Mentre le famiglie in lutto di Parkland aspettavano Trump, lui ha inveito su come “fermare i messicani”

0
791
Donald Trump durante una visita al muro di confine quando era presidente degli Stati Uniti

NEW YORK, 27 maggio 2022-Donald Trump ha pubblicato mercoledì la necessità di “soluzioni reali e leadership reale” in risposta alla sparatoria di massa nella scuola a Uvalde, in Texas, e probabilmente farà una chiamata simile venerdì, quando si recherà a Houston per affrontare il National Rifle Associazione. Ma quando c’è stata un’altra sparatoria di massa in una scuola durante la sua presidenza, non ha offerto nuove soluzioni e, secondo una persona presente, era mentalmente assente in un momento critico per affrontare la crisi della violenza armata.

Mentre la squadra di Trump lo stava preparando alla fine del 2018 per incontrare le famiglie dei bambini assassinati di Parkland, in Florida, il presidente, secondo i presenti, era più preoccupato per il suo muro di confine e il desiderio di “bloccare ai messicani”, oltre a un titolo poco lusinghiero sul sito di notizie conservatore, Drudge Report.

L’incontro in questione è avvenuto nel dicembre del 2018, quando l’amministrazione aveva invitato alla Casa Bianca le famiglie selezionate delle vittime di Parkland per una tavola rotonda sul “Rapporto della Commissione federale sulla sicurezza scolastica”. Prima del vertice davanti alla telecamera, Trump con le famiglie era in una riunione a porte chiuse dello Studio Ovale, dove il suo staff stava cercando di preparare l’allora presidente a discutere della sicurezza scolastica e di cosa stava apparentemente facendo la sua amministrazione al riguardo.

Secondo Miles Taylor, allora funzionario del Dipartimento per la sicurezza interna che si trovava all’Ovale quel giorno, i consiglieri hanno avuto a malapena “due minuti” per informare Trump sulle raccomandazioni sulla “sicurezza scolastica” prima che il presidente ribaltasse l’incontro con una filippica lunga e non correlata .

“Voglio chiudere il confine. Facciamolo. Se non mi danno i soldi chiudiamo l’intero confine”, ha detto Trump, secondo appunti contemporanei che Taylor ha preso dall’incontro e condiviso con Rolling Stone. Trump voleva i soldi per il suo muro e la sua spinta a costruire faceva parte di uno sfogo più lungo in cui discuteva del confine e urlava ai suoi luogotenenti su varie lamentele dei media. “Non riesco a concentrarmi sui bambini. Non si preoccupa dei bambini. Posso concentrarmi solo sul muro e sul possibile arresto… Fanculo”, si legge nelle note. (fonte www.rollingstone.com)

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui