giovedì, Febbraio 29, 2024
HomeVarese e provinciaBusto Arsizio, la Scuola Tommaseo con lo STEAM conquista la prima fascia...

Busto Arsizio, la Scuola Tommaseo con lo STEAM conquista la prima fascia nazionale dei Bebra

BUSTO ARSIZIO, 19 gennaio 2024 –l’Istituto Comprensivo “Nicolò Tommaseo”, in linea con le teorie e metodologie didattiche moderne attuando gli interventi normativi e non solo, dopo le attività della Code Week, dal 13 al 17 novembre 2023 ha partecipato al Concorso non competitivo «Bebras dell’Informatica» per risoluzione di problemi logici con giochi ispirati a reali problemi di natura informatica. L’attività è stata realizzata in collaborazione con l’Università degli Studi di Milano.

Da tale partecipazione l’antica istituzione scolastica bustocca si è collocata con quattro classi (4B, 5B, 5C e 5D ) della Scuola Primaria “Tommaseoe due classi (2A e 2C) della scuola Secondaria di primo Grado “Prandina” nella prima fascia nazionale con tanto di evidenza nella pubblica graduatoria rispetto alla completezza e correttezza dei quesiti nel minor tempo possibile.

Tra le altre cose, dall’anno scolastico 2023/2024, la Scuola Primaria ha attivato anche il Progetto «AttivaMente» che prevede l’individuazione di una giornata al mese da dedicare ad attività di logica e STEAM (Science Technology Engineering Art Mathematics) in maniera strutturata e su base trasversale rispetto alle discipline di competenza.

Attualmente i bambini delle classi quarte e delle classi quinte della Scuola Primaria Tommaseo sono impegnati anche alla preparazione della partecipazione ai “Campionati Junior di Giochi Matematici – ottava edizione” organizzati da Mateinitaly con la collaborazione del Centro PRISTEM dell’Università “Bocconi” di Milano e del Centro “Matematita” dell’Università degli Studi di Milano.

Il ricorso alle nuove tecniche e strumenti di apprendimento, con setting inclusivo e l’utilizzo di nuove tecnologie, hardware e software, nonché di robotica educativa permette e promuove un più immediato apprendimento che diventa ricerca-azione e innesca nei bambini processi di riflessione tali da consentire la riorganizzazione delle conoscenze pregresse e integrare gradualmente le nuove. Un approccio alla didattica che parte anche dalla game based learning e giunge alla gamification, ovvero dall’insegnamento come momento di gioco alla verifica degli apprendimenti in modo ludico.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -
Google search engine

Most Popular