: La BohèmeTosca e Madama Butterfly. Celebrare questo grande musicista italiano nel centenario della morte per Edizioni Curci significa anche promuoverne la conoscenza tra le giovani generazioni».

 

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular