Guerra in Ucraina, Grimoldi (Lega): “Profughi ucraini accolti da Polonia, Ungheria e Slovacchia, gli stessi Paesi che la sinistra insultava su questione migranti”

0
403

MILANO, 26 febbraio 2022 – “Gli ucraini in fuga dalla guerra stanno trovando riparo in Polonia, dove sono arrivati già circa 100mila profughi, e presto potranno rifugiarsi anche in Slovacchia e Ungheria. Esattamente quei Paesi che le belle anime della sinistra di casa nostra hanno sempre indicato come cattivi e senza cuore, perché avevano giustamente chiuso le frontiere all’immigrazione clandestina. Eppure, di fronte a una vera e reale emergenza, non esitano ad aprire le porte e ad accogliere profughi veri, che fuggono da una guerra reale”.

Così l’On. Paolo Grimoldi, deputato della Lega Salvini Premier e Presidente della delegazione italiana all’Osce, sull’emergenza profughi dovuta alla guerra in Ucraina.

“Mi sembra evidente che qualcuno debba farsi un’analisi di coscienza – prosegue il deputato leghista – Paesi come la Polonia, l’Ungheria, la Slovacchia, e gli altri difendevano la propria sovranità, non sono quei ‘mostri’ che il Pd e la sinistra in generale hanno dipinto, ma sono nazioni che difendono la propria sovranità, ma allo stesso tempo sono pronti ad essere solidali e ad aiutare chi ha veramente bisogno”.

“Sono gli stessi Paesi – conclude Grimoldi – che hanno subito la dittatura sovietica nella seconda metà del Novecento e hanno combattuto per la propria libertà, quando le forze politiche di sinistra di allora, che hanno poi fondato il Pd, applaudivano ai carri armati sovietici a Budapest e a Praga. La sinistra dovrebbe chiedere loro due volte scusa”.

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui