giovedì, Aprile 25, 2024
HomeRegionePresunti dati falsati dalla Regione Lombardia per consentire aperture anticipate, la denuncia...

Presunti dati falsati dalla Regione Lombardia per consentire aperture anticipate, la denuncia di Codacons

MILANO, 29 maggio 2020-Accuse pesantissime quelle che la Fondazione Gimbe (associazione senza fine di lucro, che ha lo scopo di favorire la diffusione e l’applicazione delle migliori evidenze scientifiche al fine di migliorare la salute delle persone e di contribuire alla sostenibilità di un servizio sanitario pubblico) lancia alla Regione Lombardia con le parole del proprio Presidente Nino Cartabellotta.
La Regione “aggiusterebbe” i dati che vengono comunicati, per esempio inserendo in un unico dato dimessi e guariti. Mentre per i dimessi non si conosce il loro status di guarigione clinica o virologica, e in che modo i “positivi” rimangano in isolamento domiciliare.
Mancherebbe anche una vera e propria condivisione dei dati, infatti, secondo Cartabellotta, la Regioni non renderebbe disponibile i dati in formato “open” come fanno altre Regioni.
I rischi di una riapertura dei confini regionali per Lombardia, Piemonte e Liguria potrebbero essere molto alti, in queste Regioni si verifica, infatti, la percentuale più elevata di tamponi positivi ed il maggiore incremento di nuovi casi.
Sulla vicenda interviene Codacons: “Riaprire ora Lombardia, Piemonte e Liguria sarebbe irresponsabile. Non si possono trattare situazioni così diverse sul territorio italiano allo stesso identico modo, ci sono alcune Regioni per cui i rischi di riapertura dei confini sarebbero troppo alti. – Afferma il Presidente del Codacons, Marco Donzelli – vogliamo capire se i dati effettivamente comunicati dalla Regione Lombardia corrispondano ai dati reali, perché l’accusa lanciata dalla Fondazione Gimbe (bollata come offensiva e inveritiera dalla Regione) è troppo grave.
Dopo le numerose mancanze, negligenze e colpe della Regione, che abbiamo ben specificato nella nostra richiesta alla Prefettura e alla Presidenza del Consiglio dei Ministri di commissariamento della sanità lombarda, aver “falsificato” o comunque “aggiustato” i dati relativi ai positivi al Covid-19 vorrebbe dire mettere a rischio migliaia e migliaia di vite umane, che dopo l’immane tragedia avvenuta nelle RSA, nel bergamasco e nel bresciano, sarebbe il punto più basso della storia lombarda.”
RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular