E’ morto Michael Lang entrato nella storia per avere organizzato il Festival di Woodstock nel 1969

0
826
Michale Lang é morto a 77 anni

VARESE, 9 gennaio 2022- Michael Lang, l’impresario di concerti che ha contribuito a concepire lo storico festival musicale del 1969 Woodstock, che ha praticamente forgiato una nuova generazione, è morto sabato sera all’ospedale Sloan Kettering di New York. Aveva 77 anni. E con lui se ne va un altro pezzo importante di storia e cultura musicale.

Michael Pagnotta, rappresentante di Lang e amico di famiglia di lunga data, ha confermato al sito Rolling Stone.com (da cui abbiamo attinto per articolo, ndr) la morte del promotore, aggiungendo che la causa era una rara forma di linfoma non Hodgkin.

Insieme agli uomini d’affari John Roberts e Joel Rosenman e al promotore dell’industria musicale Artie Kornfeld, Lang, che in precedenza aveva promosso il Miami Pop festival del 1968, ha co-creato la Woodstock Music and Art Fair l’anno successivo. Notoriamente annunciato come “Tre giorni di pace e musica”, il festival nello stato di New York ha attirato fino a 400.000 persone nella fattoria di Max Yasgur a Bethel, New York, e ha visto la partecipazione di dozzine di grandi nomi del rock, tra cui Santana, Creedence Clearwater Revival, the Who, Jimi Hendrix e Crosby, Stills, Nash e Young.

Lang aveva solo 24 anni quando ha contribuito a concepire il festival, che sarebbe diventato una pietra miliare della controcultura enormemente influente, grazie in parte a un documentario sull’evento pubblicato l’anno successivo.

Nel corso degli anni, il nome di Lang è diventato sinonimo del marchio Woodstock, poiché il promotore ha contribuito a dirigere le successive iterazioni del festival nel 1994 e nel 1999. (Quando Pollstar ha chiesto a Lang nel 2019 cosa vuol dire  essere il “Ragazzo manifesto di Woodstock per l’eternità”, ha ha risposto: “La vita è piena di esperienze e non tutto funziona. Ma continui a provare o non funziona niente… Questo è sempre stato il mio atteggiamento.”) Un concerto per il 50° anniversario nel 2019 è stato impantanato in polemiche e problemi legali ed è stato cancellato prima che fosse potrebbe andare avanti.

Lang, originario di New York, si trasferì a Coconut Grove, in Florida, alla fine degli anni ’60 e aprì un head shop. “Il clima è perfetto, le persone amano una varietà stimolante di cose artistiche e non c’era posto per loro per stare insieme”, ha detto Lang nel libro dell’autrice Ellen Sanders del 1973 Trips: Rock Life in the Sixties. Ha applicato la stessa etica ai festival musicali, a partire dal Miami Pop fest nel maggio 1968. Il festival, a cui hanno partecipato 25.000 persone, comprendeva set di Jimi Hendrix, John Lee Hooker, Chuck Berry e Mothers of Invention, tra gli altri.

Dopo essere tornato a New York, Lang incontrò Kornfeld, allora vicepresidente della Capitol Records, e iniziò la Woodstock Ventures con Roberts e Rosenman. Dopo che una serie di location pianificate sono fallite, il quartetto è stato notoriamente in grado di organizzare il festival nella fattoria di 600 acri di Max Yasgur, un allevatore di latte a Bethel, New York, immortalato nel successo del 1970 di Crosby, Stills, Nash e Young “Woodstock”.

Nel 2004, l’evento si è guadagnato un posto in “50 Moments That Changed the History of Rock and Roll” di Rolling Stone.

“Pensavamo di essere tutti hippy individuali e dispersi”, ha detto David Crosby a Rolling Stone nel 2004. “Quando siamo arrivati ​​lì, abbiamo detto: ”Aspetta un minuto, è molto più grande di quanto pensassimo. Siamo volati lì in elicottero e ho visto la New York State Thruway ferma per 20 miglia e una folla gigantesca di almeno mezzo milione di persone. Non potevi davvero capire quante persone c’erano. Non era mai successo prima, ed è stato un po’ come far atterrare degli alieni”.

“E’ stato incredibile”, ha aggiunto Carlos Santana. “Non dimenticherò mai il modo in cui la musica rimbalzava su un campo di corpi.” (tradotto da rollingstone.com)

redazione@varese7press.it

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui