La coalizione Europa Verde e Sinistra Italiana ha presentato i suoi candidati a Varese: ”Temiamo l’onda nera. Il nostro programma green é il piú apprezzato all’estero”

0
336
I candidati alla Canera e Senato a Varese

VARESE, 6 settembre 2022- di GIANNI BERALDO-

L’Alleanza Verdi-Sinistra (Europa Verde e Sinistra Italiana) ha presentato i propri candidati sul territorio varesino per Camera dei Deputati e Senato nella bella cornice della terrazza del bar di Villa Mirabello.

Un programma quello messo in campo dalle due forze politiche (che hanno trovato la giusta intesa per affrontare al meglio questa particolare campagna elettorale) puntando a superare la soglia percentuale minima prevista come sappiamo per il 3%,

Quel poco di sinistra rimasto nella politica nazionale ha trovato ‘casa’ nel campo-piuttosto ristretto a dire la verità- in quel centrosinistra che vede capofila il Partito Democratico.

Alleanza che verte su valori fondamentali come ambiente, rispetto per i diritti è anche usando termini come pacifismo, che in questi tempi di guerra sembra un felice dejavù stile anni Sessanta quando manifestazioni e lotte dei giovani antisistema era una forza propulsiva atta al cambiamento. Quel sistema ovviamente.

In questa lista in realtà di giovani non ne abbiamo visti (almeno qui a Varese) e forse questo è un controsenso ideologico per un’alleanza che invece dovrebbe puntare fortemente su forze e idee dei giovani.

Dopo una breve introduzione d Lorenzo Colombo, coordinatore Sinistra Italiana

Lorenzo Colombo coordinatore SI provinciale

a Varese e di Walter Girardi della segreteria nazionale di Possibile, partito alleatosi con Verdi e SI solo recentemente, il primo candidato alla Camera a presentarsi è stato Massimiliano Balestrero, 56 anni, di Europa Verde consigliere comunale Ispra: <<Il M5S oggi dice che è di sinistra e ambientalista questo ci lascia sorpresi. Stessa cosa dicasi per Calenda per il quale non vedo che abbia determinate caratteristiche di centrosinistra. La destra di preoccupa, soprattutto dopo il discorso della Meloni in Andalusia, una persona dalla doppia facciata. La nostra visione è quella di mutuare dal programma nazionale gli aspetti fondamentali che riguardano il nostro territorio. Come il consumo di suolo nel sud della provincia come ad esempio il masterplan della Malpensa>>.

Maria Luisa Ramponi

Di Europa Verde è pure la candidata alla Camera Maria Luisa Ramponi, varesina che punta il dito sulla recente riqualificazione e balneabilità del Lago di Varese <<Ho pochissima esperienza politica ma ho deciso di accettare la candidatura per dare il mio contributo portando idee in ambiti diversi come evitare lo spreco. Ma parlerei pure del Lago di Varese con il problema della biodiversità e la malaugurata idea di tentare la carta turistica. Finalmente ho visto persone giovani e questo mi fa molto piacere>>.

Lo spettro Meloni e la sua politica che strizza l’occhio a esponenti di estrema destra intimorisce

Dario Ferrari, 64 anni pensionato, coordinatore cittadino SI a Busto Arsizio e

Dario Ferrari di SI, candidato alla Camera

candidato alla Camera <<Quest’onda nera che sta arrivando mi dà la forza di lottare ancora evidenziando il primo punto del nostro programma che vede il rispetto della Costituzione. Non si possono cancellare i diritti di tante persone o cancellare lo jus solis. Facile quando bvi è consenso trovare soluzioni pseudo alternative con costruire centrali nucleari. Noi puntiamo davvero su energia green>>.

Tra i candidati al Senato presenti stasera troviamo pure Maurizia Punginelli, 58enne nata a Venezia, della direzione nazionale di Europa Verde: <<Il nostro non è un programma dell’ultimo minuto ma il frutto del lavoro di gruppi che si sono costituiti già l’anno scorso. Programma riconosciuto a livello internazionale

Maurizia Punginelli

come miglior programma a livello energetico e per quanto riguarda i diritti. Sono capolista al Senato e mi presento in lista in diverse città lombarde. Stiamo conducendo una campagna elettorale organizzando incontri a tema con diversi esperti dei vari settori ambientale e energetici. Tra i temi importanti anche quello di come discutere sulle Cer, interessante per il coinvolgimento dei cittadini>>.

Doi esperienza politica ne ha accumulata certamente Paolo Lanfranchi, 47 anni per SI, sindaco di Dolzago e consigliere provinciale di Lecco, in corsa per il Senato<<Dalle mie esperienza amministrative dico che tra le priorità vi è quella di curare wellfare a livello locale. Non bastano incentivi rilasciati di volta in volta per quanto attiene il disegno

Paolo Lanfranchi candidato al Senato

territoriale, non dobbiamo fare il ‘giro delle sette chiese’ per mettere un pannello fotovoltaico ad esempio. Sono consapevole di essere dalla parte giusta e non mi piace parlare degli altri ma solo delle nostre proposte concrete che riguardano la vita dei cittadini. Tutto danno per scontato l’esito elettorale, noi non abbiamo candidature di servizio ma solo scelte per competenze e passione di ognuno>>.

Di Erba è invece Anna Toffoletti, 64 anni, ex dirigente

Anna Toffoletti

scolastico anch’essa candidata al Senato, con una certa propensione nell’aiutare le perspone deboli e in difficoltàa frutto della sua attività di volontariato <<Pur essendo le nostre provincie ricche vi sono molte fasce di persone povere. Noi dobbiamo intervenire sul reddito minimo e lavoro precario, puntando sul tempo indeterminato. Sulla scuola il programma è molto ampio e ambizioso, giusto perchè dal riscatto della scuola parte il riscatto del Paese. Obbligo scolastico fino a 18 anni con scuola gratuita dal nido all’università. Inoltre proponiamo dieci mesi di trasporto gratuito>>.

Tra i più ‘combattivi” questa sera certamente Maurizio Antonio Cremascuoli, 61 anni

Maurizio Antonio Cremascuoli, candidato al Senato

candidato al Senato, lavora al Comune di Milano e fa parte di Europa Verde: <<La famosa ‘città giardino’ ha poco di questo aspetto visto che sta dilagando l’asfalto anche a Varese. Qualcuno mi ha definito ‘lo scemo ambientalista’ allora felice di esserlo se le nostre proposte parlano da sole. Il consumo di suolo nasce forse dai signori di Cernobbio che hanno lucrato e guadagnato su questo. Sono appassionato del verde e ho fatto pure delle denunce nel mio Comune, Cislago, quando variavano il Pgt magari per costruire una nuova casa. l”associazione Salviamo il paesaggio ha presentato una proposta di legge sul consumo di suolo, proposta di legge ferma al Snato da sette anni. Dovessimo avere dei rappresentanti in quella sede istituzionale dovrebbe essere uno dei primi interventi legislativi da mettere in campo>>.

Tra gli assenti alla presentazione la 26enne Claudia Mapelli. Impegnata dal 2016 al 2021 come Capogruppo consiliare a Cassano D’Adda, da diversi anni impegnata in diverse attività di volontariato.

redazione@varese7press.it

image_pdfimage_printStampa articolo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui