In Italia si preleva più acqua potabile che nel resto d’Europa. E la metà si disperde

0
721

VARESE, 30 giugno 2023-L’acqua è fondamentale per la vita, ma non è una risorsa inesauribile. Relativamente ad altri paesi a più basso livello di sviluppo, l’Italia non ha problemi di approvvigionamento o di salubrità dell’acqua. Tuttavia anche da noi i cambiamenti climatici, insieme all’aumento della domanda, costituiscono un fattore di pressione.

È quindi importante utilizzare efficientemente le risorse idriche e ridurre il più possibile gli sprechi. Il nostro paese è ancora caratterizzato da una gestione frammentata e inefficiente di questa risorsa.

L’Italia è il secondo paese Ue per estrazione d’acqua pro capite (155 metri cubi l’anno). Tuttavia, appena più della metà di quanto immesso in rete viene poi effettivamente erogato: il restante 49% viene invece disperso. La maggior parte dei comuni che registrano perdite idriche consistenti si trova al sud, mentre è soprattutto al nord che viene erogata più acqua. Tra le regioni, il dato più elevato è quello della Valle d’Aosta.(fonte openpolis.it)