martedì, Maggio 28, 2024
HomeMondoTurismoDati Federturismo: niente sold out, vacanze da una settimana la più gettonata

Dati Federturismo: niente sold out, vacanze da una settimana la più gettonata

VARESE, 2 agosto 2023-Sulla carta si preannunciava un’estate da tutto esaurito e anche se le avversità metereologiche e gli incendi divampati negli ultimi giorni non comprometteranno le vacanze, preoccupano le ripercussioni sulla pianificazione dei viaggi di agosto di italiani e stranieri in quelle che da sempre sono state tra le destinazioni mare preferite per l’estate, che potrebbero condizionare le prenotazioni di chi non si era ancora organizzato.

Nonostante l’inflazione e il rincaro dei prezzi, luglio, a parte qualche regione che ha registrato una significativa contrazione, si è comunque chiuso il linea con lo stesso periodo dello scorso anno e per il mese di agosto, secondo Federturismo si prevede nelle principali città d’arte (Roma, Firenze, Venezia e Napoli) un’occupazione camere dell’85% in prevalenza da parte di turisti stranieri: tedeschi, francesi e americani.

La vacanza balneare rimane sempre la prima scelta degli italiani, ma il caldo record ha fatto registrare un’impennata di richieste anche per la montagna che registra un +2% rispetto al 2022.

Si continuano a preferire le mete nazionali, solo un italiano su tre sceglie l’estero, a volte perchè più competitivo come nel caso dell’Egitto o della Tunisia o per affezione verso le isole spagnole e greche. Ma i rincari, che trascinano al rialzo le tariffe degli aerei hanno rallentato la scelta da parte di molti di destinazioni a lungo raggio come Stati Uniti, Caraibi o Seychelles.

Un elemento da sottolineare rimane comunque che il caro vita ha comportato per i nostri connazionali la riduzione della durata del soggiorno ad una settimana, la compressione della spesa facendo tornare in auge la vecchia vacanza last minute.

“Quanto successo quest’estate – sottolinea la presidente di Federturismo Confindustria Marina Lalli – è un campanello d’allarme che impone a tutti noi una riflessione perché ondate di calore sempre più frequenti e intense potrebbero portare nei prossimi anni a cambiare le abitudini dei turisti, modificando la geografia delle vacanze verso destinazioni più fresche rispetto al sud Europa o a far slittare, soprattutto nel caso della clientela straniera, le vacanze in primavera- autunno”.(fonte travelnostop.com)

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular